Guida alla professione di architetto

L’architetto Stafano Benatti di Storm Studio ci ha spiegato in cosa consiste la sua professione e in che modo la creatività sia necessaria nel suo campo.

Che competenze deve avere un buon architetto?

Essere architetto oggi vuol dire ricoprire un ruolo che va ben oltre quello professionale all’interno della società, qualcuno parla di missione, di un ruolo che non lo si dismette fuori dal proprio studio, l’architetto ha grandi responsabilità verso il benessere e la vita della collettività, le sue scelte, i suoi progetti vanno ad incidere in maniera profonda sulla vita delle persone, questo rende la nostra professione estremamente esaltante ma anche carica di responsabilità.

La professione è complessa perchè deve tenere insieme tante discipline, tecniche, scientifiche, umanistiche, sociali, l’architetto deve manipolare e distillare da tutto questo un qualcosa di nuovo spazialmente parlando, uno spazio vitale per l’uomo che sia percepito come luogo per la vita.

Quindi quando mi chiedi quale competenze deve avere un architetto io ti rispondo che deve avere un occhio aperto sul mondo di oggi e di domani e leggerne i segnali che da questo arrivano, averne allo stesso tempo uno rivolto anche indietro per fare della memoria un elemento di creazione attiva; se si riesce a tenere insieme tutto questo è probabile che si riesca a fare un buon progetto.

Quanto è importante la creatività nel tuo lavoro?

La creatività nella mia professione è un elemento imprescindibile per qualsiasi progetto, non è possibile affrontare nulla se non nell’ottica di creare qualcosa di nuovo attraverso gli strumenti e le conoscenze che dicevo poc’anzi. Nel mio approccio al progetto la creatività però non è intesa come semplice invenzione di fantasia,  la creatività spesso ha a che fare con la memoria, cosa voglio dire con questo: la mia attenzione a questa tematica nasce dalla necessità di riscoprire e di riappropriarsi all’interno degli ingredienti, della cucina del progetto anche ciò che ha a che fare con la nostra storia/ conoscenza/ cultura come elementi creativi.

La contemporaneità ha bisogno di memoria: Storia-territorio. Nella specificità del territorio italiano ed in particolare di quello toscano, (dove l’uomo è misura del paesaggio) questo tema è ancora più urgente e presente, infatti dobbiamo avere ben chiaro che il nostro ambiente, il territorio  sono opera continua dell’ingegno, della conoscenza, della fantasia e del lavoro dell’uomo nel corso dei secoli. Questo dialogo con la storia è un lavoro complesso e difficile; porre il paesaggio/ memoria nel progetto architettonico è più difficile e articolato che non prendere modelli e linguaggi già preconfezionati: una storia senza falsificazione ne tanto meno storicista. Su questi presupposti insieme ad i miei amici e colleghi dello storm studio, mi sono sempre mosso, con una particolare attenzione alla dimensione paesaggistica dell’architettura ed al suo dato simbolico. Se lo volessi riassumere potrei definire questo un approccio umanistico, approccio dove cerco di far convergere la componente spaziale e simbolica dove al centro vi è la persona come misura del progetto

In che modo ti aggiorni nel tuo settore?

Per quanto ho detto poc’anzi la professione stessa esige un aggiornamento ed uno stare attenti a ciò che ci circonda costantemente, come ebbe a dire Hans Hollein alcuni anni fa intitolando una biennale, l’architetto come sismografo.

Quali saranno i trend del 2017?

Non mi piace parlare di trend o di mode, la nostra professione è fatta di ricerca costante nel lavoro, un percorso senza soluzione di continuità alla ricerca di una proprio modo di affrontare il progetto con coerenza e costanza, una missione che cerchiamo di svolgere al meglio nonostante tutto e con grande fiducia nelle potenzialità dell’architettura per rappresentare l’oggi e per prefigurare il domani.

Questo è quanto l’architettura a mio parere dovrebbe rappresentare ed è quanto con il mio lavoro e quello dei colleghi cerco di perseguire ogni giorno.

Ringrazio Stefano per la disponibilità, per approfondimenti stormstudio.it

Condividi l'articolo: