L’impermeabilizzazione in edilizia

Impermeabilizzazione edilizia: una necessità per la nostra sicurezza.

Quando osserviamo un edificio o una costruzione di qualsiasi genere ciò che prima di tutto ci colpisce e a cui prima di tutto prestiamo attenzione è certamente il suo aspetto esteriore: la sua altezza, il suo colore, le sue eventuali particolarità stilistiche. Ci sono tuttavia degli aspetti che non si vedono in quanto non saltano immediatamente all’occhio, ma che sono comunque importanti, e anzi più importanti, di quelli estetici. Questi ultimi infatti riguardano principalmente la sicurezza dell’edificio stesso: uno di essi è quello dell’impermeabilizzazione.

L’impermeabilizzazione in generale.

In generale l’impermeabilizzazione, come suggerisce la parola stessa, è un’operazione che nel campo delle costruzioni edili ha lo scopo di rendere impermeabile la superficie sulla quale viene realizzata. Messa in questo modo al riparo dall’erosione dell’acqua, la superficie in questione viene protetta e preservata nel tempo. Il processo di impermeabilizzazione prevede chiaramente una preparazione, senza la quale il risultato potrebbe essere poco efficace o poco duraturo. Prima di tutto infatti, la superficie interessata dal processo deve essere levigata e pulita rimuovendo le parti friabili e la polvere. Il secondo accorgimento essenziale consiste nel ricoprire l’elemento da impermeabilizzare con primer specifici adatti alle superfici umide. Tale procedimento è volto ad evitare che l’umidità dell’elemento in questione raggiunga lo strato impermeabilizzant
e creando pressioni tali da staccare lo strato stesso dal suo supporto o da danneggiare quest’ultimo.

edilizia

Materiali di uso comune.

In dipendenza da diversi fattori quali l’estetica dell’elemento da impermeabilizzare, il materiale di cui è costituito o il suo spessore, o ancora le condizioni atmosferiche del luogo in cui l’elemento si trova, il processo di impermeabilizzazione viene realizzato con materiali differenti e adeguati alla particolarità del caso. Quelli in assoluto più usati per la loro versatilità, durata e facilità di applicazione sono le menbrane bitume-polimero, o guaine bituminose. Come suggerisce già il nome, esse si ottengono a partire da una mescola di bitume distillato e polimeri applicata su ambo i lati di un’armatura. Altri materiali utilizzati sono asfalto naturale arricchito con bitume naturale, o ancora teli e guaine sempre a base di bitume o di sostanze plastiche.

Siamo sicuri di essere al sicuro?

Una volta capito in che cosa consiste il processo di impermeabilizzazione dovrebbe esser chiara anche la sua importanza per la nostra sicurezza: lo scopo primario dell’impermeabilizzazione è infatti quello di proteggere la struttura interna degli edifici dalla corrosione che ha inevitabilmente luogo al passaggio dell’acqua. Va detto però che spesso è proprio eliminando tale processo dalle procedure di costruzione che le ditte odierne tendono a risparmiare. Ciò può avvenire in quanto l’impermeabilizzazione è un’opera che non si vede: evitando di realizzarne le costose procedure si può realizzare uno stabile con una spesa (relativamente) bassa per poi rivenderlo ad un prezzo di gran lunga più alto, senza che l’eventuale acquirente sospetti nulla.

Occhio alle truffe!

A questo punto entrano in gioco le ditte che si occupano specificatamente di impermealizzazione, ma anche qui dobbiamo stare molto attenti: le truffe sono sempre dietro l’angolo!! Per capire se una certa ditta è competente o vuole soltanto intascare i nostri soldi giocando sull’ingenuità di chi è poco esperto o informato, l’unico strumento che abbiamo dalla nostra parte è l’analisi del preventivo che ci viene proposto. Il prezzo è generalmente ciò che più ci spaventa ed è pertanto la prima cosa che guardiamo in un preventivo. Come regola generale esso deve essere rapportato al metro quadrato, di modo che si possa stabilire una base di costo per metro quadro da impermeabilizzare. In questo modo, per calcolare il costo complessivo dell’operazione basterà moltiplicare la suddetta base per la metratura totale dell’area sulla quale realizzare il lavoro. Oltre al prezzo tuttavia ci sono altri aspetti
cui dobbiamo prestare attenzione: uno di questi è quello che riguarda la qualità dei materiali utilizzati dalla ditta.

Condividi l'articolo: