Il fotografo che ama le persone

Ecco l’intervista a Daniele Oneta: un fotografo che ama le persone e ritiene indispensabile la sintonia con le stesse per svolgere al meglio il suo mestiere.

fotografo che ama le persone

Ti occupi di fotografia matrimonialista. Hai anche altri generi che ti appassionano?

Un altro genere del quale mi occupo è la ritrattistica. Anche se comunque il denominatore comune di entrambi i generi sono sempre le persone. Ed è su di loro che si centra la mia visione della fotografia: far emergere, trasparire una sfaccettatura del carattere di quell’individuo, che sia durante la giornata del matrimonio o durante una sessione di ritratto o book. Riuscire a cogliere “il burbero” di famiglia che si commuove durante il matrimonio, la signora sempre composta che ride senza contegno perché felicissima, una ragazza timida che vuole far conoscere elegantemente anche un suo lato sensuale, questa è la mia fotografia. Si instaura una sorta di intimità mentale durante il servizio con i miei clienti. Il mio è un privilegio, in poco tempo mi raccontano tanto di loro, della loro persona, dei loro sentimenti, aspettative della vita, e in ogni scatto, queste emozioni vengono congelate, per sempre. Amo le persone.

Scegliere il giusto fotografo per il proprio matrimonio è particolarmente importante. Quali consigli dai agli sposi per effettuare la giusta scelta?

Parlare di persona col fotografo e non basarsi solo sulla risposta di un’email che richiedeva i costi del servizio (tanto ce ne sarà sempre uno a meno!). Personalmente mi capita di realizzare servizi di matrimonio per persone molto lontane dal mio studio, ma comunque, grazie alla tecnologia riusciamo sempre ad organizzare un appuntamento, proprio senza impegno, per conoscerci, a pelle, tramite Skype o Hangouts. Perché ritengo che la scelta del fotografo si deve basare non solo sul fatto che ci piacciono le immagini che scatta, ma anche su come ci sentiamo in sintonia con lui, se la sua visione coincide con la nostra, se abbiamo affinità nel carattere. Il fotografo sarà la figura più a contatto con gli sposi per l’intera giornata, anche in momenti intimi, se non c’è feeling, questo si ripercuoterà inevitabilmente sulla qualità delle immagini finali. Io sono sincero durante il primo appuntamento coi futuri sposi, e se noto questa incompatibilità, trovo onesto e rispettoso nei loro confronti comunicarglielo.

Cosa contraddistingue un fotografo professionista e professionale da uno che non lo è?

Riassumo in una parola sola: l’Esperienza. Non basta avere l’ultimo modello di macchina fotografica di migliaia di euro per essere un fotografo, come del resto nessuno di noi è un pilota di formula uno perché sa guidare l’automobile. L’esperienza d’anni nel settore, vale a dire, non un servizio o due all’anno, porta il fotografo ad avere il pieno controllo su ogni dettaglio, riuscendo ad anticipare situazioni e risolvere problemi, Anche la tecnica si raffina con l’esperienza, dando modo di creare in pochissimi momenti immagini uniche. Professionista e Professionale non sono sinonimi, chiunque domani può aprire la Partita IVA e diventare fotografo professionista, ma inizialmente gli mancherà la professionalità, che sicuramente si farà col tempo identificando la sua visione per contraddistinguersi tra i suoi colleghi.

Scegliere un professionista comporta maggiori costi? Qual è il valore aggiunto che giustifica questi costi?

Certamente sì, come ha un costo maggiore la borsa originale di Louis Vuitton rispetto a quella identica che troviamo contraffatta. Eppure diamo più valore all’originale. Il fotografo professionista e professionale dedica tempo ai i suoi clienti, li aiuta a trovare la soluzione migliore per le proprie esigenze, li segue in ogni loro decisione. Dà loro una garanzia sul risultato finale delle immagini, una sicurezza data dall’esperienza, da un sistema di lavoro consolidato negli anni. Come fotografo professionista ho acquisito conoscenze tecniche, di illuminazione, di posa, di composizione, di gestione del servizio, che mi permettono di realizzare ogni tipo di immagine che il cliente mi richiede e soprattutto di saperla ripetere se richiesto e questo si trasmette dando la garanzia di avere fotografie sempre di qualità. I dettagli fanno la differenza e questi dettagli un fotografo professionista sa come valorizzarli e interpretarli.

Grazie Daniele per aver condiviso con noi il tuo pensiero!

Pubblicato da ProntoPro

Condividi l'articolo: