Cerchi uno Psicologo?

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

Cerchi uno Psicologo?

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

In cosa ci può aiutare uno psicologo?

Il benessere emotivo è spesso sottovalutato. Tuttavia, così come per un dolore ci si rivolge al medico, quando affrontiamo situazioni difficili e periodi di blocco è normale volersi prendere cura della propria salute mentale. La dottoressa Giulia Beatrice Carnino, psicologa clinica e psicoterapeuta in formazione, risponde alle nostre domande sul perché rivolgersi allo psicologo e qual è il suo ruolo durante la terapia. 

Quando serve andare dallo psicologo? 

Quando, con il trascorrere delle settimane e dei mesi, la sofferenza non passa o addirittura peggiora, creando delle limitazioni o dei blocchi nella vita di tutti i giorni, nelle relazioni sul lavoro, con gli amici o i familiari. A questo punto potrebbe essere arrivato il momento di chiedere l’aiuto di uno psicologo. 

Se si vive un periodo di blocco, di malessere, è normale volersi prendere cura della propria salute mentale, tanto quanto è normale andare dal medico per la propria salute fisica. Auto-convincersi di potercela fare da soli può diventare controproducente e rischia di aggravare la situazione. Lo psicologo è un professionista. In quest’ottica, rivolgersi allo psicologo significa richiedere l’intervento di un professionista, esperto in materia, che con il proprio lavoro vi aiuterà a trovare la vostra strada, attraverso lo sviluppo di una maggior conoscenza di sé e di una maggior autoconsapevolezza. Lo strumento principale che viene tipicamente impiegato dallo psicologo è il dialogo, la parola, all’interno di una relazione basata sulla cooperazione i cui obiettivi vengono reciprocamente condivisi e co-costruiti dalla coppia.

Ecco perché il colloquio con il professionista non può essere paragonato a quello che si può intrattenere con un familiare o con un conoscente: la conversazione con lo psicologo è costantemente regolata da quest’ultimo sulla base di criteri precisi e scientificamente rigorosi, mirati all’obiettivo. Il rispetto più profondo nei confronti del paziente è sempre alla base di ogni intervento psicologico, ed è garantito e disciplinato dal codice deontologico.

Hai bisogno di un Professionista per la tua casa? Trovalo su ProntoPro!

Cerca Professionista

Quale è il compito di uno psicologo durante una terapia?

Ascolto empatico, costruzione di una relazione con il paziente che sia accogliente e mai giudicante. Il pensiero che vi è alla base è considerare ogni soggetto come individuo unico, irripetibile ed indivisibile nella sua complessità bio-psico-sociale, proponendo per ciascuno una psicoterapia che sia tailor-made, ovvero “su misura”.

La professionalità dello psicologo si esprime nel “sapere”, “saper fare” e “saper essere”. Tutti e tre questi aspetti devono essere presenti ed allo stesso tempo efficacemente coniugati ed integrati, per offrire uno spazio relazionale che sia caratterizzato da attenzione, comprensione empatica e riconoscimento dell’individualità del soggetto per la co-costruzione di una salda alleanza terapeutica.

In quali casi è consigliabile uno psicologo di coppia?

In tutte le coppie si verificano litigi, incomprensioni, i famosi “alti e bassi”. Quando è giusto parlare di crisi? Secondo lo psicologo John Gottman, riconosciuto come uno dei 10 terapisti più influenti nel campo della terapia di coppia, sono 4 i comportamenti che caratterizzano una crisi. Li definisce i “Quattro cavalieri dell’Apocalisse” per sottolinearne la notevole capacità distruttività che porta alla rottura della relazione: criticare, disprezzare, stare sulla difensiva e fare ostruzionismo. Quando diventano preponderanti i momenti in cui si critica l’altro/a in modo non costruttivo, si disprezza il/la proprio/a partner, si cercano delle giustificazioni ai propri errori o atteggiamenti sbagliati, ci si chiude in se stessi interrompendo definitivamente la comunicazione con l’altro/a, allora la coppia è in crisi. L’elemento fondamentale da considerare è la frequenza con cui i 4 cavalieri dell’Apocalisse su citati si presentano. Può capitare che in una coppia si manifestino dei comportamenti distruttivi. Quando c’è la consapevolezza che questi comportamenti non sono corretti, e c’è la voglia di fare qualcosa per migliorare la situazione, è possibile superare la crisi in autonomia. Se, al contrario, non si tratta di episodi sporadici e la coppia non riesce a trovare modi e strumenti per risolvere le criticità, allora è il momento di rivolgersi ad un terapista specializzato. Spesso ignorare il problema e non affrontarlo non fa altro che peggiorare la situazione.

La terapia di coppia è uno strumento molto efficace che permette ai partner di prendere consapevolezza delle proprie emozioni e dei propri bisogni affettivi. La figura di uno psicoterapeuta specializzato è fondamentale: rappresenta infatti un soggetto terzo non emotivamente coinvolto nella relazione e che non ha legami affettivi con i pazienti; possiede la formazione e gli strumenti necessari per capire i motivi che hanno generato la crisi e soprattutto fornisce elementi validi per gestirla e spesso risolverla.

Cosa succede quando lo psicologo interrompe la terapia?

L’interruzione della terapia, promossa dalla figura dello psicologo, prevede più di un possibile motivo alla base. Di fronte a tale decisione, è di fondamentale importanza la condivisione, l’espressione delle cause con il paziente ed il suo possibile invio ad un altro collega.

Chi è Giulia Beatrice Carnino

La dottoressa Giulia Beatrice Carnino è una psicologa clinica e psicoterapeuta in formazione che opera a Torino, presso uno studio associato e gruppi psichiatrici residenziali. Elabora percorsi personalizzati per garantire il miglior supporto possibile ai propri pazienti e alle loro esigenze, al fine di aiutarli a superare il momento di difficoltà vissuto.

Dopo la laurea magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità, sostiene l’Esame di Stato e si iscrive all’Albo degli Psicologi del Piemonte. È attualmente in formazione, al IV anno di Specializzazione con orientamento adleriano psicodinamico. Ad oggi riceve i propri pazienti presso lo studio Epimeleia di Torino, uno studio associato multi-disciplinare di professionisti.
Ha scelto questa professione in virtù del proprio desiderio di comprendere meglio l’essere umano, andando oltre le semplici apparenze che spesso incidono sulla nostra percezione; oltre a ciò, a motivarla è la profonda passione per la relazione
terapeutica, di aiuto e di sostegno, rivolta a coloro che ne hanno bisogno.


ARTICOLO SCRITTO DA

Giulia Beatrice Carnino

Psicologa

Hai bisogno di un Professionista per la tua casa? Trovalo su ProntoPro!

Cerca Professionista