Internet e la fotografia professionale

Internet e la fotografia professionale

fotografia

Alessandro Arena è un fotografo professionista italiano di grande esperienza. Oggi abbiamo deciso di conversare con lui sul tema dell’impatto di Internet sulla sua professione.

Internet è senz’altro un’arma a doppio taglio per un fotografo. Da una parte il web democratizza e rende accessibile un mestiere fino ad un decennio fa per lo più sconosciuto, dall’altra rischia di banalizzarne la tecnicità. Qual è il tuo pensiero a riguardo?

Credo che Internet abbia aperto e continui ad aprire grandi opportunità per i professionisti del settore. Oggi è impensabile, per chi fa questo mestiere, non essere online o non aggiornare periodicamente i propri profili. Detto questo, continuo a pensare alla fotografia come a una cosa seria, un mezzo di comunicazione ed una disciplina d’arte che come tale va affrontata. Oggi giorno basta comprare una Reflex e guardare dei tutorial online per improvvisarsi fotografo. Manca la pazienza e la dedizione e, soprattutto, manca la figura del maestro, una persona che possa trasmettere sapienza e competenza.

Quali sono secondo te due aspetti positivi dell’interazione tra la fotografia e Internet?

Trovo interessante che le fotografie – come tutti gli altri tipi di contenuti – possano  vivere più di una vita grazie ai social network. La contemporaneità con cui una foto può essere condivisa e apprezzata è sicuramente una bella rivoluzione portata dalla connettività. Per quanto riguarda il mestiere di fotografo, invece, l’aspetto positivo è quello che la gente può conoscere il tuo stile, il tuo modo di lavorare senza venire fisicamente in studio. Può avere un’idea dettagliata del tuo lavoro prima ancora di stringerti la mano.

Uno degli aspetti negativi, d’altro canto, è che la gente crede che le immagini trovate su Internet non appartengano a nessuno e non sono coperte da copyright.

Secondo te quali sono le tre regole d’oro per un fotografo, se vuole creare un sito personale di qualità?

Rispondo con tre parole, chiare e semplici: stile, qualità e competenza. Credo infatti che come prima cosa sia necessario trovare il proprio stile, la propria impronta distintiva: le foto dei grandi maestri devono essere d’ispirazione, ma senza una spiccata personalizzazione non sei riconoscibile sul mercato. Poi bisogna valorizzare al massimo la qualità e la cura ai dettagli. Infine, è necessario affidarsi a dei professionisti, che siano in grado di proporre il tuo lavoro sul mercato nel migliore dei modi, presentandolo in maniera adeguata.

Ringraziamo Alessandro per la sua prospettiva puntuale sull’argomento. Per ottenere maggiori informazioni sui suoi lavori, è disponibile il sito web ufficiale www.alessandroarena.com.

Pubblicato da ProntoPro.it

 

Condividi l'articolo: