Gli esperti dell’edilizia

Oggi abbiamo intervistato Fabio Rohrich, che ci ha raccontato come la crisi abbia colpito anche il settore dell’edilizia.

Come nasce l’idea di Vendere in Edilizia? Qual’è la vostra storia?

Vendere in Edilizia nasce dall’idea di due “amici”, entrambi provenienti dal settore edile. Fabio, venditore di materiali edili, ed Enzo, imprenditore edile con svariate esperienze nel mercato.
La crisi del 2010 ci ha fatto aprire gli occhi e abbiamo visto nascere nuove problematiche che prima non c’erano. Se prima del fatidico anno c’erano clienti per tutti, nell’ultimo periodo la cosa è cambiata.
Ci siamo resi conti che per gli operatori del settore il problema non era trovare materiali da costruzione o progettisti , ma persone  a cui vendere le proprie case o i propri servizi.
Vendere in edilizia nasce proprio per questo: aiutare gli operatori edili ad affrontare un mercato diverso rispetto ai primi anni 2000, imparando a trovarsi i clienti e a vendere meglio.

Cosa vi differenzia da una agenzia di comunicazione e marketing classica? Quale valore aggiunto offrite ai vostri clienti?

Noi siamo specializzati in edilizia, veniamo da lì e ci concentriamo su quello. Non siamo generalisti ma specialisti. Un po’ come l’ortopedico esperto della rotula: passando tutto il giorno a fare quello diventa un punto di riferimento del settore, e molto probabilmente più bravo del medico “della mutua”.  Conosciamo il mercato in tutte le sue sfaccettature: dalla preparazione del cantiere alla firma del contratto. Tutto ciò di cui parliamo l’abbiamo già fatto, errori inclusi. E siamo in grado sia di insegnarlo, come formatori, che di farlo noi, come consulenti.

Potete darci qualche informazione sul mercato edile in italia al momento attuale? Quali sono stati gli effetti della crisi sul settore e si può parlare di ripresa?

Al momento attuale la situazione è abbastanza difficile. Sono ancora molte le aziende presenti sul mercato (nonostante parecchie abbiano chiuso) ma ci sono meno clienti. Il settore delle ristrutturazioni sta andando bene ma non può sfamare tutti gli operatori presenti. Molte imprese non sono organizzate per competere in un mercato così difficile e forse è troppo tardi, per alcune di loro, per adeguarsi.
Bisogna mettersi in testa che i tempi della Milano da bere sono finiti  e non torneranno più (lo spieghiamo ampiamente nel nostro libro “Evoluzione Edile” edizioni Franco Angeli).
Gli effetti della crisi sono visibili a tutti: non si costruisce più il nuovo (anche se la crisi in questo caso ha avuto un ruolo secondario) e sui lavori rimasti si scaraventano tutte le imprese, sovente  con la sola arma del prezzo basso (mossa tra l’altro pericolosissima).
Non credo si possa parlare di ripresa economica. Ne vedo però una culturale: ultimamente la gente del settore si interessa di più ad argomenti da “imprenditore” come la vendita, il marketing e la gestione economica e finanziaria dell’azienda. E credo che l’edilizia in generale abbia bisogno di un’iniezione di imprenditorialità per resistere ed andare avanti.

 

 

Ringraziamo Fabio Rohrich per l’intervista rilasciata, vi rimandiamo al sito per maggiori informazioni:

www.vendereinedilizia.it

Condividi l'articolo: