Edil Piemme e la ristrutturazione

Siamo qui oggi con Enos Pradella che ci ha parlato della ditta Edil Piemme Srl e della ristrutturazione della casa.

Parlaci un po’ di te. Come è nata e si è sviluppata la tua attività?

Edil Piemme S.r.l. nasce dalla ditta individuale Pradella Mauro Edilizia, che con più di 30 anni di attività nel settore edile, decide nel 2001 di cambiare ragione sociale ed introducendo le figure tecniche del Geom. Pradella Enos e del perito elettronico Pradella Omar, entrambi suoi figli. Da quel momento la società inizia un cammino iniziato anni prima verso l’avvicinamento prima all’edilizia a risparmio energetico, sia per quanto riguarda i materiali che per l’impiantistica, diventa interprete delle energie rinnovabili e sposa i concetti bioedili e di riqualificazione energetica.

Parliamo di ristrutturazione edile, quali sono le tecniche che conviene seguire per ristrutturare casa? Ci puoi fare qualche esempio?

Da quando in Italia sono nate le detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sulle riqualificazioni, è cambiato da parte nostra l’approccio tecnico-pratico, il difficile è farlo comprendere ai clienti che sono rimasti alla concezzione che qualsiasi intervento edili sia un costo, non è così. Oggi investire nella riqualificazione energetica con materiali sostenibili e con tecnologie ad energia rinnovabile è a tutti gli effetti un’investimento finanziario che produce reddito, con conseguente aumento del confort abitativo. Ad esempio coibentare i muri perimetrali, sostituire i serramenti vetusti, isolare la copertura, porta l’abitazione ad una classe energetica inferiore con aumento del valore intrinseco, ad una riduzione dei consumi energetici, che considerando aumenti annui dal 3-5% diventano per chi ha eseguito correttamente i lavori interessi. A questo punto installare impianti da fonti rinnovabili con consumi già ridotti significa portare il nostro investimento ad interessi a doppia cifra tra il 10-15% con le tasse precedentemente versate che vengono rimborsati.

Sul mercato vi sono numerosi materiali e rivestimenti, quali consigliate ai vostri clienti e soprattutto perché?

I materiali migliori restano quelli naturali, lana di roccia, sughero, per le pareti, fibra di legno per le coperture, serramenti in legno con tripli vetri, impianto fotovoltaico al silicio, impianto termodinamico per acs o pompa di calore aria-aria, ecc. Arrivando a prodotti quali intonaci in argilla, cappotti in canna palustre, solai in legno, tetti in legno, ecc. con questi materiali sarete sempre sicuri della salubrità  degli ambienti e del risparmio energetico sia invernale che estivo.
Ringraziamo Enos per l’intervista, ricordiamo che potete trovare il suo sito qui
Condividi l'articolo: