Come sviluppare un’ottima fotografia di matrimonio

Abbiamo intervistato per voi Salvatore Ponessa che ci ha parlato della sua esperienza e della sua passione per la fotografia di matrimonio.

fotografia di matrimonio

Raccontaci di te stesso e della tua attività. Di quali generi di fotografia ti occupi? E perché lo fai?

Sono un fotografo professionista da oltre 30 anni, e nel corso degli anni ho spaziato dalla fotografia di matrimoni alla fotografia industriale, pubblicitaria, ai servizi fotografici di persone. La cosa che accomuna tutti gli stili di fotografia che ho affrontato è la mia passione per la fotografia. Il documentare quello che vedo con gli occhi attraverso l’obbiettivo.

Raccontaci alcuni degli stili di fotografia che più ti appassionano. In che cosa si differenziano l’uno dall’altro? qual è il tuo preferito e per quale motivo?

La fotografia che mi piace maggiormente è il reportage di nozze. Mi piace catturare gli attimi più emozionanti degli sposi, uno sguardo, un’intesa. Sono momenti irripetibili.

Come si è sviluppata la tua carriera? Come sei passato dall’essere un aspirante fotografo ad essere un professionista?

Ho iniziato a sperimentare la fotografia nei primi anni 80, e dal 1985 è diventata con piacere la mia professione, quando ho aperto il mio Studio a Costa Masnaga (LC).
La fotografia mi ha subito colpito. Ho vissuto tutta l’evoluzione della fotografia, dall’analogico al digitale.

Come ti prepari ad una sessione fotografica? Quali sono gli strumenti più importanti per il tuo mestiere?

Innanzitutto per documentare un matrimonio o comunque per una sessione fotografica bisogna avere la mente libera, in modo da poter dar spazio alla creatività e a concentrarsi sugli attimi che durano a volte anche solo qualche frazione di secondo.
Gli strumenti più importanti, secondo me, sono la testa ed il cuore, ed poi l’attrezzatura, che deve essere sempre all’avanguardia e costantemente aggiornata. Anche il fotografo, secondo me, deve aggiornarsi tutti gli anni sulle nuove tecniche e le nuove tendenze, per realizzare delle creazioni sempre nuove. Credo che il fotografo, ed in particolare quello di matrimonio, abbia la fortuna di documentare delle emozioni irripetibili e uniche, e debba essere quindi sempre preparato al meglio.

Ringraziamo il fotografo Salvatore Ponessa di Fotoponessa per l’intervista concessa a ProntoPro.

Condividi l'articolo: