Il successo per una band: essere poliedrica

La Band ALZAMANTES si racconta per voi.

ALZAMANTES: come nasce la vostra band?

La nostra band nasce dall’idea di riportare in auge un repertorio folk dimenticato, attraverso un format rock contemporaneo ed energico.
La band si forma per gioco, come tanti altri gruppi musicali, la dedizione e la passione hanno poi fatto crescere il progetto.
Dopo molti investimenti in strumentazione e produzioni discografiche siamo poi diventati una delle realtà piu` attive nel territorio del nord Italia.

 

La tecnologia ed i suoi sviluppi hanno influenza sul settore musicale? Come?


Certamente la tecnologia influisce sulla musica, sia a livello artistico (le produzioni musicali sono sempre più elettroniche) che a livello tecnico (mixer digitali, service audio/luci sempre più leggeri e performanti…).  Inoltre i nuovi social e portali come come il vostro possono dare un aiuto concreto a tutte quelle band che, come noi, sono partite da zero e ambiscono una carriera non dettata necessariamente dalla regole del mainstream.
Ovviamente c’e` anche il rovescio della medaglia… molti gruppi, grazie all’ausilio delle nuove tecnologie, si improvvisano tali senza saper di fatto suonare e sono anche in grado di vendersi meglio di altre band capaci e piu` interessanti; questo col tempo  influisce molto sulla qualita`, che di fatto tende a venire sempre meno col passare delle generazioni, insieme al valore culturale che la musica puo` offrire.
La nostra band, occupandosi di folk/rock, e` attenta a non abusare degli ausili tecnologici in campo artistico, utilizziamo pero` mixer digitali di ultima generazione e software musicali per realizzare pre-produzioni fatte in casa, in vista di una produzione discografica.

 

Che consiglio ti senti di dare alle nuove band emergenti?

Consigliamo a tutte le nuove band che iniziano da zero di insistere ed insistere…
La chiave dell’affermazione in campo musicale non e` la passione, ma la determinazione e l’ostinazione.
Spesso la gavetta e` frustrante e le soddisfazioni arrivano dopo tanto tempo, ma non bisogna scoraggiarsi. Consigliamo anche di essere il più poliedrici possibile, non basta saper suonare e avere una buona idea…. se non si ha un capitale da investire bisogna improvvisarsi manager, esperti di marketing, web designer, tecnici del suono etc etc… quindi l’ideale è affiancare alla musica anche attività del genere, cosi’ da riuscire ad essere il più autonomi possibile.

 

 

 

Ringraziamo Dario per l’intervista concessa a ProntoPro.
Scoprite di più su http://www.alzamantes.com/
Condividi l'articolo: