I tuoi eventi

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

I tuoi eventi

Richiedi preventivi gratis

Cerca Professionista

La batteria da passione a professione

Abbiamo intervistato oggi il batterista Matteo Negri, che ci ha raccontato del suo percorso professionale e dei fattori essenziali per imparare a suonare la batteria.

batteria

Ci racconti di te e del tuo percorso da batterista?

Ho iniziato nel 2006. Ho studiato con Roberto Lisignoli, Sergio Pescara e Alex Battini de Barreiro. Tutti e tre mi hanno trasmesso qualcosa di loro e cercato di tirare fuori il mio meglio, in modo da creare un sound personale! Una cosa su cui ho sempre puntato molto è il groove, ovvero “l’anima” dello strumento; per fare un esempio semplice: se mentre sto suonando, ti viene spontaneo battere le mani a tempo, significa che sto facendo un buon lavoro e che il ritmo, gira!  La versatilità: suonare tanti generi musicali, ti apre varie possibilità per poter fare questo mestiere. Ma è sempre giusto avere anche un gusto personale per essere caratteristici e avere soddisfazioni personali. Ho lavorato in varie situazioni, dal rock, al funk, al reggae… al momento ho un contratto con l’orchestra di Francesca Salmieri, sta andando molto bene e speriamo prosegua tutto così!

Quali sono le maggiori difficoltà che si incontrano nell’imparare a suonare la batteria?

Credo che per poter imparare a suonare uno strumento, sia necessaria la passione; questa ti aiuta ad essere curioso e a non fermarti mai, perchè non si finisce mai di imparare! Le maggiori difficoltà di questo strumento, stanno nella coordinazione; bisogna lavorare molto per arrivare ad avere una buona indipendenza con i nostri 4 arti ed essere fluidi durante l’esecuzione.

Ora sei anche un insegnante. Quale pensi sia il miglior approccio verso un allievo che vuole imparare a suonare questo strumento?

Sembra un paradosso, ma insegnando, ho imparato molto! Il rapporto diretto con l’allievo è una cosa che adoro. Vivo nuovamente le sensazioni che provavo le prime volte che mi sedevo dietro alla batteria. Il mio approccio, prima che da insegnante, è da amico. L’allievo deve essere a suo agio, solo così potrà dare il meglio!

Cerco sempre di inquadrare il tipo di persona che ho davanti, scoprendo i suoi punti di forza e le sue debolezze. E’ molto importante, non “correre”: facendo le cose di fretta, si rischia di tralasciare punti fondamentali e portandosi così dietro, delle lacune.

Ci sono dei batteristi che ti hanno particolarmente influenzato? Quali e perchè?

Potrei riempire una pagina su questa domanda…Ormai ci sono tantissimi batteristi pazzeschi, difficile sceglierne alcuni. Ne cito alcuni tra i miei preferiti: Jeff Porcaro, Steve Jordan, Steve Gadd, Steve Ferrone, John Robinson, Sonny Emory, Jojo Mayer ecc…Il tipo di batterista che mi affascina di più é appunto colui che svolge il compito del batterista! Molti pensano che più vai veloce con mani e piedi e più sei bravo; é un buon pensiero…per prendere la direzione sbagliata 🙂 Spesso e volentieri si scorda qual è il nostro compito: accompagnare, avere timing, avere suono e soprattutto, suonare al servizio della musica e non per noi stessi! Certo, avere progetti in cui ci si può mettere in gioco con le proprie idee e poter sperimentare cose nuove è utilissimo, ma mestiere e sperimentazione sono due cose diverse!

Ringraziamo Matteo per l’intervista! Per maggiori informazioni visitate la sua pagina cliccando qui


Hai bisogno di un Professionista per la tua casa? Trovalo su ProntoPro!

Cerca Professionista