L’importanza di una strategia Seo per posizionarsi sui motori di ricerca

Pubblicato il 26 marzo 2018 da Alessandra
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin

Oggi per ProntoPro intervistiamo Nextre Engineering

1- Quali sono i servizi più richiesti a Nextre Engineering?

Il nostro obiettivo a lungo termine è quello di costruire una società che abbia successo e che sia all’avanguardia. Che riesca ad adattarsi ai continui cambiamenti del mercato IT e/o Marketing. Ecco perché sempre più persone ci contattano per affidarci dei lavori che sino a pochi anni fa non era pensabile realizzare. Per fare un esempio i “Chatbot” oppure ancora la configurazione personalizzata dei tool di Big Data Analytics come “Pentaho”. Ma per rispondere correttamente alla tua domanda i servizi più richiesti sono la creazione di siti ecommerce con le migliori piattaforme presenti sul mercato: “Magento”, “Woocommerce” o “Prestashop.” Lo sviluppo di siti web facili da aggiornare e portali editoriali SEO friendly. Altri ancora hanno bisogno di lead fidelizzati e quindi necessitano di campagne di “Lead Generation” targettizzate. Ci sono molte richieste per quanto riguarda il “Content Marketing”, che consiste nella creazione di contenuti on-page ed off-page. Lo sviluppo di APP in linea con gli standard del mercato è un altro servizio che sempre più persone richiedono negli ultimi anni.

motori di ricerca

2- Se un’azienda volesse lanciare un’applicazione, quale sistema consiglierebbe come primo approccio?

Negli ultimi anni sempre più aziende hanno la necessità di creare un’app per la promozione di un’attività o progetto, o più semplicemente per espandere il proprio marchio così da raggiungere più persone. Il primo step che bisogna seguire è quello dell’“analisi predittiva”. Sviluppare un’app comporta un ingente esborso monetario e quindi bisogna analizzare globalmente la situazione così da non incorrere in rischi che potrebbero definire negativamente la propria esperienza societaria. Quindi bisogna definire un obiettivo, fare delle ricerche di mercato e analizzare i relativi competitor. Successivamente bisognerà identificare il segmento di mercato; questa operazione è importante perché permetterà ai potenziali clienti di identificare la relativa app in mezzo ad altre mille. Scegliere la piattaforma è un altro processo che merita particolare attenzione. Alcune start-up si impegnano nello sviluppo di applicazioni cross-platform così da rivolgersi a una vasta gamma di utenti piuttosto che un mercato di nicchia. Lo sviluppo di un’applicazione nativa, web o ibrida viene determinato in base ai tempi e ai vincoli di budget. Ora bisogna progettare l’applicazione e sviluppare un prototipo. Una volta ultimato il processo di sviluppo si passerà alla fase di beta-test, che include successivi feedback. Avviare una versione beta del prototipo consente di analizzare in modo appropriato i diversi bug presenti e trarre utili risposte. La versione beta dell’applicazione sviluppata fornisce una chiara comprensione del comportamento del cliente in correlazione con l’applicazione. Una volta ottimizzato il tutto, bisognerà lanciare l’applicazione nel mercato. Ovviamente l’app andrà supportata anche nei mesi successivi e bisognerà aggiornarla con nuove funzionalità così da migliorare l’esperienza utente. Per farla visualizzare da più persone e posizionarla nell’app store è necessario adottare strategie di marketing ottimizzate per cellulari. Avviare l’applicazione non sarà sufficiente. Gli sviluppatori più apprezzati sono quelli che riescono a proporre strategie di marketing per migliorare la popolarità della relativa app.

motori di ricerca

3 – Perché un blog è importante in un sito aziendale?

Il blog è lo strumento con cui comunico, promuovo e infine vendo la mia azienda: quindi i miei servizi e prodotti. È lo spazio da cui veicolare i contenuti che il proprio target considera rilevanti. Attraverso il blog, l’azienda può migliorare la propria visibilità nei relativi motori di ricerca. La sola pagina o poche pagine non bastano per ottimizzare un sito lato SEO, è necessario creare un hub che raccoglie dei post ideati con lo scopo di promuovere determinati servizi e prodotti e posizionarli efficacemente sui motori di ricerca. Attraverso una mappatura dei contenuti è possibile inoltre segnalare ai motori di ricerca qual è la pagina più importante del sito aziendale e quindi aiutarla ad emergere nella serp. Grazie al blog è possibile aumentare il volume del traffico verso il proprio sito, fidelizzare i clienti o trovarne di nuovi. In più permette all’azienda di farsi conoscere e ispirare fiducia al relativo utente. Il blog è un ottimo tool per creare relazioni con altri esperti della propria area. Il nostro obiettivo è quello di farci conoscere da molti influencer che potrebbero aiutarci a promuovere l’attività. Senza un blog diventa difficile ricevere condivisioni e/o citazioni da parte di queste persone. Il blog ha anche la potenzialità di fare “Lead Generation” e quindi trasformare il lettore da prospect a lead; soprattutto se la pagina del relativo articolo riesce a condurre nella relativa pagina con la form in cui è contenuto il servizio che vogliamo vendere. Ultimo citiamo la possibilità di creare un brand, condividendo i post che riteniamo più rilevanti nelle nostre pagine social aziendali.

4 – A suo avviso qual è il metodo migliore per avere un buon posizionamento nei motori di ricerca?

Potrei affermare tranquillamente che il contenuto è il re per quanto riguarda il posizionamento di un sito web nei più importanti motori di ricerca. Ovviamente l’articolo dovrà essere ideato seguendo i diversi parametri necessari per l’ottimizzazione dal punto di vista SEO. Il mio consiglio è quello di coniugare la SEO tecnica ai migliori protocolli di User Experience. Riempire il testo di parole chiave non basta più per posizionarsi sui motori di ricerca. Ovviamente non bisognerà soffermarsi solo sui contenuti ma ci sono diversi aspetti da osservare se si vuole raggiungere la prima pagina di Google – cito Google perché ovviamente è il motore di ricerca più usato al momento – Per esempio, le ricerche effettuate da mobile hanno superato quelle lato desktop quindi è diventato “fondamentale” creare un sito responsive e pensato per cellulari e tablet. Google sta puntando forte sulle pagine AMP, che sono delle pagine ottimizzate lato utente (mobile) e che vengono caricate in tempi ristretti. La velocità è un altro aspetto necessario per il posizionamento di un sito web nei motori di ricerca. Se il vostro sito si caricherà in più di tre secondi significa che qualcosa non sta funzionando a dovere. Google premierà quei contenuti e pagine che si caricano in modo rapido e quindi in grado di soddisfare un’esperienza utente superiore. Cercate sempre di includere dei contenuti multimediali nelle vostre pagine e contenuti. I visitatori di un relativo sito hanno maggiori probabilità di acquistare un prodotto o apprendere un argomento attraverso video e tutorial approfonditi. Per ultimo risulta utile costruire il brand attraverso le pagine social. Basterà effettuare una ricerca per notare come le pagine social occupino le prime pagine della serp. Occorre quindi studiare una strategia social così da monopolizzare determinate chiavi di ricerca secche.

motori di ricerca

5 –  In che modo un’azienda può analizzare l’enorme flusso di dati che passa attraverso il suo sito?

Dimentichiamoci del vecchio contatore che spopolava una decina di anni fa nei siti e blog. Ora abbiamo diversi tool che ci permettono di analizzare i dati di un sito web. Primo fra tutti “Google Analytics” che consente di fare tantissime cose e ci fornisce delle informazioni necessarie per capire come migliorare le performance del nostro sito. Numero di visitatori, frequenza di rimbalzo, tempo trascorso in una pagina sono alcune delle importanti statistiche che possiamo monitorare attraverso questo potente strumento fornito da Google. Possiamo inoltre creare segmenti, verificare la proprietà di un sito, impostare una sitemap ecc. Le funzioni presenti in Google Analytics non sono poche e occorre una certa dimestichezza per apprenderle tutte al meglio. È possibile inoltre accedere alla Search Console di Google per visualizzare altre info utili che non sono presenti in Google Analytics. Qui troveremo diverse categorie pratiche come le “statistiche di scansione”. Queste mostrano l’attività dei Google Bots che hanno esaminato il sito web negli ultimi 90 giorni. Questo processo è ovviamente necessario per misurare il tipo di informazioni che Google raccoglie dal sito, come per esempio i file CSS, JavaScript, Flash, PDF o immagini. In rete ci sono molti altri tool a pagamento che ci forniscono in modo ottimale informazioni sul flusso di dati che passano nel nostro sito, ma i due citati in questo paragrafo sono essenzialmente i migliori per quanto riguarda l’analisi di un sito web, ed ovviamente sono gratuiti, il che non guasta. Se poi si vuole fare le cose in grande, gli strumenti di Big Data Analytics come “Pentaho” riescono a elaborare un grande flusso di dati in tempi più ristretti rispetto agli strumenti di analisi tradizionali. Ovviamente in questo caso, i costi saranno superiori.

Ringraziamo Nextre Engineering per la disponibilità!

Condividi l'articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin
Pubblicato il da Alessandra
Postato in: Marketing, Senza categoria
Articoli correlati:

CODICI E CODICILLI - Madrelingua traduttrice, proofreader, ed insegnante di inglese e italiano

Traduzioni a Firenze
scritto da Roberto S il 20/11/2017
Mi sono avvalso di Eleonora Harris per la traduzione in inglese del nostro sito web aziendale. Oltre all'indubbia capacità tecnica ho potuto...

GS di Simonelli Giacomo

Idraulico a San Secondo Parmense
scritto da Maddalena B il 20/11/2017
Bravissimo Giacomo che ha risolto il problema in brevissimo tempo con un'ottimo risultato! da ricontattare sicuramente se dovessi averne anc...

Antennista elettricista

Elettricista generico a Ciampino
scritto da Cristian V il 20/11/2017
Sono stati professionali, rapidissimi, e hanno risolto brillantemente il problema. Trattamento economico e giusto, mi hanno poi offerto un m...

Luca Gomiero

Rifacimento intonaco pareti a Treviso
scritto da Vukadinovic M il 20/11/2017
Che dire... non potevo fare una scelta migliore! Ho contattato Luca per l'isolamento di una terrazza e la dipintura interna di casa. Il lavo...

Birolini manutenzioni srl

Manutenzione o revisione caldaia a Bergamo
scritto da Mara I il 19/11/2017
Eccellente servizio, puntuale, preciso e professionale. Il preventivo è stato chiaro ed il tecnico molto corretto nella spiegazione e applic...

Bolzonella Andrea posa levigatura e restauro pavimenti e scale in legno

Lucidatura parquet a Dolo
scritto da Antonio M il 19/11/2017
Bolzonella Andrea, ottimo artigiano è un vero professionista del parquet, competente, serio, gentile e puntuale ha eseguito la lamatura, st...

One thought on “L’importanza di una strategia Seo per posizionarsi sui motori di ricerca

  1. Diciamo che l’ottimizzazione SEO dovrebbe essere l’anima di ogni sito internet. Riuscire a intercettare gli utenti mentre ricercano i prodotti o servizi che vengono offerti da un’azienda è un vantaggio competitivo che ancora molti imprenditori non hanno capito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come funziona ProntoPro

Fai la richiesta
1

Fai la richiesta

Indica di che cosa hai bisogno in pochi click.
Confronta i preventivi
2

Confronta i preventivi

In poche ore riceverai fino a 5 preventivi personalizzati.
Scegli il professionista
3

Scegli il professionista

Scegli il professionista più adatto a te dopo aver confrontato le offerte e consultato i profili.