Trova il tuo esperto.

Trova Corsi di fotografia a Milano

Guarda i migliori 18 vicino a te


Come funziona ProntoPro

Confronta

Decine di Professionisti verificati sono pronti ad aiutarti

Scegli

Controlla prezzo, foto e recensioni.

Contatta

Scrivi ai Professionisti direttamente in chat.

Gratis e senza impegno.


Recensioni dei clienti per Corsi di fotografia a Milano

5
Valutazione media su 600+ recensioni
Cercame Photo srl

Cercame Photo srl

4 recensioni

“Cercame photo è sempre una garanzia! I fotografi sono veri professionisti, non solo nell'atto dello scatto, ma dal punto di vista dell'attenzione alle richieste e esigenze del cliente. Recentemente ho...”

Recensione verificata di Chiara P.

“Professionista competente e appassionata. Particolare la cura dei dettagli e sempre disponibile alle richieste più esigenti. Assolutamente consigliata!”

Recensione verificata di Vincenzo M.

“Cristina tratta la fotografia non come hobby, ma come vera e propria arte. Riesce a catturare la bellezza e i particolari in persone e paesaggi prediligendo la naturalezza delle luci e dei colori così...”

Recensione verificata di Salvatore S.

Trova corso di fotografia a Milano

Bejart di Stefano Merlini

Stefano Merlini

11 recensioni

L'agenzia Bejart di Stefano Merlini specializzata in servizi di comunicazione fotografica e siti web di Milano, offre corsi di specializzazione, corsi di fotografia digitale e di libro fotografia digitale.

Fabrizio Di Laurenzio photographer

Via Orti, Milano, MI, Italia - Corso fotografia digitale reflex

Fabrizio Di Laurenzio

2 recensioni

Fabrizio Di Laurenzio photographer da tempo ed esperto in tecniche fotografiche, istituisce un corso di fotografia digitale a Milano.

Mauro Avallone | Fotografo

Mauro Avallone | Fotografo accademia della fotografia a Milano

Mauro Avallone

Il professionista Mauro Avallone dopo aver effettuato lezioni di fotografia e corsi in università di fotografia a Milano, offre reportage fotografici per matrimoni ed eventi,book fotografici e realizzazione compositi di fotografia commerciale.

Patrizia fiandanese

Patrizia Fiandanese

3 recensioni

La professionista Patrizia fiandanese di Milano propone un corso di fotografia digitale, fotografia reflex, fotografia naturalistica, corsi manuale fotografia e corso avanzato di fotografia.

Duel filmservice srl

VENTIDIECI corsi di specializzazione a Milano

Maurizio Longhi

2 recensioni

VENTIDIECI, laboratorio fotografico, si occupa di impartire lezioni di fotografia indoor e outdoor e collabora con corsi di specializzazione, a Milano.

Monica Albè Photography

Monica Albè

4 recensioni

Monica Albè Photography realizza stupendi album ricordo di cerimonie, a Milano. In più, organizza un corso di fotografia per principianti, che vogliono imparare a scattare foto con la reflex.

Fotografa

Fotografa, corso di fotografia a Milano.

Sogol Seyed Sadr

6 recensioni

“Preparata. Puntuale. Paziente. Disponibile. Sorridente. La professionista giusta per...” Leggi tutto

Recensione verificata di Cecilia R.

La Fotografa rappresenta una professionista qualificata verso un corso di fotografia professionale ed anche un workshop di fotografia a Milano e dintorni.

Roberto mancuso fotografo

Roberto Mancuso

7 recensioni

“Roberto è un ottimo professionista, serio e molto preparato. L'ho contattato per...” Leggi tutto

Recensione verificata di Andrea C.

Roberto mancuso ha seguito corsi di specializzazione a Milano e ha frequentato la migliore accademia di fotografia italiana. Si propone come fotografo a Milano.

Anna Visini - mammaclick

Anna Visini

4 recensioni

All' università di fotografia a Milano, grazie alla tecnica fotografica di Anna Visini si praticano corsi per servizi fotografici ( mamme in attesa, neonati, bambini e famiglie.)

Marco Carloni Fotografia

Marco Carloni Fotografia, corso di fotografia digitale a Milano

Marco Carloni

4 recensioni

Marco Carloni Fotografia offre delle lezioni e corsi di specializzazione in cui si offrono le basi di scatto e delle lezioni su come diventare fotografo

Franz Gagliardi Photo

Franz Gagliardi Photo - workshop di fotografia a Milano

Franz Gagliardi

Franz Gagliardi Photo ha cominciato la sua carriera come assistente fotografo dal 1979. Con il corso di fotografia per principianti vuole insegnare le tecniche per avere una carriera in questo settore tanto ambito.

Paolo Luiselli

Paolo Luiselli

3 recensioni

Sono un freelance e mi occupo di computer grafica 3d dall’anno 2000 e collaboro con diverse aziende nel settore della Computer Grafica 3d tra cui diversi centri di formazione autorizzati Autodesk tenedo corsi collettivi e pe…


Cosa si impara da un corso di fotografia online?

Cosa si impara da un corso di fotografia online? - Carlo Milani - Fotografia a Milano

Carlo Milani - Fotografia a Milano

Un'intervista con ProntoPro

Nato sulle rive del Ticino nello stesso paesello sul confine tra Piemonte e Lombardia che ha dato i natali ad Angelo Branduardi, Carlo Milani (1977) ha tradotto gli studi e l’amore per l’antichità classica per ciò che suona “www”. Nel 2002 ha fondato una agenzia di comunicazione con la quale ha vinto anche premi nazionali. Nel 2012 con la pittrice Alessandra Parravicini e la scrittrice Eleonora Bellini ha fondato l’Associazione culturale Mimesis: un progetto che mira a riunire artisti di diverse discipline e farli cimentare intorno a un tema comune per creare eventi e rappresentazioni dialogiche. Sempre nel 2012 ha pubblicato il suo primo romanzo fantasy in formato digitale. Nel maggio 2015 il primo capitolo di una trilogia sia in formato e-book che cartaceo. Il suo sogno è quello di fondare un giorno una scuola per giovani creativi che hanno avuto poca fortuna dalla vita. Come fotografo ha partecipato a due edizioni del Photofestival di Milano, sotto la guida critica di Roberto Mutti, e a due edizioni del MIA Photo Fair, la principale kermesse fotografica in Italia. Da lì ha esposto a Paratissima Milano e poi in Francia, nell'ambito del Paris Photo Off e soprattutto al Voies Off Festival di Arles. La sua esposizione più importante è certamente nel 2017 al Museo Nazionale del Cinema e della Fotografia (la Mole Antonelliana) di Torino, in occasione di una mostra dedicata al Pittorialismo italiano in fotografia. Da un punto di vista lavorativo, la produzione di fotografie fine art - ovvero destinate alla vendita in edizione limitata - è per il momento svolta in modo diretto, senza collaboratori, in quanto dall'ideazione del progetto alla post produzione, la tipologia di opere e la tecnica sono intrinsecamente legate al gusto estetico dell'autore. D'altra parte, con il crescere degli impegni professionali e la conseguente riduzione del tempo disponibile, sarebbe auspicabile la collaborazione con photo editor con una comune sensibilità artistica. Il lavoro sulle sue foto richiede molte ore, fatte di prove, revisioni, correzioni e ripensamenti - non nascondendo di essere eternamente insoddisfatto in una costante ricerca del particolare unico. Per quanto riguarda invece la produzione di foto destinate a corredo della comunicazione aziendale (per siti, social media o corporate storytelling) naturalmente si tratta di un lavoro di team in cui la coralità di esperienze e visioni è sempre un arricchimento. Come in tutti i lavori che afferiscono al digital, l'offerta e il know-how oggi sono ampiamente distribuiti con una conseguente contrazione dei prezzi e delle opportunità. Il focus si sposta sulla capacità del cliente di discernere la produzione di qualità e di affidarsi all'esperienza piuttosto che lasciarsi tentare da politiche di prezzo aggressive. Ma questo avviene per tutte le professioni, del resto. Pensiamo ai mesi scorsi a quante occasioni formative sono sorte online durante il lockdown. Se il mantra diventa sempre quello di "catturare il cliente", al di là della retorica, non può esserci reale, verticale, personalizzazione. Cresciuto in una casa piena di libri di mitologia e arte, pensa che il dialogo tra antico e contemporaneo è inscritto nella sua biografia: è passato dagli studi classici alla comunicazione web, senza mai togliere la macchina fotografia dal collo. Convinto che la conoscenza di linguaggi sia condizione necessaria per la creatività: esiste più di un filo che unisce la lingua di Omero alla narrazione fotografica fino ai codici di programmazione di un'applicazione. La passione per la fotografia corre di pari passo a quella del leggere e dello scrivere brevi storie fin dall'infanzia. Raccontare, descrivere, rappresentare. All'inizio la polaroid, poi l'analogico, oggi è tutto digitale. È un appassionato di tecnologie, perché - figli di artigiani - sa che la qualità del lavoro non può prescindere dalla profonda conoscenza degli strumenti del mestiere. Vanno distinte inoltre tre attività: 1. Lavoro su commissione per destinazione professionale; 2. Fotografia fine art destinata all'esposizione e alla vendita; 3. Formazione e divulgazione. Rispetto al primo punto le attività preferite sono legate alla produzione di materiale destinato a una narrazione coerente che descriva un'azienda, un luogo, un'attività professionale (non facendo né shooting di moda né matrimoni). Per le restanti attività, è noto che il mercato oggi è sempre più competitivo e che si ha difficoltà ad emergere. Se la formazione resta una passione trasversale a diverse discipline (nasce dal piacere di trasferire e condividere conoscenze), il mercato delle opere a edizione limitata forse necessitava già di un riposizionamento, già prima della crisi portata dal Covid alla limitazione delle manifestazioni pubbliche. In quanto si pone tra due estremi rappresentati dal circuito chiuso delle gallerie, e quello online di massa traboccante di contest e piattaforme senza vocazione artistica o senza offrire davvero il lancio di autori emergenti.

Quanti giorni può durare un corso di fotografia analogica?

Se si parte da "zero", è bene comprendere le tempistiche per un buon corso di fotografia analogica. Che si tratti di una fotocamera analogica a 35mm o uno smartphone, occorre avere due basi solide. Il primo requisito è la conoscenza del mezzo che hai in mano: su questo oggi non si può transigere, in quanto basta leggersi bene il manuale di istruzioni.Poi il secondo requisito che fa accrescere la consapevolezza è un corso base di fotografia con i fondamentali. Anche nel caso in cui si utilizzi uno smartphone, i principi di composizione non cambiano. E Carlo consiglia sempre, anche se in digitale molti cercano l'automatismo, è opportuno sapere quali sono le regole tecniche che valevano per un Robert Capa 80 anni fa. L'importante è la consapevolezza, sia quando si infrangono le regole, sia quando si sceglie per comodità l'automatismo. Altrimenti non stiamo parlando di fotografia autoriale. Tornando al punto di partenza, un corso base di fotografia serio per principianti secondo Carlo non crede possa essere inferiore a 35-40 ore, ovviamente escludendo la post produzione.

Dopo un corso di fotografia professionale, si potrebbe già iniziare a lavorare?

Dopo un corso di fotografia base occorre fare tanta pratica per mettersi alla prova rispetto a compiti via via sempre più difficili. Si consiglia di scegliere un corso specialistico rispetto al "genere" fotografico o agli ambiti che si intendono coltivare in modo professionale.Quindi se la strada è quella del ritratto, oltre ad un corso sulla ritrattistica è indispensabile un approfondimento serio sull'uso delle luci in studio e in esterna, per scattare in luce controllata e non. Anche per chi vuole fare paesaggi in modo amatoriale, per dire, occorre conoscere e sperimentare sul campo l'utilizzo dei filtri. Magari li utilizzerà raramente, ma deve sapere come e quando usarli, perché potrebbe proporsi un'esperienza in cui si rendano necessari.

Un corso di fotografia online con attestato basta per lavorare con i clienti?

Oggi più di prima serve un portfolio. E deve trattarsi di un portfolio pensato e costruito bene, in cui si caratterizzi progettualità e linguaggio. Al di ciò, sarebbe superfluo mostrare un attestato di un corso di fotografia svolto online o offline, in questo campo conta quel che si sa fare.

A chi è indicato un corso di fotografia mirrorless?

Carlo scatta con mirrorless da quando sono uscite sul mercato: nel 2012 scrisse un articolo che diede anche molto fastidio ai cultori della reflex, perché diceva che la strada era tracciata. È servito qualche anno in più ma oggi è lo standard tranne che per alcuni casi specialistici.Per chi viene dal mondo reflex bastano poche ore, alcune delle quali dedicate a una panoramica tecnologica delle soluzioni odierne. Per chi comincia invece, fondamentali anzitutto. Perché oggi chi inizia ha la fortuna di avere un'offerta tecnologica di primissima qualità a costi molto più contenuti rispetto anche solo a 10 anni fa. Questo consente di investire più tempo e risorse nella conoscenza, nei viaggi, e nella ricerca di un proprio linguaggio fotografico.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy Accetto