La progettazione parte dalla curiosità della scoperta

Conoscenza dell’arte e curiosità della scoperta sono le caratteristiche fondamentali che contraddistinguono lo studio di progettazione Desink.it.

progettazione

Ci parli di Desink.it? Che servizi offre?

Desink.it è uno studio di progettazione fondato da Gabriele Verducci e Lorena Migliorati che raccoglie al suo interno architetti, designer e comunicatori.

L’elevata ed eterogenea professionalità specializzata, unita all’amicizia e al rispetto dei suoi componenti, ha fatto di Desink.it un’azienda capace di rispondere a qualsiasi richiesta. Nei nostri book sono presenti progetti per case, ristrutturazioni, interni, ma anche pezzi di design: lampade, sedie, porte e comunicazione con direzioni artistiche, immagini coordinate e cataloghi per importanti aziende.

L’amore per l’arte è alla base della vostra filosofia. Quali artisti vi ispirano di più per i vostri progetti?

Più che un artista in particolare, ci affascina e ispira l’arte contemporanea in generale.

La globalizzazione, internet e l’emancipazione hanno contribuito ad un sempre più un rapido e diffuso scambio di idee, a una multidisciplinarietà così spinta che una semplice installazione diventa un evento mediatico: “Tre bambini impiccati” di Cattelan o “Tree”, l’albero di natale di McCarthy, ne sono un esempio alquanto esplicito.

Sul vostro sito parlate di “curiosità per i nuovi materiali”. Quali sono tali nuovi materiali e dove vengono impiegati?

Sempre più spesso si sente dire: “Ormai tutto è stato inventato!”. Materiali e metodi di lavorazione, invece sono in continuo aggiornamento.

Negli ultimi anni, ad esempio, una grande ricerca ha prodotto materiali green o bio al 100%: pensiamo allo yekpan, pannelli simil-legnosi costituiti da tetrapak tritato senza aggiunta di altro, la macinazione infatti produce un calore tale da far sciogliere il polietilene che al momento della laminazione funge da collante; o al paperstone, carta da ufficio riciclata e pressata sempre per usi di falegnameria. Oppure materiali più tecnologici come il grafene, uno strato di atomi di carbonio, duro come il diamante e flessibile come la gomma.

Oggi quali sono gli elementi principali che non devono mancare per rendere un prodotto “commercialmente valido”?

Nella nostra filosofia un progetto è commercialmente valido quando è completo e mira ai risultati a lungo termine (se parliamo di negozi o pubblicità) più che all’estetica.

Purtroppo, però, oggi in generale è il marketing a farla da padrona: se da un lato la globalizzazione e il resto hanno portato a un vertiginoso scambio di informazioni, dall’altro il modo di presentarle rappresentano quasi esclusivamente il prodotto.

Dico purtroppo perché in questa logica i prodotti durano sempre meno e, per star dietro ai tempi e soprattutto alle mode, c’è sempre meno progettazione (di qualità).

C’è un vostro progetto che esprime al meglio la vostra filosofia?

Casa Nostra! Un contenitore di idee, oggetti, progetti e qualche bel pezzo di design.

Ringraziamo Gabriele Verducci per l’intervista che ci ha rilasciato. Vi ricordiamo che potete trovare maggiori informazioni visitando il loro sito.

Condividi l'articolo: