Le fotografie del matrimonio devono catturare l’atmosfera

Oggi abbiamo intervistato Stefano Mauri, che ci ha raccontato come dovrebbe agire un fotografo durante un matrimonio.

 

Raccontaci di te stesso edella tua attività: come sei arrivato a diventare fotografo?

Come la maggior parte dei fotografi professionisti ho iniziato questa attività motivato da una forte passione per la fotografia. Ho iniziato a scattare foto fin da piccolo; la mia prima macchina fotografica è stata una polaroid 635CL ed utilizzavo le bambole di mia sorella come modelle per il mio set fotografico.

Ho portato avanti la mia passione in maniera più concreta a 26 anni in parallelo alla mia precedente attività lavorativa (responsabile post-vendita di una concessionaria di auto di Pavia). Ho aperto la partita iva come fotografo e ho iniziato a scattare matrimoni. Con l’incrementare degli ingaggi da fotografo è diventato sempre più impegnativo conciliare i due impieghi e così nel 2014 ho deciso di lasciare il mio lavoro impiegatizio ed aprire il mio studio fotografico a Zeccone in provincia di Pavia.

Ti occupi di wedding photography e di family photos. Quali sono gli elementi che più incidono sulla soddisfazione dei tuoi clienti? Come descrivi a loro il tuo stile?

I clienti sono diventati sempre più esigenti. Una volta ci si rivolgeva al fotografo professionista semplicemente perchè le famiglie non disponevano di macchine fotografiche e quindi si richiedeva solo uno scatto ben riuscito. Oggi bisogna essere ottimi fotografi: quello che apprezzano i miei miei clienti sono la spontaneità dei miei scatti. Come per le fotografie di bambini è necessario saperli mettere a proprio agio per ottenere scatti di qualità; ma questo vale anche in caso di fotografie di sposi, raccontare un matrimonio con il linguaggio della fotografia è sempre una sfida molto affascinante, sono giornate che si rivelano un vero e proprio concentrato di emozioni e stati d’animo. Mi piace molto muovermi in maniera discreta, quasi fossi invisibile, per cogliere ogni particolare della giornata, cosciente del fatto che mi è stato affidato un compito molto importante.Quello che faccio è farmi rapire dall’atmosfera che ho intorno senza interferire con i soggetti, camminare con un senso di ingenuità e con la voglia di scoprire ogni dettaglio da molteplici punti di vista.

Come è cambiato il mercato delle foto di matrimonio negli ultimi tempi? Ci sono tendenze nuove?

IL mercato della fotografia di matrimonio è sempre in evoluzione, per questo faccio parte dell’ANFM, Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti, il loro aiuto e il confronto con i colleghi è importante per offrire ai miei clienti tutte le novità del mercato.

La clientela grazie ad internet è molto più informata; la maggior parte conosce bene le varie ditte di album matrimoniali, quali sono le migliori e quali le peggiori per questo mi affido ai leader del mercato (per la produzione dei mie album mi piace offrire sempre il massimo). Il fotolibro è il preferito dagli sposi, ma l’album tradizionale sta tornado ad essere apprezzato. Un altro servizio che oggi molti clienti chiedono è la stampa immediata di foto durante il loro matrimonio. Per questo abbiamo realizzato un servizio che si chiama “Event Print”: un chiosco di stampa immediata, grazie al quale gli invitati agli eventi potranno stampare gratuitamente le foto fatte con i propri smartphone tramite un app dedicata.

Postproduzione: a quali techniche ti affidi?

Mi piacciono molto le foto
dai toni caldi con colori molto vividi. La mia post-produzione si basa su questo; non stravolgo le immagini, cerco semplicemente di far risaltare l’atmosfera del momento, che sia un bel tramonto o le scarpe rosse della sposa. Consegno sempre tutte le immagini scattate post-prodotte, su quelle che andremo a mettere nell’album verrà fatta una post-produzione più fine (ad esempio eliminare quel brufolo comparso sul viso della sposa proprio il giorno prima del matrimonio).

 

 

Ringraziamo Stefano Mauri per l’intervista rilasciataci, vi rimandiamo al suo sito per maggiori informazioni:

www.stefanomauri.com

Condividi l'articolo: