Cosa fare quando c’è bisogno di un investigatore privato

Per capire se si ha bisogno di usufruire dei servizi di un investigatore privato a Milano, è necessario esporre tutti i propri dubbi a un professionista del settore: le statistiche rivelano che in 9 casi su 10 i dubbi di chi contatta un investigatore sono fondati. Che si tratti di investigazioni assicurative, aziendali o private, sono molti gli ambiti coinvolti: insomma, non bisogna pensare che ci si rivolga a un investigatore solo per scoprire se si è traditi dal proprio partner, anche se non si può negare che la presunta infedeltà di un coniuge rientri tra le motivazioni principali.

Cosa fare in caso di presunta infedeltà

D’altro canto i tradimenti rappresentano una delle cause più frequenti per le quali un matrimonio o un rapporto di coppia falliscono. Un investigatore privato viene spesso chiamato in causa nel delicato settore coniugale, anche per ottenere delle prove concrete che potranno essere utilizzate davanti al giudice e fatte valere nel corso di una separazione o di un divorzio in tribunale. Il cliente che sceglie di entrare in contatto con una agenzia di investigazioni di Milano ha un primo colloquio nel quale il team di professionisti prova a capire qual è la situazione reale, valutandola ed esaminandola nel dettaglio, anche per capire se un pedinamento costituisca la soluzione più adatta per arrivare a dei risultati concreti.

In caso di risposta affermativa si può procedere e si può iniziare a programmare la parte investigativa e tecnica, con l’avvio delle indagini vere e proprie. Il lavoro si può articolare in fasi e in momenti differenti a seconda dei casi, anche se in qualunque circostanza si rivela fondamentale monitorare e tenere traccia degli spostamenti della persona su cui si deve investigare. Le ricerche e gli appostamenti vengono effettuati nel rispetto della privacy altrui, anche se è chiaro che lo scopo dei pedinamenti deve essere quello di accertare incontri e appuntamenti clandestini in modo tale che possano essere documentati. Non è un caso che si parli di incontri e appuntamenti, e non di un singolo incontro: le prove devono, infatti, essere plurime, sia per garantire al cliente le certezze di cui è in cerca, sia per appurare che non si ha a che fare con un episodio sporadico.

Non solo tradimenti coniugali: tutti i servizi dell’investigatore privato

Non è detto che i tradimenti su cui un’agenzia di investigazioni può essere chiamata a indagare siano solo di tipo coniugale. Molto diffusi, per esempio, sono quelli aziendali, messi in atto da dipendenti o dirigenti di società nel contesto di un rapporto di lavoro. Le indagini devono essere effettuate dalla Guardia di Finanza solo nel settore pubblico, mentre nel settore privato possono intervenire gli investigatori. Le motivazioni per le quali un datore di lavoro può arrivare a chiedere indagini su un proprio dipendente sono molteplici: per esempio il sospetto che i permessi concessi per la legge 104 vengano usati in modo scorretto, oppure un assenteismo eccessivo dovuto a giorni di malattia richiesti in gran numero.

A volte sono proprio i colleghi del sospettato ad avanzare dubbi e a far giungere soffiate alle orecchie dei capi. Le persone oggetto di indagine vengono seguite e studiate, in modo tale che possano essere documentati i loro spostamenti: alla fine si provvede alla stesura di una relazione, che include video e immagini, messa a disposizione del cliente. Anche in questo caso, così come per i divorzi, le prove che sono state raccolte da un investigatore privato hanno carattere di ufficialità e, di conseguenza, possono essere riprodotte in giudizio.

Da non dimenticare, in conclusione, le investigazioni del ramo patrimoniale e commerciale relative ad aziende in crisi finanziaria e le indagini su possibili truffe compiute ai danni delle compagnie assicurative. Naturalmente i costi dell’investigatore privato dipenderanno dall’ampiezza dei soggetti interessati, dalla complessità delle indagini svolte e dalla strumentazione utilizzata per raccogliere le prove, nonché com’è ovvio dalla durata complessiva delle indagini.

Condividi l'articolo: