La differenziazione come chiave di successo

Pubblicato il 7 febbraio 2017 da Fabio
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin

Una delle chiavi per avere successo è la differenziazione, essere diversi per avere un valore maggiore. What studio ci spiega come questa dovrebbe avvenire.

Di cosa si occupa What Studio?

What Studio è un agenzia che nasce come pubblicitaria, ad oggi visto il mutamento sociale e culturale in atto, mutamento che vede un consumatore sempre più attento e partecipe dell’iniziativa pubblicitaria stessa, preferiamo definirci un agenzia di comunicazione.

Pubblicità e Comunicazione, la differenza è semplice ma sottile, i tradizionali modelli pubblicitari si stanno mostrando sempre meno performanti a fronte di un superaffollamento di input comunicativi e la crisi dello stesso concetto di offerta di massa, con la preferenza di nuovi modelli di mercato, coda lunga e on-demand. Siamo difronte a un nuovo modello di consumatore, più attento, partecipe, che interagisce e crea egli stesso il valore del brand. In questo contesto così particolare non siamo più in grado di parlare di réclame quanto di comunicazione, una comunicazione che ad oggi deve puntare su innovazione e territorio, un internet globale da una parte ed eventi locali dall’altra, per creare spesso nuove forme di interazione perché novità e creatività diventano spesso il perno vincente di una campagna.

Dal vostro sito ho capito molto che puntate sulla differenziazione, perché?

Puntiamo moltissimo sulla differenza, del resto non c’è identità senza differenza e se non c’è identità come può esistere il brand. La differenza crea il valore, costruisce il cosiddetto premium price, quando non c’è differenza diventiamo una commodities, ovvero un prodotto di cui magari c’è anche bisogno ma che viene identificato sul mercato in maniera sempre uguale, pensate alla benzina, quando si diventa una commodities diventa tutto solo una questione di prezzo. Considero come prima attività nella consulenza ai nostri clienti riscoprire la loro unicità, questo consente di ridare valore all’offerta, di rivitalizzare utile e vendite. Certo riscoprire la propria differenza è solo un primo passo, poi va comunicata, bisogna renderla evidente e utile a specifici bisogni, diciamo che è la prima parte di un lavoro più lungo che porta come risultato finale alla costruzione della famosa brand identity.

In che modo cercate di raggiungere un buon livello di differenziazione? ci faresti qualche esempio

Reputo ci sia bisogno di fare una precisazione, non si “crea” la differenza, esistono, per semplificare un po’, due attività sinergiche, campagne istituzionali, finalizzate al brand e campagne pubblicitarie finalizzate alla vendita, l’unione di queste crea la performance di successo (se vogliamo anche la differenziazione che a questo punto è una conseguenza e non un obiettivo).

Nel branding si analizza l’azienda le sue peculiarità, si cerca dall’interno della stessa valori e potenzialità, si analizzano i competitor e si lavora su un possibile posizionamento di mercato.

Nella comunicazione pubblicitaria si lavora per spingere un prodotto o un brand focalizzandosi invece sul target, è un po’ un lavoro opposto al precedente, il primo era centrifugo, questo è centripeto, il primo analizza il potenziale aziendale per comunicarlo in esterno, il secondo analizza il cliente, bisogni, desideri, comportamenti e insight, per poter inviare i messaggi più affini e performanti. Entrambe le attività sono importanti e necessarie per ottenere un ritorno dell’investimento in comunicazione.

Per ultimo il famoso esempio, allora, abbiamo una classica società italiana, magari classica PMI, che ha sempre avuto successo, ma al momento attuale lavora il doppio per guadagnare la metà di prima. Premesso che probabilmente ha sempre pensato a produrre e quindi non si è mai posta più di tanto il problema di comunicare. Premesso che forse quando ha provato a farlo si sia limitata a stampare 100 cartelloni fatti da un bravo grafico i cui contenuti sono stati scelti dall’amministratore, il quale oggi dice che la comunicazione non funziona perché ha solo buttato via i soldi. Oggi il suo problema è spiegare perché i clienti dovrebbero scegliere lui e non un suo competitor magari d’oltre mare che costa la metà, ma il problema non è di natura produttiva, è solo di percezione e comunicazione. La soluzione parte con l’analisi dei suoi vantaggi, vantaggi che solo lui può fornire ai suoi clienti, la vicinanza magari, che implica velocità e prontezza di risposta, il suo storico che significa affidabilità, il suo modus operandi che potranno sviluppare un unicum utile alla creazione di una narrazione interessante del suo operato in fase di comunicazione. Si studia l’azienda, si studiano i suoi competitor, si progetta un posizionamento e si crea una comunicazione specifica per raggiungerlo. Ad oggi in un’era di terziario evoluto è necessario puntare sulla comunicazione prima ancora che sulla produzione stessa, perché come dice il mio parroco “la gente oggi non compra prodotti, compra sentimenti per cercare di sentirsi meglio” (e aggiungo che oltre a essere vero, spesso vale anche per il B2B).

Ringrazio molto tutto lo staff di What studio e per ulteriori informazioni vi rimando a what-studio.com

Condividi l'articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin
Pubblicato il da Fabio
Postato in: Marketing
Articoli correlati:

CODICI E CODICILLI - Madrelingua traduttrice, proofreader, ed insegnante di inglese e italiano

Traduzioni a Firenze
scritto da Roberto S il 20/11/2017
Mi sono avvalso di Eleonora Harris per la traduzione in inglese del nostro sito web aziendale. Oltre all'indubbia capacità tecnica ho potuto...

GS di Simonelli Giacomo

Idraulico a San Secondo Parmense
scritto da Maddalena B il 20/11/2017
Bravissimo Giacomo che ha risolto il problema in brevissimo tempo con un'ottimo risultato! da ricontattare sicuramente se dovessi averne anc...

Antennista elettricista

Elettricista generico a Ciampino
scritto da Cristian V il 20/11/2017
Sono stati professionali, rapidissimi, e hanno risolto brillantemente il problema. Trattamento economico e giusto, mi hanno poi offerto un m...

Luca Gomiero

Rifacimento intonaco pareti a Treviso
scritto da Vukadinovic M il 20/11/2017
Che dire... non potevo fare una scelta migliore! Ho contattato Luca per l'isolamento di una terrazza e la dipintura interna di casa. Il lavo...

Birolini manutenzioni srl

Manutenzione o revisione caldaia a Bergamo
scritto da Mara I il 19/11/2017
Eccellente servizio, puntuale, preciso e professionale. Il preventivo è stato chiaro ed il tecnico molto corretto nella spiegazione e applic...

Bolzonella Andrea posa levigatura e restauro pavimenti e scale in legno

Lucidatura parquet a Dolo
scritto da Antonio M il 19/11/2017
Bolzonella Andrea, ottimo artigiano è un vero professionista del parquet, competente, serio, gentile e puntuale ha eseguito la lamatura, st...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come funziona ProntoPro

Fai la richiesta
1

Fai la richiesta

Indica di che cosa hai bisogno in pochi click.
Confronta i preventivi
2

Confronta i preventivi

In poche ore riceverai fino a 5 preventivi personalizzati.
Scegli il professionista
3

Scegli il professionista

Scegli il professionista più adatto a te dopo aver confrontato le offerte e consultato i profili.