Come la passione per Joomla! ha permesso di creare un blog

Oggi abbiamo intervistato Daniele Gagliardi responsabile del Blog: blog.dangerx82

Ci parli di lei come è nata l’idea di realizzare un blog incentrato sull’informatica?

Qualche anno fa, lavoravo come formatore presso un’azienda di Trento. In questa sede conobbi un collega che aveva bisogno di aiuto per un progetto che riguardava l’uso del CMS Joomla! Senza conoscerne a fondo la struttura, misi subito mano al codice per la modifica di quello che era uno dei più famosi componenti e-commerce per Joomla!: Virtuemart.

In seguito, l’azienda di formazione presso cui lavoravo, decise anch’essa di utilizzare Joomla! per la realizzazione del proprio sito. Inoltre, si iniziò a progettare un corso di circa 50 ore per insegnare ai clienti a generare un website aziendale basato sul CMS.

Allo scopo di essere in grado di insegnarlo, mi scaricai le dispense dal sito ufficiale e ne studiai la gestione base e avanzata. Infine passai a studiarne il core. Ciò mi fu utile negli anni successivi in quanto grazie al know-how acquisito, si cominciò a offrire ai clienti pacchetti per la creazione del sito e la formazione base su Joomla!.

Il mio blog nasce nel mezzo di questi eventicome strumento di ricerca e approfondimento sul CMS Joomla!.

L’idea base era quella di creare una specie di biglietto da visita online e un punto di riferimento per i corsisti. Infatti, gli esercizi e le dispense che creavo, le mettevo nella sezione download del sito, così che fossero facilmente reperibili anche da casa.

In seguito, mi venne in mente di pubblicare alcune soluzioni a problemi riscontrati durante il lavoro sia per i miei clienti che per me.

Nel 2012 spostai il blog collegandolo a un progetto aziendaleQuesto mi permise di farlo crescere ulteriormente, di aumentarne la visibilità e di trasformarlo un po’ alla volta in quello che è attualmente.

Nel tempo il blog è notevolmente cresciuto grazie all’integrazione di articoli legati al mio lavoro e alla mia passione per le tecnologie informatiche.

Il mantenimento di un blog è tutt’altro che statico. Se si vuole farlo sopravvivere, si deve essere disposti a dedicarci del tempo. È una creatura che ha bisogno di essere nutrita e di una attenta cura nel tempo. Ci vuole passione, e dedizione, ma regala anche molta soddisfazione.

joomla

Quali sono le fonti che predilige per aggiornarsi sulle novità informatiche e tecnologiche?

La rete a volte è un groviglio di informazioni. Non solo: a volte vi è più di una soluzione al problema. Se ne deve vagliare la fattibilità e quale tra le soluzioni trovate siano effettivamente fattibili da tutti. È necessario dunque nella ricerca dei particolari, fare riferimento perlopiù a fonti ufficiali. Se sono in dubbio, ricerco più fonti cercandone il filo conduttore prima di applicare al mio caso le possibili soluzioni. Altre volte, sono costretto ad andare per tentativi, fino alla risoluzione del problema.

Comunque sia, quasi ogni articolo del blog, riguarda problemi da me realmente affrontati e risolti.

Sostengo comunque che se non hai sperimentato sulla tua pelle ciò che scrivi, è meglio non scrivere.

Che consiglio darebbe a chi vorrebbe specializzarsi in questo campo ma non sa da dove iniziare?

L’esperienza di condividere le proprie conoscenze può essere davvero emozionante.

Io scrivo prima di tutto perché mi piace. Non so se poi qualcuno troverà interessante ciò che scrivo, ma è la mia libera espressione in un mondo dove la condivisione delle idee sta alla base di tutto.

Molti non saranno d’accordo, oppure pensano di non avere molto da dare.

Ma pensiamoci un attimo: che mondo sarebbe se invece di inseguire il profitto, ognuno condividesse quello che sa?

Probabilmente il mondo progredirebbe più in fretta perché potremmo attingere a una fonte inesauribile di know-how, l’informazione attendibile e affidabile, crescerebbe esponenzialmente a scapito di quanto è inutile e improduttivo.

Il mio consiglio è di essere originali, di esprimere voi stessi e di non farvi prendere dall’ansia di non sapere cosa scrivere o di fare mera concorrenza ad altri. Ogni progetto richiede tempo e dedizione. Modifiche all’occorrenza. Per dargli forma ci vorrà tempo e studio, ma con il tempo se non vi stancherete otterrete i risultati che state cercando e ne sarete davvero fieri; Per quanto piccoli vi possano sembrare.

Se volete crescere nel mondo dell’informatica o specializzarvi in uno dei mille campi che essa offre, studiate, sperimentate e confrontatevi con chi prima di voi lo ha già fatto.

In qualsiasi campo non vi è spazio per lo scoraggiamento: Anche se non raggiungere degli obbiettivi può essere visto come un fallimento, a volte è solo un nuovo inizio.

Sul sito cita Joomla! e WordPress e quale dei due preferisce e qual è la loro differenza?

I due CMS, sono tra loro molto differenti, anche se hanno delle basi in comune.

Joomla!, nasce dalla scissione dal progetto Mambo la cui missione era quello di consentire di semplificare la creazione di siti interattivi basati su PHP e database MySql.

Il secondo WordPress è nato come blog engine, cioè con il proposito di creare blog facilmente gestibili attraverso un’interfaccia amministratore. Anch’esso si basa su tecnologia PHP e database MySql.

Il supporto a plugin e script e la crescente crescita di questi in numero e funzionalità, ha consentito a WordPress di essere ben più che un semplice generatore di blog.

Con entrambi si posso creare siti dinamici e completi. I due sistemi consentono poi di creare portali espandendone le potenzialità grazie a plugin e componenti aggiuntivi forniti da terzi.

Visto che è l’applicativo che più conosco e ho utilizzato, la mia preferenza ricade su Joomla!

WordPress, lo preferisco se devo fare cose rapide che non richiedono molti fronzoli o che finiranno in mano all’utente finale per le modifiche. Per creare siti aziendali o di rappresentanza è straordinariamente rapido.

WordPress è privilegiato in quanto essendo di gran lunga il CMS più utilizzato, ha una varietà sorprendente di plugin. Alcuni, aggiungono funzionalità che su Joomla! si trovano solo a pagamento.

Anche Joomla! ha eccezionali possibilità di espansione. Ma forse ha una complessità maggiore nella gestione dei contenuti.

Se fossi alle prime armi preferirei di gran lunga WordPress, la facilità con la quale si crea una pagina già linkata in homepage non è paragonabile alla struttura di Joomla!.

Condividi l'articolo: