Il portale dei Professionisti n°1 in Italia

Bonus 110% pannelli fotovoltaici: come approfittarne

Con l’introduzione del Superbonus, i contribuenti hanno la possibilità di beneficiare di una detrazione pari al 110% della spesa sostenuta per le ristrutturazioni edilizie. Tra queste ristrutturazioni rientrano anche gli interventi per il miglioramento dell’efficacia energetica, compresi quelli per l’installazione di pannelli fotovoltaici.

Bonus 110% pannelli fotovoltaici: come approfittarne

Bonus 110% pannelli fotovoltaici: come approfittarne

Il Superbonus, introdotto dal Decreto Rilancio (D.L. 34/2020 convertito con la Legge n. 77/2020), ha incrementato i già presenti bonus in ambito di ristrutturazioni edilizie verso una percentuale di detrazione pari al 110 % della spesa sostenuta, ma solo in corrispondenza di specifici interventi edilizi quali: a) la riduzione del rischio sismico (sismabonus); b) la riqualificazione energetica degli edifici (ecobonus) attraverso un maggiore isolamento termico o una sostituzione degli impianti di riscaldamento o climatizzazione; c) la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con nuovi impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza energetica.

Questi interventi vengono definiti TRAINANTI e conseguentemente permettono ad altri interventi effettuati sullo stesso immobile di essere TRAINATI e passare di conseguenza da un bonus che in precedenza era più basso (50 - 65 %) al bonus del 110%. Tra gli interventi TRAINATI c’è anche l’installazione di pannelli fotovoltaici.

Conseguentemente, se decidiamo di migliorare l’efficienza energetica del nostro condominio o della nostra villetta e mettiamo in essere una ristrutturazione edilizia che prevederà una riduzione del rischio sismico o una coibentazione/cappotto del nostro immobile con una incidenza superiore al 25 % della superficie disperdente, al fianco di questi interventi che garantiscono una detrazione del 110 % possiamo anche decidere di installare pannelli fotovoltaici la cui spesa concorrerà anch’essa ad una detrazione fiscale del 110 %.

Al fine di godere di questa detrazione è necessario che queste spese vengano sostenute dal 01 luglio 2020 al 30 giugno 2022.

Nei casi in cui detti interventi vengano effettuati su parti comuni condominiali, la scadenza è prorogata al 31 dicembre 2022, a patto che entro il 30 giugno 2022 vengano effettuati interventi strutturali per almeno il 60% del complessivo.

L’installazione di impianti solari fotovoltaici allacciati alla rete elettrica dovrà essere posizionata su edifici esistenti o su strutture di pertinenza degli stessi: nello specifico vengono individuati tutti quegli edifici indicati nell’art. 1 co. 1 lett. a) b) c) del DPR. 412/1993. Inoltre, sono comprese nel 110 % anche le installazioni di successivi sistemi di accumulo da integrare nell’impianto.


In quali casi è possibile chiedere il bonus 110 % per i pannelli fotovoltaici

In tutti quei casi in cui vengono realizzate ristrutturazioni edilizie che coinvolgono: una riduzione di rischio sismico Sismabonus; - l’isolamento termico dell’involucro dell’edificio con una riduzione della dispersione termica superiore al 25 %; - la sostituzione dell’impianto di riscaldamento o di climatizzazione invernale.

Realizzando sul proprio immobile o su quello condominiale uno o tutti gli interventi di cui sopra è poi possibile affiancare ad essi anche l’installazione di pannelli fotovoltaici allacciati alla rete elettrica dotati o meno di batterie di accumulo.

Per accedere alla fruizione del bonus 110 % anche sui pannelli fotovoltaici, è inoltre necessario che l’energia elettrica prodotta in eccesso venga ceduta in favore del GSE (Gestore Servizi Energetici) sulla base di quanto stabilito dal D.L. 387/2003 art. 13 co. 3; questo Gestore acquista l’energia in eccesso non immagazzinata nelle batterie di accumulo e la rivende nel mercato dell’energia.


Come chiedere il bonus 110 % per i pannelli fotovoltaici

La richiesta del bonus 110 % avviene attraverso la compilazione della propria dichiarazione dei redditi, sia essa un 730 oppure un modello UNICO, e il bonus può essere detratto in un massimo di 5 rate, quindi in un massimo di 5 anni.

Come chiedere il bonus 110 % per i pannelli fotovoltaici

Cosa rientra nel bonus 110 % per i pannelli fotovoltaici

All’interno del bonus 110 % sui pannelli fotovoltaici vengono ricondotte tutte le operazioni messe in essere riguardanti: l’acquisto, l’installazione, l’acquisto di batterie di accumulo e tutte le fatture di tutti i professionisti incaricati al rilascio delle certificazioni necessarie, quali asseverazioni e visti di conformità che attesteranno il miglioramento energetico avvenuto nell’immobile.

La detrazione massima riconosciuta dallo Stato per l’installazione di pannelli fotovoltaici è fissata a € 48.000,00 per ogni unità immobiliare e comunque entro una spesa massima di € 2.400,00 per ogni Kw di potenza nominale dell’impianto: di conseguenza, la spesa massima consentita è di circa € 43.640,00, in quanto € 43.640,00 x 10%= 4.364,00, da cui (43.640,00 + 4.364,00) = 48.000,00.

Facendo riferimento ai sistemi di accumulo/batterie, la detrazione che lo Stato riconosce è nel limite di spesa di € 1.000,00 per ogni Kwh di capacità di accumulo.


Quali sono i riferimenti normativi per il bonus 110 % per i pannelli fotovoltaici

I riferimenti normativi sono: - L’art. 119 del decreto legge n. 34 del 2020, ovvero il Decreto Rilancio, che introduce la detrazione del 110 % Legge del 17 luglio 2020 n. 77; - La Legge di bilancio 2021, che con il comma 66 introduce un nuovo termine di detrazione delle spese sostenute dal 01 luglio 2020 al 30 giugno 2022; - Il decreto n. 104 del 2020, cosiddetto Decreto di Agosto, che stabilisce che non possono godere del bonus 110 % tutti quegli interventi che sono realizzati su immobili di natura residenziale classificati come A1 abitazione signorile, A8 ville e A9 castelli e palazzi con pregi artistici o storici. - L’art. 121 del Decreto Rilancio, che ha permesso di poter beneficiare per le spese sostenute negli anni dal 2020 al 2022 delle opzioni di sconto in fattura e alla cessione del credito agli istituti prestabiliti. - Il co. 5 dell’art. 119 del Decreto Legge, che nello specifico estende la detrazione del 110 % anche alla installazione di impianti fotovoltaici solari connessi alla rete elettrica su immobili e su strutture pertinenziali agli stessi; il successivo co. 6 dispone l’estensione del 110 % anche ai sistemi di accumulo integrati negli impianti.

Con riferimento invece al GSE e all’energia non auto-consumata si fa riferimento all’art. 13 co. 3 del Decreto Legislativo del 29 dicembre 2003 n. 387, il quale disciplina il trattamento relativo all’energia in esubero prodotta da detti impianti fotovoltaici che viene di conseguenza ceduta al Gestore della rete nell’ambito delle convenzioni stipulate.

Nello specifico, il Gestore stabilisce le modalità per il ritiro facendo riferimento alle condizioni del mercato sulla base di una tariffa incentivante a norma dell’art. 42 bis co. 9 del Decreto Legge n. 162/2019 volta sia a premiare l’autoconsumo che i sistemi di accumulo.


PRONTOPRO CONSIGLIA

Se vuoi usufruire dello sconto in fattura, specificalo nella richiesta

Non essere frettoloso di inviare una richiesta al professionista

Controlla i requisiti necessari per verificare la tua idoneità al bonus

Se hai dei dubbi, verifica prima la tua domanda nelle FAQ


Domande frequenti

Quale dicitura deve essere esposta nel cartello del cantiere?

La dicitura corretta è: “Accesso agli incentivi statali previsti dalla Legge 17 luglio 2020 n. 77 superbonus 110 % per interventi di efficienza energetica o interventi antisismici”.

Qual è il numero massimo di unità abitative per le quali è possibile godere del superbonus 110%?

Il numero massimo di unità abitative di proprietà sulle quale è possibile detrarre interventi di efficientamento energetico è 2 unità, di conseguenza se sono proprietario di un immobile in città, di uno al mare e di uno in montagna potrò beneficiare del 110% solo su due di essi.

L’inquilino o il soggetto in comodato d’uso gratuito può beneficiare del 110 %?

Sia l’inquilino che il comodatario possono beneficiare delle detrazioni di imposta al 110 %, a patto che detengano un regolare contratto di affitto registrato all’Agenzia delle Entrate.

È possibile beneficiare del superbonus fotovoltaico al 110% e anche di altri incentivi statali o europei?

No, non è possibile godere di alcun altro incentivo se si richiede il Superbonus 110% (art. 119 D.L. 17 luglio 2020 n. 77).


Federica Bencini
ARTICOLO SCRITTO DA
Federica BenciniCommercialista

Lo studio Bencini offre professionalità e competenza in ambito contabile, fiscale, tributario e per la realizzazione di modelli dichiarativi quali 730 - UNICO 740 - 750 - 760 - IRAP -IVA tenuta della contabilità di professionisti, società di persone e di capitali, apertura di partite iva in regime ordinario o di vantaggio.

Hai bisogno di un Professionista per la tua casa? Trovalo su ProntoPro!Cerca Professionista

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto