Compravendita immobiliare. Perchè affidarsi a un’agenzia è meglio

Oggi per Il Blog di ProntoPro intervistiamo Gianmaria Bregolin di Agenzia d’Affari Euganea che ci spiegherà perchè affidarsi a un’agenzia piuttosto che fare da soli.

Quali le sono le caratteristiche di un buon agente immobiliare?

Chi si affida ad un’agenzia immobiliare, che sia un venditore od un’acquirente,
sicuramente cercano entrambi un grande venditore, non di certo un nuovo amico. Un
agente immobiliare professionista deve avere le competenze di vendita giuste. Prima
di analizzare le caratteristiche di un agente immobiliare faccio una piccola premessa
forse non troppo scontata: la vendita parte sempre dal cliente venditore. Quindi con le
competenze di vendita intendo: innanzitutto saper esattamente cosa dire al cliente
venditore per ottenere un incarico di vendita di una casa, sapere esattamente cosa
fare per vendere una casa, avere un valido e collaudato piano d’azione per vendere
una casa.
Il cliente cerca un agente immobiliare che prenda in considerazione quello che dice e
che lo ascolti, un ascolto autentico mirato a risolvergli il problema di vendita e/ ricerca
della casa.
Altra caratteristica essenziale è quella di avere il coraggio di dire la verità al cliente,
soprattutto venditore, sull’andamento del mercato immobiliare, anche se non è sempre
così disposto a sentirsela dire. Solo chi comprende il mercato ed è in grado di
comunicarlo al cliente può essere definito un buon agente immobiliare
commercialmente “aggressivo”.

Quanto importante è affidare un incarico di vendita ad un’agenzia?

Quando un cliente venditore decide di mettere in vendita il suo immobile, si trova a
dover rispondere fin da subito alla seguente domanda: “vendo da solo o mi affido ad
un’agenzia immobiliare?”.
Sicuramente tutti i clienti sono in grado di creare un annuncio immobiliare su qualche
sito immobiliare, oppure mettere un cartello di vendita fuori dalla propria abitazione.
Che cosa c’è di difficile in tutto questo, il cliente può benissimo farlo da solo senza
agenzia, giusto?
In realtà le giuste domande da porsi sono:
“Ho il controllo effettivo di chi entra dalla porta di casa?”
“Quanto tempo posso perdere ad accogliere in casa gente di cui non so niente, nemmeno se può ottenere un mutuo dalla banca?”
“Quanto tengo alla mia privacy?”
Diciamoci la verità: il cliente venditore quando riceve una chiamata da un cliente
acquirente non effettua nessun tipo di controllo ed accoglie in casa sue persone al
100% estranee, molte volte clienti che le agenzie non portano nemmeno in giro a
vedere case. Sperando poi che siano solo dei “curiosi” quelli che entreranno in casa.
Ecco perché è estremamente importante affidare un incarico ad un’agenzia
immobiliare che prequalificherà i clienti presso il proprio ufficio, prima di portarli a
vedere la casa del cliente, assicurandosi che siano dei clienti seri e motivati
all’acquisto di una casa.

Quali sono i vantaggi/svantaggi di un affitto rispetto a una vendita?

Oggi nel 2017 possiamo parlare più di vantaggi nella compravendita di una casa, che
non di un affitto. Uno dei motivi per cui consiglio la vendita è che stiamo vivendo un
momento storico per quanto riguarda i prezzi di compravendita immobiliare. Pertanto,
acquistare oggi una casa, permette a molte persone di poter avere un domani in caso
di rivendita una plusvalenza non indifferente. Questo discorso ovviamente regge in
caso di rivendita non prima di circa 7/9 anni.
Per chi invece deve affrontare una permanenza momentanea per qualsivoglia motivo,
l’affitto è una soluzione che comporta molti più vantaggi in termine economico
all’acquisto, questo perché purtroppo ancora oggi il mercato immobiliare sta avendo –
seppur lieve – una flessione in negativo, e non si prevede almeno per i prossimi 3/5
anni un accenno di arresto.

Ringraziamo Gianmaria Bregolin per la preziosa testimonianza!

Condividi l'articolo: