La fotografia di Marco Rambaldi

Pubblicato il 9 Dicembre 2016 da Matteo
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin

Abbiamo intervistato per voi il fotografo Marco Rambaldi che ci ha parlato della sua passione per la fotografia.

Cattura

Come hai scoperto la fotografia?

Ho avuto i primi approcci con la fotografia da bambino, ero affascinato dalla macchina fotografica di mio padre e l’idea di poter catturare un immagine semplicemente premendo un pulsante mi pareva qualcosa di magico. Poi crescendo mi sono dimenticato della fotografia, ho cominciato a disegnare e a dipingere fino a quando, iscritto all’Accademia di Belle Arti, partecipai al progetto Erasmus e andai a Bristol, in un college davvero all’avanguardia, dove tra le altre cose seguii per la prima volta un corso di fotografia. Gli studenti avevano la possibilità di prendere in prestito qualsiasi strumentazione tra cui, naturalmente, macchine fotografiche di ogni tipo. Fu lì che conobbi le Nikon manuali, fu amore a prima vista, ne prendevo una diversa ogni volta e alla fine le ho provate tutte. Naturalmente c’era anche un attrezzatissimo laboratorio per lo sviluppo del bianco e nero e così appresi tutto sul processo fotografico, dallo scatto fino alla stampa. Qui cominciò il mio percorso nella fotografia.

 

Che tipo di luce preferisci?

Per dirla in una parola, prediligo la luce naturale. Ovviamente non sempre è possibile e in mancanza di questa preferisco cercare lo schema luci più semplice in grado di produrre un buon risultato. Non amo le foto con la luce troppo ricercata, e in genere non amo le foto troppo elaborate, sia in ripresa che in postproduzione.

 

Quale nuovo genere di fotografia ti piacerebbe esplorare?

Devo dire che mi interessano un po’ tutti i generi, non sono particolarmente specializzato anche se ci sono generi che frequento più spesso. Oggi la specializzazione paga sicuramente di più ma caratterialmente non ci sono portato, cerco sempre di variare i miei interessi. In quest’ottica ultimamente sono approdato alla fotografia immersiva o a 360° che dir si voglia, insomma ai virtual tour. E’ un genere ancora tutto da esplorare per me, non so se si possa considerare la fotografia del futuro ma sicuramente è un modo di produrre immagini decisamente all’avanguardia.

 

Che cosa ha di interessante dal punto di vista lavorativo il canale del VirtualTour?

Il Virtual Tour ha molto di interessante, è una specie di camminata negli spazi che si decide di esplorare, è un tipo di immagine molto coinvolgente. Chi conosce Google Maps sa bene di cosa parlo, con lo Street View, cioè con la possibilità di esplorare virtualmente strade e luoghi, Google ha rivoluzionato il concetto di mappa. E’ da qualche anno che sono un Fotografo Certificato Google, e questo mi permette di collaborare a questo progetto che si è aperto ai locali commerciali di qualsiasi tipo. Oggi è possibile entrare nello Street View con il proprio locale, acquisendo quindi una visibilità su internet che non ha eguali.

 

Quali sono i clienti interessati a questo tipo di fotografia?

Qualsiasi tipo di locale o attività commerciale può chiedere di avere questo servizio. Naturalmente i clienti più interessati sono quelli che hanno attività in cui l’immagine è molto importante, come Hotel, Ristoranti, Pizzerie, Pub, locali notturni, ma non c’è nessuna limitazione, ho fatto Virtual Tour anche per friggitorie, negozi di fiori, gelaterie, abbigliamento e altri. La visibilità su internet aiuta molto qualsiasi attività.

 

Usi il bianco/nero con il digitale? Se si, parlaci di questa tecnica e di come la interpreti.

Ho sempre amato il bianco e nero, fin dai tempi in cui lo sviluppavo in cantina. Poi col digitale pensavo di averlo perso ma in realtà con i nuovi sensori e la giusta postproduzione si riesce ad ottenere un bianco e nero di ottimo livello, forse non avrà il sapore della pellicola ma ci si avvicina e per certi versi è anche migliore. Non sono un nostalgico a tutti i costi, mi piace il vecchio modo di fotografare perché ci sono nato, ma la qualità di immagine che si ottiene oggi era impensabile ai tempi della pellicola. Alla fine ciò che conta non sono i mezzi che usi ma le foto che fai.

 

Ringraziamo Marco per l’intervista concessa a ProntoPro. Potete vedere i suo lavori su www.marcorambaldi.it

 

 

 

Condividi l'articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin
Pubblicato il da Matteo
Postato in: Il tuo tempo libero
Articoli correlati:

CODICI E CODICILLI - Madrelingua traduttrice, proofreader, ed insegnante di inglese e italiano

Traduzioni a Firenze
scritto da Roberto S il 20/11/2017
Mi sono avvalso di Eleonora Harris per la traduzione in inglese del nostro sito web aziendale. Oltre all'indubbia capacità tecnica ho potuto...

GS di Simonelli Giacomo

Idraulico a San Secondo Parmense
scritto da Maddalena B il 20/11/2017
Bravissimo Giacomo che ha risolto il problema in brevissimo tempo con un'ottimo risultato! da ricontattare sicuramente se dovessi averne anc...

Antennista elettricista

Elettricista generico a Ciampino
scritto da Cristian V il 20/11/2017
Sono stati professionali, rapidissimi, e hanno risolto brillantemente il problema. Trattamento economico e giusto, mi hanno poi offerto un m...

Luca Gomiero

Rifacimento intonaco pareti a Treviso
scritto da Vukadinovic M il 20/11/2017
Che dire... non potevo fare una scelta migliore! Ho contattato Luca per l'isolamento di una terrazza e la dipintura interna di casa. Il lavo...

Birolini manutenzioni srl

Manutenzione o revisione caldaia a Bergamo
scritto da Mara I il 19/11/2017
Eccellente servizio, puntuale, preciso e professionale. Il preventivo è stato chiaro ed il tecnico molto corretto nella spiegazione e applic...

Bolzonella Andrea posa levigatura e restauro pavimenti e scale in legno

Lucidatura parquet a Dolo
scritto da Antonio M il 19/11/2017
Bolzonella Andrea, ottimo artigiano è un vero professionista del parquet, competente, serio, gentile e puntuale ha eseguito la lamatura, st...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come funziona ProntoPro

Fai la richiesta
1

Fai la richiesta

Indica di che cosa hai bisogno in pochi click.
Confronta i preventivi
2

Confronta i preventivi

In poche ore riceverai fino a 5 preventivi personalizzati.
Scegli il professionista
3

Scegli il professionista

Scegli il professionista più adatto a te dopo aver confrontato le offerte e consultato i profili.