Quali sono i servizi informatici più richiesti da parte degli utenti?

In questo articolo vedremo quali sono i servizi informatici più richiesti ed in quali casi si effettua il raffreddamento liquido CPU/GPU.

servizi informatici

In che modo opera MHZ Informatica? Quali sono i servizi che vengono maggiormente richiesti dai clienti?

MHZ opera nel settore privato e con piccole e medie imprese. L’azienda si pone come realtà per assistenza informatica sia software che hardware. I servizi maggiormente richiesti sono: ripristino sistema operativo ( che sia windows che apple ), rimozione virus, recupero dati da dischi fissi o memorie in generale, recupero dati a seguito di un attacco malware, assistenza e riparazione componenti hardware per computer desktop e notebook. Possiamo operare presso l’abitazione / ufficio del cliente, oppure nel nostro laboratorio dove eseguiamo tutti i lavori di riparazione.

Per le piccole/medie imprese, proponiamo anche pacchetti di assistenza annuali, che garantiscono copertura informatica a 360 gradi e rapidità di intervento. MHZ è anche rivenditore ufficiale FASTWEB per privati ed aziende, dove nel comune di Piacenza ha portato di recente connettività in tecnologia fibra FTTS con velocità di 200 Mbit/s.

La qualità dei servizi che proponiamo ai clienti è in continua evoluzione; di recente abbiamo rivisto tutte le procedure di presa in carico e gestione delle assistenze, grazie ad un nuovo gestionale completamente basato su cloud, possiamo ad esempio aggiornare il cliente in tempo reale sullo stato di riparazione del suo computer, tramite l’invio automatico di email o sms.
Mentre per i clienti aziendali abbiamo implementato un portale dove poter aprire autonomamente dei ticket di assistenza, in modo da velocizzare sempre più i tempi di risoluzione delle problematiche.
Per soddisfare le esigenze dei clienti ci avvaliamo dei migliori fornitori di prodotti informatici a livello Europeo, che ci garantiscono tempi di consegna velocissimi e assortimento al TOP anche per i clienti più esigenti.

Raffreddamento a liquido CPU / GPU / MAINBOARD; di cosa si tratta e in quali casi va fatto questo tipo di intervento?

Si tratta di un settore di nicchia, in quanto la maggior parte dei clienti necessita di soluzioni piuttosto standard, in alcuni casi invece si decide, insieme al cliente, per soluzioni di dissipazione termica molto più avanzate, quali appunto il raffreddamento a liquido dei principali componenti cpu/gpu/mainobard ecc.
Con questi sistemi si ottengono diversi vantaggi, il primo fra tutti è l’alta efficienza termica in quanto i liquidi dissipano molto meglio il calore rispetto ai sistemi ad aria, un’altro vantaggio è la silenziosità operativa, in quanto in un sistema a liquido vengono usate pochissime ventole ed a basso regime di giri, mentre in un sistema ad aria classico le ventole sono in maggior numero e a regime di giri variabile molto alto in alcuni casi. Questo tipo di sistemi a liquido vengono usati su computer ad alte prestazioni quali ad esempio, pc da gaming oppure cad avanzato.
I sistemi a liquido si compongono principalmente di: radiatore, pompa, tanica di contenimento, water-block ed un minimo di una ventola per lo scambio termico. Questo nei sistemi a liquido di base, ma le possibilità sono veramente infinite, così come la creatività dell’assemblatore, per rendere unica ogni configurazione.

Quali sono le principali minacce nel vostro settore? Quale linea strategica ritenete sia opportuno seguire in futuro per rimanere competitivi?

Le minacce attuali vengono rappresentate dai centri commerciali che già da tempo hanno abbattuto la vendita al dettaglio. Oltre a questo esistono anche centri assistenza o persone che si improvvisano tecnici informatici posso rappresentare una piccola minaccia.
La linea che adotteremo e che abbiamo sempre adottato è ascoltare le esigenze dei clienti, ponendo al primo piano la loro soddisfazione, perché crediamo fortemente che la qualità che noi applichiamo sarà sempre il nostro valore aggiuntivo.
Si ringrazia MHZ INFORMATICA PIACENZA per aver risposto alle nostre domande.
Condividi l'articolo: