Le sfide più difficili sono le più belle: la visione di 360VR

Pubblicato il 15 dicembre 2016 da Matteo
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin

Oggi abbiamo intervistato il team di 360VR che ci ha raccontato della loro esperienza e visione fotografica.

visione

Come nasce 360VR?

Dalla sua nascita la fotografia ha sempre vissuto delle velocissime evoluzione tecniche, con sperimentazioni di procedimenti e soluzioni che si modificavano e si miglioravano continuamente. I fotografi seguendo alle volte percorsi paralleli, hanno inoltre sempre cercato nuove tecniche espressive e nuovi linguaggi per affermarsi sul mercato. Il linguaggio fotografico e i procedimenti di ripresa sono sempre stati un settore in cui si è sperimentato ed innovato moltissimo e anche con l’avvento del digitale ci sono stati numerosi miglioramenti tecnologici di cui la maggior parte delle persone non si è neanche accorta.

Abbiamo cominciato a fotografare con la pellicola ed abbiamo vissuto tutta la rivoluzione digitale nel settore, dalla nostra prima fotocamera a colori, una Quicktake 150 di Apple, che sembrava poco di più di un costoso giocattolo, per passare alle prime reflex digitali, come la Kodak DCS760, fino ad oggi, alle moderne e sofisticate camere digitali. In questi anni l’evoluzione della tecnica nella ripresa digitale ha fatto enormi passi in avanti, arricchendo il lavoro del fotografo di incredibili possibilità anche per l’ambiente di sviluppo e modifica delle immagini. Nella libreria fa ancora bella mostra il primo Macintosh Plus e la confezione di Photoshop 2 con cui si modificavano in modo elementare le nostre prime fotografie digitali a colori. Da queste premesse parte la nostra ricerca e il nostro percorso lavorativo sulla fotografia, crediamo infatti che come nel passato, la fotografia e le sue tecniche espressive siano un mestiere da innovare e reinventare continuamente per proiettarlo nel futuro.

Trecentosessantagradi, dice della nostra passione per la fotografia in tutte le sue declinazioni ed individua nel contempo uno dei nostri punti di forza, la fotografia panoramica. Mentre Virtual Reality vuole essere la la finestra di questa nostra passione verso il futuro, sempre più immateriale per ripensare il mestiere artigianale del fotografo. Partendo dalla semplice fotografia si aprono infatti applicazioni ed utilizzi che erano inimmaginabili solo pochi anni fa, arrivando ad una multimedialità complessa, alla ricostruzione di modelli tridimensionali, alla ricostruzione di uno spazio, alla visualizzazione di un oggetto con dettagli incredibili ed alla sua precisa misurazione, all’animazione dell’immagine fino al video, alla visione stereoscopica con visori e a molto altro ancora.

Creare contenuti multimediali partendo dalla fotografia, sperimentare ed aprire nuovi percorsi, trovare nuovi linguaggi, ma anche puntare sulla formazione ed il web design, sono i nostri obiettivi. Pensiamo che ci sia un deficit di formazione e di conoscenze e che ci siano spazi per utilizzare meglio le risorse che abbiamo a disposizione. Ci sono tantissimi esempi che ci dicono che la tecnologia è più avanti della società e che spesso è sottoutilizzata per quelle che sono le sue potenzialità. Non sappiamo come utilizzeremo la tecnologia tra dieci anni, ma la sfide tecnologiche che abbiamo davanti ci suggeriscono di puntare a far conoscere oltre che ad emozionare, a far interagire oltre che a intrattenere, in modo da coinvolgere le persone non solo come utilizzatori passivi ma come fruitori consapevoli, che riescono a determinare da soli la loro conoscenza.

visione

Le sfide più difficili sono le più belle!

Ci sono lavori ordinari che ogni giorno con passione portiamo avanti e ci sono lavori che nascono come sfide. Sfide da raccogliere e portare avanti con entusiasmo che rendono il nostro mestiere unico ed affascinate.

Fotografare a Venezia i monumenti ed i tesori più belli di questa straordinaria città è stato senza dubbio una delle sfide più interessanti, sia dal punto di vista operativo che per il riconoscimento che abbiamo ricevuto. Fotografare le “Meraviglie di Venezia: i tesori sacri e profani nell’area di San Marco” ed utilizzare la tecnologia per avvicinare le persone di tutto il mondo ad oggetti, sculture, bassorilievi, preziosi e fragilissimi calici. Trovarsi di notte da soli a fotografare in una delle più belle Basiliche del del mondo, in un silenzio carico di storia e sacralità, ci ha offerto delle emozioni che sono state uniche ed irripetibili. Questo appalto vinto da una società di Prato a cui abbiamo fornito le nostre soluzioni e le nostre capacità ha vinto uno dei più importanti riconoscimenti a livello europeo come il Grand Prix per la Cultura /Europa Nostra Award nel 2015 e il Premio Nazionale per l’innovazione nel settore della Pubblica Amministrazione nel 2016.

Un’altra sfida appena terminata è stata la consulenza per la digitalizzazione dell’intero patrimonio fotografico della Soprintendenza di Pompei Ercolano e Stabia. Un lavoro imponente di 180.000 scansioni fra lastre, pellicole, diacolor e diapositive, vinto da due società leader nel settore della digitalizzazione e della multimedialità a cui abbiamo fornito le nostre conoscenze, le nostre procedure, ma soprattutto la nostra passione per la fotografia. Un fotografia storica da valorizzare con le migliori tecnologie disponibili sul mercato, realizzata in tempi e da record pur mantenedo una qualità molto alta.

Quali sono i vostri elementi distintivi?

Cercare l’innovazione all’interno di quello che si chiama digital imaging, cioè il flusso di informazioni digitali che costituisce la comunicazione visiva in tutte le sue forme, cercare e testare le innovazioni tecnologiche, provare e sperimentare sempre nuovi metodi espressivi per stupire e coinvolgere le persone. Non basta più una foto tecnicamente corretta ma ci vuole che la foto catturi, stupisca mediante possibilità ulteriori. Una foto che sia iconica, che emozioni, che racconti, che apra nuovi orizzonti. Dall’altro lato ci accorgiamo che quando andiamo a proporre il nostro lavoro e dalle richieste che ci pervengono, che manca la conoscenza e la preparazione del committente di quello che alla fine dovrebbe giudicare ed approvare il nostro lavoro. Cerchiamo spesso di guidare e formare le scelte del committente che spesso sono già superate o non sono le migliori, per far capire e trovare insieme quali sono le risorse ottimali da utilizzare nelle diverse situazioni.

Ringraziamo 360VR per l’intervista e per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito www.360vr.it

Condividi l'articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin
Pubblicato il da Matteo
Postato in: Il tuo tempo libero
Articoli correlati:

CODICI E CODICILLI - Madrelingua traduttrice, proofreader, ed insegnante di inglese e italiano

Traduzioni a Firenze
scritto da Roberto S il 20/11/2017
Mi sono avvalso di Eleonora Harris per la traduzione in inglese del nostro sito web aziendale. Oltre all'indubbia capacità tecnica ho potuto...

GS di Simonelli Giacomo

Idraulico a San Secondo Parmense
scritto da Maddalena B il 20/11/2017
Bravissimo Giacomo che ha risolto il problema in brevissimo tempo con un'ottimo risultato! da ricontattare sicuramente se dovessi averne anc...

Antennista elettricista

Elettricista generico a Ciampino
scritto da Cristian V il 20/11/2017
Sono stati professionali, rapidissimi, e hanno risolto brillantemente il problema. Trattamento economico e giusto, mi hanno poi offerto un m...

Luca Gomiero

Rifacimento intonaco pareti a Treviso
scritto da Vukadinovic M il 20/11/2017
Che dire... non potevo fare una scelta migliore! Ho contattato Luca per l'isolamento di una terrazza e la dipintura interna di casa. Il lavo...

Birolini manutenzioni srl

Manutenzione o revisione caldaia a Bergamo
scritto da Mara I il 19/11/2017
Eccellente servizio, puntuale, preciso e professionale. Il preventivo è stato chiaro ed il tecnico molto corretto nella spiegazione e applic...

Bolzonella Andrea posa levigatura e restauro pavimenti e scale in legno

Lucidatura parquet a Dolo
scritto da Antonio M il 19/11/2017
Bolzonella Andrea, ottimo artigiano è un vero professionista del parquet, competente, serio, gentile e puntuale ha eseguito la lamatura, st...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come funziona ProntoPro

Fai la richiesta
1

Fai la richiesta

Indica di che cosa hai bisogno in pochi click.
Confronta i preventivi
2

Confronta i preventivi

In poche ore riceverai fino a 5 preventivi personalizzati.
Scegli il professionista
3

Scegli il professionista

Scegli il professionista più adatto a te dopo aver confrontato le offerte e consultato i profili.