Il tuo benessere

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

Il tuo benessere

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

Alimentazione: l’importanza di sviluppare delle corrette abitudini alimentari fin dalla nascita

 

Ludwig Feuerbach ci ha insegnato che “L’uomo è ciò che mangia”, ma già prima di lui molti studiosi hanno sottolineato l’importanza dell’alimentazione per il nostro benessere fisico e mentale. Ce ne parla oggi la Dr.ssa Simona Paoloni, specialista in Scienza dell’Alimentazione.

alimentazione

Perché è importante prestare attenzione all’alimentazione durante l’allattamento?

Durante l’Allattamento, un’alimentazione corretta ed equilibrata è fondamentale al fine di garantire una buona composizione del latte materno, sia per soddisfare l’aumentato fabbisogno energetico e nutrizionale della neo-mamma ma anche per contribuire ad un’ottima crescita e salute del neonato.

Quali sono i benefici dell’allattamento per la mamma?

L’allattamento per la prima ora post-partum aumenta la contrattilità uterina, a causa del rilascio di ossitocina favorita dalla suzione del neonato e riduce anche l’emorragia oltre a stimolare l’utero a tornare più rapidamente alle dimensioni pre-gravidanza.

Inoltre l’allattamento esclusivo al seno ritarda la comparsa del normale ciclo ovarico contribuendo al ripristino dei depositi materni e alla correzione dell’anemia.inoltre l’allattamento al seno è considerato un fattore protettivo per il tumore della mammella.

E per il neonato?

Durante gli ultimi decenni sono aumentate e documentate le certezze che l’allattamento al seno produca effetti positivi per la mamma e per il neonato durante l’allattamento.

Il beneficio maggiormente accreditato è la protezione dalle malattie infettive con la formazione di un sistema immunitario “robusto”.

L’allattamento al seno sembra inoltre essere associato ad una riduzione della pressione sistolica in età adulta (diminuzione di circa 1,2 mmHg) ed a un decremento del rischio di insorgenza di diabete mellito tipo 2 e di insulino-resistenza nei neonati e questo effetto sembra persistere anche in età adulta.

C’è un effetto benefico anche per le malattie respiratorie come il broncosparmo e le infezione delle basse vie aeree.

alimentazione

È attualmente previsto un piano di educazione alimentare nelle scuole? In che modo i nutrizionisti possono intervenire?

Proprio quest’anno il Ministero dell’Istruzione ha avviato un programma per la promozione dell’educazione alimentare nelle scuole.

A fronte di una sempre maggiore richiesta di professionisti esperti in nutrizione nella società per cercare di fronteggiare i fenomeni conseguenti a una non corretta alimentazione, l’Ordine dei Biologi,  ha deciso di collaborare attivamente con i vari istituti scolastici inviando gli esperti in nutrizione, ad affrontare questa importante tematica nelle scuole.

Il nutrizionista incontra bambini nelle scuole per parlare con loro dell’importanza del consumo di alimenti sani per la promozione di un corretto stile di vita e per l’applicazione delle “Linee guida per l’educazione Alimentare”.

Perché e importante che l’educazione alimentare sia trattata fin da piccoli?

L’educazione alimentare inizia dal primo momento in cui veniamo concepiti. L’obesità infantile ormai è considerata una vera e propria epidemia.

Nel nostro Paese, secondo le indagini ISTAT, il 24% dei ragazzi tra i 6 e i 17 anni presentano un eccesso ponderale; eccesso che in età adulta può portare a malattie cronico-degenerative come la sindrome metabolica, ipertensione, diabete mellito, eccetera. Un bambino obeso, se non tempestivamente trattato ed informato, sarà molto probabilmente un adulto obeso.

Dr.ssa Simona Paoloni

Specialista in Scienza dell’Alimentazione


Hai bisogno di un Professionista per la tua casa? Trovalo su ProntoPro!

Cerca Professionista