Senza categoria

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

Senza categoria

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

Fotografo professionista vs amatore

Matteo Zanardi ci racconta ciò che secondo lui distingue un fotografo professionista da un amatore.

Raccontaci delle tua professione, come nasce questa passione?

Sono prima di tutto in fotoamatore, passione trasmessa da mio padre, fin da bambino ho avuto la fortuna di avere macchine e di poterle utilizzare, prima delle semplici usa e getta poi crescendo, biottiche, medio formato e reflex.
Dalle foto di mio padre ho imparato ad osservare, la tecnica l’ho approfondita intorno ai 15 anni e da allora cerco di tenermi aggiornato.
Mi occupo di fotografia industriale, food, sport, still life, moda, reportage, ritratti, campagne di comunicazione aziendale, mi capita di fare matrimoni e book per privati; collaboro con alcune gallerie d’arte contemporanea.
Utilizzo la fotografia come strumento di sintesi.


Come l’impronta personale e l’esperienza del professionista può incidere sul servizio finito?


La mia formazione è ti tipo psicosociale, è un modo che ho di guardare il mondo e quindi le persone, questo si vede molto nei miei scatti.
Un’altra caratteristica fondamentale per me è la “pulizia”: le mie fotografie sono un tentativo di sintesi estrema, anche questo in alcuni ambiti, soprattutto nel reportage, è una caratteristica molto importante; riuscire a raccontare con uno scatto è una sfida che ogni volta si ripropone, a volte vinta altre meno.
In ogni scatto rientrano le esperienze di vita, gli studi, quello che una persona ha imparato non per forza in fotografia, questo necessariamente viene travasato in ogni immagine.


Ormai la fotografia ha pervaso molti aspetti della nostra vita e scattare foto diventa sempre più facile. Quali sono le qualità che distinguono un professionista da un amatore?


Io cucino spesso, discretamente dicono, ma non posso definirmi uno chef perché non è il mio lavoro.
Ci sono amatori con una qualità d’immagine decisamente superiore a molti professionisti, più bravi di molti, sicuramente anche di me. Il punto non è la bella fotografia, il punto è che un professionista che vive di fotografia ogni giorno ha a che fare con la fotografia, è un’abitudine e un’attitudine.
Ci sono moltissime variabili quando si lavora, la richiesta del cliente, la progettazione degli scatti, la preparazione del set, l’imprevisto e il doversi arrangiare per portarla a casa sempre.
Il professionista deve essere in grado di gestire tutte queste variabili garantendo un prodotto di qualità in ogni condizione.
Io faccio il fotografo, fotografo tutti i giorni o quasi, per me è come guidare, una sorta di prassi; credo che la differenza sia questa: un fotoamatore nella vita fa altro e nel tempo libero fa foto, un professionista fa fotografia nella vita e altro nel tempo libero; serve restare dentro la fotografia per essere professionisti.

 

Ringraziamo Matteo per l’intervista concessa a ProntoPro.

Scoprite di più su www.matteozanardi.it


Hai bisogno di un Professionista per la tua casa? Trovalo su ProntoPro!

Cerca Professionista