Fare l’imbianchino ai tempi dei social network

Tutti noi sappiamo come i social network e l’era digitale in genere, stanno rivoluzionando il mondo del lavoro. La stessa cosa accade nei lavori manuali come quello dell’imbianchino. Oggi noi di ProntoPro abbiamo intervistato Diego Mulfari per farci spiegare come ha trasformato la sua attività di imbianchino, rendendola più redditizia grazie al web.

Imbianchino

  1. Raccontaci di te. Di cosa ti occupi?

    Mi chiamo Diego Mulfari e per chi non mi conoscesse sono un consulente di web marketing: aiuto artigiani, imprenditori e liberi professionisti a trovare nuovi potenziali clienti sul Web.

  2. Fai questo mestiere da molti anni. Potresti dirci come è cambiato con l’avvento del web? Cosa ti ha spinto a diventare un imbianchino 2.0?

    In realtà è mio padre che ha una Ditta di imbiancature da oltre 40 anni. Nel 2008 sia lui che io ci siamo trovati in una fase molto critica dal punto di vista lavorativo: mio padre per una carenza di lavoro che lo stava portando alla chiusura dell’attività mentre io mi trovavo in aziende chiuse al nuovo in cui non riuscivo a valorizzare la mia creatività.

    Abbiamo dunque deciso di unire le nostre forze e di fondare la prima Ditta di imbiancature “100% digital” in Italia. Abbiamo aperto un blog: mulfarimbianchino.com e intercettato oltre 150 nuovi clienti online. Abbiamo aperto anche una pagina Facebook in cui chiediamo ai nostri clienti di fornirci una recensione a decine di lavori e un sito web in cui intercettiamo le richieste di preventivo.

  1. Cosa è cambiato da quando hai preso questa iniziativa? Quali pensi saranno gli sviluppi futuri?

    Da quando ho iniziato questa iniziativa ho rilasciato oltre 100 interviste su blog di settore, giornali locali e nazionali, radio e apparizioni su Web tv. Ho portato addirittura la mia storia a Montecitorio.

    Partecipo periodicamente a convention e fiere che trattano il tema del digital marketing, e attraverso il mio profilo Facebook (https://www.facebook.com/diego.mulfari) trasmetto dei video in diretta per motivare e educare gli artigiani, gli imprenditori e i commercianti vittime del “digital divide”, allo scopo di aiutarli a rilanciarsi attraverso il Web.

    Infine, da gennaio ho organizzato il primo tour digitale in Brianza: attraverso un grande lavoro di squadra di amici e grandi professionisti del Web, organizziamo serate di cultura digitale assolutamente gratuite. Da Ottobre terrò anche il mio primo corso di formazione sul tema “lead generation” ad un gruppo di imbianchini che vogliono diventare 2.0. Lo scopo? Guardare negli occhi gli imprenditori “vecchio stampo” ed aiutarli ad avvicinarsi al digitale, unica via per il rilancio delle imprese italiane.

     

Condividi l'articolo: