Nuovo Termostato intelligente Nest: addio cronotermostato

Pubblicato il 9 Gennaio 2017 da Matteo
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin

Nest è un’azienda conosciuta per i suoi prodotti eccellenti, che stanno rivoluzionando vari ambiti della sfera domestica.

termostato lifestyle

 

La terza generazione del termostato Nest auto programmante risulta di incredibile utilità. Il livello di automazione raggiunto da questo dispositivo è altissimo e consente a chi lo acquista e lo installa di non preoccuparsi di come e quando dover programmare il riscaldamento dei propri ambienti. Sostituendo il vecchio cronotermostato, esso impara ad auto programmarsi sulla base delle informazioni immagazzinate nel corso delle prime settimane di utilizzo.

I vantaggi di un termostato wifi intelligente

La capacità di “imparare” le abitudini dei padroni di casa permette un risparmio energetico non indifferente, elemento che rappresenta l’ulteriore e decisivo salto in avanti del prodotto. Inoltre il collegamento ad internet, tramite connessione WiFi, consente al termostato di scaricare ed installare gli aggiornamenti senza che ci sia bisogno dell’intervento dell’utente, come pure di essere sempre informato in merito alle previsioni meteo per avere ulteriori dati attraverso i quali allineare la programmazione dei riscaldamenti alle condizioni reali del tempo.

Installare il termostato

Per installare questa evoluzione del caro vecchio cronotermostato è necessario seguire attentamente alcune semplici ma fondamentali istruzioni.

All’interno della confezione si trova un dispositivo denominato Heat Link, che fa da connettore e trasformatore alimentato a 220 o 230V, uscendo invece con una tensione da 24V, e rappresenta il ponte tra la caldaia e il termostato vero e proprio, che non deve mai essere collegato direttamente alla rete domestica, pena il danneggiamento del termostato.
componenti termostato nest

Dall’ Heat Link partono due cavi che vanno collegati al termostato e altri due cavi che devono essere connessi ai morsetti della caldaia. Lo stesso Heat Link, inoltre, non è opportuno che sia installato a distanza eccessiva dalla caldaia medesima. Ciò, tuttavia, pone il vero probabile lavoro impegnativo per completare l’installazione, cioè far raggiungere ai cavi il termostato vero e proprio mediante un’apposita canalina murata, o comunque attraverso qualunque altro genere di soluzione, sulla base dei diversi contesti abitativi. Vi consigliamo di farvi aiutare da un elettricista competente per questa operazione.

Nel momento in cui tali collegamenti sono eseguiti nella maniera corretta è possibile accendere lo strumento e dare inizio alla sua configurazione, che parte dalla scelta delle lingue disponibili (ovvero quella inglese, quella francese e quella spagnola, mentre manca ancora quella italiana). Il passaggio successivo è far ruotare la ghiera metallica posizionata sulla circonferenza del dispositivo, per poi inserire il nome che si intende dare allo strumento, che può essere ad esempio ispirato al luogo in cui viene posizionato il termostato. In seguito è necessario indicare il tipo di riscaldamento presente nell’ambiente in cui lo si sta installando (ovvero se a gas, se a elettricità, se a pavimento o altro ancora). Infine è assolutamente fondamentale inserire le credenziali della propria connessione internet WiFi.

Una descrizione illustrata e dettagliata del processo di installazione è reperibile presso questa pagina della casa produttrice, purtroppo ancora in lingua inglese.

Se l’intera spiegazione vi è parsa troppo complicata e non volete correre ilrischio di danneggiare il vostro nuovissimo termostato, potete sempre rivolgervi ad un installatore professionista

Utilizzare il vostro nuovo termostato WiFi

termostato nest wifi

Con il trascorrere dei giorni, registrando le varie accensioni e i vari spegnimenti dell’impianto di riscaldamento che l’utente effettuerà manualmente, il termostato Nest imparerà a conoscere le abitudini di chi lo usa, creando poi un programma specifico e personalizzato fondato sui dati raccolti.

L’utente, dopo il primo periodo di “rodaggio” non dovrà più occuparsi delle impostazioni del clima del proprio ambiente. Il dispositivo, infatti, imparerà a spegnere i riscaldamenti nel momento in cui chi lo utilizza uscirà di casa e ad accenderli poco prima del suo rientro. Tuttavia questa funzionalità non basta a distinguere il termostato WiFi nest dal tradizionale cronotermostato: altrettanto importante è infatti la possibilità di scaricare la relativa applicazione per smartphone, attraverso la quale è possibile controllare il termostato WiFi anche a distanza, monitorando e ottimizzando ulteriormente i consumi. L’applicazione, peraltro, consente di conoscere quanta energia è stata utilizzata giorno per giorno, il che permette di prevedere anche i consumi

futuri e di conoscere preventivamente, di conseguenza, l’entità dei costi energetici da sostenere, potendo anche intervenire direttamente nel programmare un abbassamento.

Qualche precauzione nell’acquisto del vostro termostato intelligente

Il termostato Nest, da un punto di vista dell’interfaccia con la quale si va ad interagire, è una rotellina in vetro e metallo, che si rappresenta peraltro un interessante oggetto di design. Basta girare quella ghiera metallica per impostare la temperatura, con incrementi e decrementi di sensibilità pari a mezzo grado per volta. La risoluzione del display è pari a 480 x 480 pixel. Il colore dello sfondo del display è un misto tra arancione e rosso nel momento in cui l’ambiente va a riscaldarsi, è blu quando invece vi si connette anche l’aria condizionata. In tutti gli altri casi il colore dello sfondo è il nero e le scritte sono bianche. Il dispositivo è inoltre dotato di un sensore di presenza che rileva eventuali attività all’interno della stanza, nel qual caso si accende e possono essere di conseguenza apportate eventuali modifiche alla temperatura.

Insomma, le raffinate funzionalità di questo termostato WiFi non vi faranno minimamente rimpiangere il vostro vecchio cronotermostato.

Il termostato Nest autoprogrammante è stato concepito inizialmente per il mercato americano, tra gli anni 2011 e 2012. Successivamente ne è stata estesa la distribuzione anche al mercato europeo, mediante un necessario adattamento alle reti elettriche dei diversi Paesi. È assolutamente opportuno, di conseguenza, verificare che si vada ad acquistare il prodotto adeguato alla rete elettrica che si ha a disposizione. In caso contrario sarebbe impossibile installare correttamente il dispositivo. La versione inglese, attualmente, è quella del tutto compatibile con la rete elettrica italiana. 

Condividi l'articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin Condividi su Linkedin
Pubblicato il da Matteo
Postato in: La tua casa
Articoli correlati:

CODICI E CODICILLI - Madrelingua traduttrice, proofreader, ed insegnante di inglese e italiano

Traduzioni a Firenze
scritto da Roberto S il 20/11/2017
Mi sono avvalso di Eleonora Harris per la traduzione in inglese del nostro sito web aziendale. Oltre all'indubbia capacità tecnica ho potuto...

GS di Simonelli Giacomo

Idraulico a San Secondo Parmense
scritto da Maddalena B il 20/11/2017
Bravissimo Giacomo che ha risolto il problema in brevissimo tempo con un'ottimo risultato! da ricontattare sicuramente se dovessi averne anc...

Antennista elettricista

Elettricista generico a Ciampino
scritto da Cristian V il 20/11/2017
Sono stati professionali, rapidissimi, e hanno risolto brillantemente il problema. Trattamento economico e giusto, mi hanno poi offerto un m...

Luca Gomiero

Rifacimento intonaco pareti a Treviso
scritto da Vukadinovic M il 20/11/2017
Che dire... non potevo fare una scelta migliore! Ho contattato Luca per l'isolamento di una terrazza e la dipintura interna di casa. Il lavo...

Birolini manutenzioni srl

Manutenzione o revisione caldaia a Bergamo
scritto da Mara I il 19/11/2017
Eccellente servizio, puntuale, preciso e professionale. Il preventivo è stato chiaro ed il tecnico molto corretto nella spiegazione e applic...

Bolzonella Andrea posa levigatura e restauro pavimenti e scale in legno

Lucidatura parquet a Dolo
scritto da Antonio M il 19/11/2017
Bolzonella Andrea, ottimo artigiano è un vero professionista del parquet, competente, serio, gentile e puntuale ha eseguito la lamatura, st...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come funziona ProntoPro

Fai la richiesta
1

Fai la richiesta

Indica di che cosa hai bisogno in pochi click.
Confronta i preventivi
2

Confronta i preventivi

In poche ore riceverai fino a 5 preventivi personalizzati.
Scegli il professionista
3

Scegli il professionista

Scegli il professionista più adatto a te dopo aver confrontato le offerte e consultato i profili.