Le nuove tecnologie per la sicurezza della nostra abitazione

Antonio Forlenza è un esperto di sistemi di sicurezza attiva e passiva, ci dà una panoramica sulle tecnologie più innovative in questo settore.

Antifurto

Di cosa ti occupi Antonio?

Siamo specialisti in sicurezza, il nostro obiettivo è soddisfare le esigenze di sicurezza dei nostri clienti, attraverso una fase principale di analisi e progettazione, dalla quale scaturiscono le soluzioni consigliate per rendere la propria abitazione un luogo protetto, tenendo presente che la sicurezza “totale” non esiste. In particolare forniamo soluzioni con sistemi di allarme innovativi e videosorveglianza ad altissima risoluzione; siamo produttori di porte blindate di alta sicurezza per proteggere gli ingressi di casa.

Quali sono le tecnologie che offre il mercato in fatto di sicurezza per le nostre casa?

Rispetto a qualche anno fa, si sono evolute le tecniche utilizzate dai ladri, e di conseguenza anche le soluzioni applicate allo scopo di proteggerci. Inoltre, ogni sistema deve essere progettato per rendere la vita più comoda, ed essere pronto ad aiutare il cliente, ad esempio quando lo stesso si dimentica di inserire l’allarme. Il mercato offre una vasta gamma di soluzioni, ognuna con uno specifico scopo e utilizzo; sembra tutto alla portata di mano, ma qui entra in gioco il consiglio dell’esperto, che queste soluzioni le ha già provate quasi tutte e, discutendo con il cliente, può consigliarlo meglio.

Tra le maggiori tecnologie “di moda” vi è certamente la videosorveglianza, ma non va dimenticato che questi sistemi devono essere a supporto di un’adeguata protezione a livello attivo, di prevenzione e segnalazione (antifurto) e passivo, di resistenza all’effrazione (porte, infissi, inferriate). Non ha senso guardare i ladri svaligiare la propria casa quando sono già andati via!

Ci descriveresti come funziona una porta allarmata?

Abbiamo brevettato questo sistema in grado di semplificare enormemente la sicurezza di un appartamento in condominio. Poiché, ai piani più alti, l’unico punto di accesso all’abitazione è la porta di ingresso, abbiamo progettato e incorporato nella porta di ingresso un sistema di allarme ad hoc, a protezione della porta:

  • con un sensore sull’apertura e sulla vibrazione (impatto) in grado di segnalare i tentativi di effrazione, ancor prima che si apra la porta
  • in caso di allarme attiva la sirena (sempre incorporato nella porta) e attiva la chiamata GSM
  • in caso di assenza di corrente, è dotato di una batteria per autonomia

Il vantaggio principale per l’utente è che tutto il sistema è gestito dalla chiave della porta: chiudendo la porta, si attiva l’allarme (quando si esce) – riaprendo la porta, si disattiva (al rientro) – nessuna tastiera, chiave o tessera aggiuntiva! E’ possibile espandere il sistema infine anche con altri sensori in casa per una protezione completa.

Cos’è invece un sistema di antifurto nebbiogeno?

Un nebbiogeno è un generatore di nebbia densa e fittisima che, attivandosi contemporaneamente a un sistema antifurto (proprio come una sirena) emette in pochi secondi una nebbia che impedisce di vedere, e quindi di rubare!

E’ stato progettato proprio per i furti che giocano su tempi ridottissimi (di pochi secondi), come avviene in gioiellerie o in abitazioni. La velocità della nebbia e l’effetto sorpresa è fondamentale, stordisce il ladro che non vede più nulla, e non riesce a sfruttare i suoi pochi preziosi secondi a disposizione. Per incrementare la sicurezza si può installare una luce stroboscopica che abbina alla nebbia una luce ad intermittenza veloce, rendendo impossibile mantenere gli occhi aperti, con una nebbia che diventa accecante!

Esistono innumerevoli sistemi nebbiogeni, e purtroppo alcuni clienti guardano al costo più basso, anche se andrebbe affrontata l’analisi di ben altri parametri, quali lo spazio da coprire, il numero di spruzzi, i ricambi di liquidi, i settaggi, e la gestione delle anomalie e dell’assistenza futura.

RIngrazio molto Antonio e per ulteriori informazioni vi invito a visitare forlenza.it

Condividi l'articolo: