Come addestrare un cane: i 4 insegnamenti base

Pubblicato il 20 settembre 2018 da ProntoPro
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin

Avete appena adottato un cane, ma faticate ad impartirgli degli ordini? È normale scoraggiarti dopo pochi tentativi. Le tecniche su come addestrare un cane possono variare a seconda della persona alla quale ti rivolgi.

In questo articolo vogliamo raggruppare e spiegare i 4 insegnamenti base che spiegano come addestrare un cane, in maniera efficace

  1. Comando “seduto”
  2. Comando “ferma/resta”
  3. Comando “vieni”
  4. Comando “no”

Innanzitutto è necessaria l’attenzione del cane, così da poterlo far concentrare su di noi.

L’obiettivo generale di questi articoli su come addestrare un cane è di associare un’azione con un comando, così da aiutare il cane ad associare un gesto con un ordine. Prima di iniziare con gli esercizi di allenamento bisogna armarsi di tante coccole, pazienza e di una buona dose di biscotti per cani. Questi ultimi renderanno l’apprendimento molto più veloce.

Comando “seduto”

cane

Grazie all’aiuto del tanto atteso premio, il biscotto, è necessario farne sentire al nostro amico a quattro zampe l’odore. Questa azione farà capire che presto il pezzetto di cibo sarà suo. Ora si può iniziare a provare ad insegnare il comando “seduto” al nostro cane, tramite l’azione di indurre il cane a sedersi. Se funziona, bisogna ripetere scandendo bene il comando “seduto”, dandogli un biscottino. Questa azione insegnerà al cane quale sarà la sua ricompensa se ascolta le nostre parole. Bisogna ripetere la stessa operazione per 3 o 4 volte, poi bisogna fare un po’ di pausa. Se l’esito è positivo, la missione è compiuta e arriva il momento di premio e coccole, altrimenti bisogna iniziare il procedimento da capo.

Comando “ferma”

cane

Questo comando permette di chiedere al cane di fermarsi ed aspettare il proprietario. Alcuni cani hanno difficoltà ad apprendere quest’azione, perché crea un involontario“distacco” dal proprietario. Bisogna posizionarsi di fronte al cane, rimanendo però vicini.Portare avanti la mano in segno di “STOP” e scandire il comando “RESTA”. Fare un piccolo passo indietro ed impartire lo stesso ordine.
Se il cane è rimasto al suo posto, riavvicinarsi lentamente e premiarlo con un biscotto, ripetendo scandendo bene la parola “RESTA”. Ripetere l’operazione se non si nota nessun apprendimento.

Comando “vieni”

addestramento cani

Per questa parte di addestramento, se il cane parte dalla posizione di “resta”, bisogna allontanarsi dall’animale di qualche passo. Dopo aver eseguito questo step, provate a pronunciare il comando “vieni” e aspettate che il cane si muova verso di voi. In caso contrario è fondamentale impartire l’ordine “seduto” e premiarlo egualmente. Ripetere l’azione finché il cane non risponderà al comando, alzandosi e raggiungendovi.

Comando “no”

addestramento cane

L’importanza di questo comando deriva dalla possibilità di trovarsi con il proprio amico in situazioni di pericolo. l cane deve imparare quali potrebbero essere quest’ultime (es. Attraversare la strada con le macchine che sfrecciano), ed interiorizzare questi insegnamenti. Per fare ciò è importante che prima capiscano il comando “no”.

Quando non è giusto usare il comando NO. Questo comando non va mai impartito quando è troppo tardi per il cane di interrompere l’azione sbagliata, oppure quando è troppo presto perché non è successo ancora nulla che giustifichi l’ordine.

 

 

Riassunto
Data
Oggetto
Come addestrare un cane: i 4 insegnamenti base
Valutazione
51star1star1star1star1star

Condividi l'articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin
Pubblicato il da ProntoPro
Postato in: Il tuo tempo libero
Articoli correlati:

CODICI E CODICILLI - Madrelingua traduttrice, proofreader, ed insegnante di inglese e italiano

Traduzioni a Firenze
scritto da Roberto S il 20/11/2017
Mi sono avvalso di Eleonora Harris per la traduzione in inglese del nostro sito web aziendale. Oltre all'indubbia capacità tecnica ho potuto...

GS di Simonelli Giacomo

Idraulico a San Secondo Parmense
scritto da Maddalena B il 20/11/2017
Bravissimo Giacomo che ha risolto il problema in brevissimo tempo con un'ottimo risultato! da ricontattare sicuramente se dovessi averne anc...

Antennista elettricista

Elettricista generico a Ciampino
scritto da Cristian V il 20/11/2017
Sono stati professionali, rapidissimi, e hanno risolto brillantemente il problema. Trattamento economico e giusto, mi hanno poi offerto un m...

Luca Gomiero

Rifacimento intonaco pareti a Treviso
scritto da Vukadinovic M il 20/11/2017
Che dire... non potevo fare una scelta migliore! Ho contattato Luca per l'isolamento di una terrazza e la dipintura interna di casa. Il lavo...

Birolini manutenzioni srl

Manutenzione o revisione caldaia a Bergamo
scritto da Mara I il 19/11/2017
Eccellente servizio, puntuale, preciso e professionale. Il preventivo è stato chiaro ed il tecnico molto corretto nella spiegazione e applic...

Bolzonella Andrea posa levigatura e restauro pavimenti e scale in legno

Lucidatura parquet a Dolo
scritto da Antonio M il 19/11/2017
Bolzonella Andrea, ottimo artigiano è un vero professionista del parquet, competente, serio, gentile e puntuale ha eseguito la lamatura, st...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come funziona ProntoPro

Fai la richiesta
1

Fai la richiesta

Indica di che cosa hai bisogno in pochi click.
Confronta i preventivi
2

Confronta i preventivi

In poche ore riceverai fino a 5 preventivi personalizzati.
Scegli il professionista
3

Scegli il professionista

Scegli il professionista più adatto a te dopo aver confrontato le offerte e consultato i profili.