Patrizia Zanatta professionista ProntoPro

Alchimia Magistrale

1 2 3 4 5
3 Recensioni

Informazioni

Metodo 3 Emme: quali risultati aspettarsi? I nostri esperti rispondono luglio 28, 2014 La premessa-promessa mantenuta dal metodo 3EMME è il Mantenimento della Massa Magra. Ciò significa perdere ... Leggi tutto il grasso in eccesso, consolidare e tonificare la massa muscolare. Vediamo insieme come avviene questo importante processo. Ritroviamo il peso forma e manteniamoci in salute Il metodo 3 Emme nasce dall’idea di sbloccare a livello metabolico l’organismo, riproponendo nuove abitudini salutari con l’obiettivo di Mantenere la Massa Magra. Graziealla consulenza di esperti nutrizionisti e a strumenti guida studiati, si cerca di accompagnare le persone verso il raggiungimento di un nuovo stile di vita. Questo diventa possibile attraverso l’applicazione di un piano alimentare associato all’utilizzo quotidiano di integratori nutrizionali specificatamente formulati per garantire una reale diminuzione dei chili in eccesso e un perfetto stato di salute, lontano dai rischi che le varie diete “fai da te” possono causare. Gli integratori svolgono diverse funzioni, da quella drenante a base di vari composti naturali come l’uva bianca, tarassaco, pompelmo, ciliegia, sambuco, betulla, equiseto, carciofo e tantissime altre piante che aiutano a favorire la diuresi. Per questo motivo  con il metodo della 3M riuscirete a produrre una riduzione dei liquidi in eccesso e dei gas intestinali mantenendo il peso perfetto. Inoltre questo percorso nutrizionale prevede anche l’utilizzo di integratori anti età a base di mirtillo, carotene, licopene, luteina e zeaxantina. Come si sviluppa il metodo 3 Emme? Il Metodo 3 Emme è un percorso di sole sei settimane che vi permetterà di controllare il peso forma e migliorare il benessere del vostro stile di vita. Vediamo insieme quali sono le fasi in cui si articola il metodo 3M. Prima fase-reset (1 settimana): consiste in un vero e proprio reset per liberare l’organismo da uno stato di “intossicazione”. La disintossicazione consiste in una dieta con frutta, verdura e liquidi. È possibile in quanto le esigenze dell’organismo sono supportate con integratori che garantiscono il giusto apporto di sostanze e principi nutritivi. I carboidrati, indispensabili anch’essi, sono apportati dalla frutta, come zuccheri semplici.Seconda fase-restart (2 settimane):  nella seconda fase si inizia un vero e proprio “svezzamento”. La durata è di quattordici giorni in cui vengono reinserite le Proteine animali: carni bianche e pesci magri e di piccola stazza, e vegetali: legumi con cereali privi di glutine.Terza fase-remix (3 settimane): si prosegue con lo svezzamento e si insegnano le giuste combinazioni reintroducendo i carboidrati con glutine di farina integrale, alternandoli con quelli privi. A questi alimenti, definiti funzionali, aggiungeremo uova e prosciutto che andranno assunti singolarmente.Quarta fase-regular (dalla 7° settimana): la quarta fase sarà stilata in base alle necessità del singolo individuo, il quale sarà indirizzato a proseguire tutte le indicazioni ricevute per le prime tre fasi. In questo modo si assicura un apporto costante di tutte le sostanze indispensabili attraverso alimenti tradizionali ed integratori e quindi, dopo lo sblocco, si andrà a seguire un percorso basato sulle conoscenze acquisite nelle prime tre fasi. Ulteriori consigli per uno stile di vita sano Oltre al piano alimentare proposto nelle 4 fasi, esistono una serie di accorgimenti utili da seguire. Bere almeno 1,5 litri d’acqua al giorno, evitando il consumo di alcolici, bevande zuccherate e gassate.Masticare bene e lentamente durante i pasti.Evitare sempre latticini freschi, insaccati e carni rosse.Assumere frutta e verdura almeno 5 volte al giorno.Consumare solo uova a codice 0 (zero).Mangiare pesci magri, evitando crostacei e pesci grassi e di grandi dimensioni.Consumare frutta secca di vario tipo (come noci, nocciole e pistacchi).Non utilizzare dolcificanti chimici né zucchero bianco, ma preferire fruttosio o miele in piccole dosi.Usare sale marino integrale o dell’Himalaya.Preferire l’impiego di aceto di mele.Pensare positivo.Fare almeno un’ora di attività fisica la giorno (anche dolce e moderata). il Metodo 3Emme non è una semplice dieta, ma un vero e proprio stile di vita che mira a insegnare un corretto bilanciamento tra le sostanze nutritive immesse nell’organismo, l’attività fisica e l’approccio mentale positivo. Verra effettuata un analisi con l'impedenziometro per misurare il BMi e la massa grassa ed un analisi iridologica per evidenziare eventuali intolleranze. Lo studio si trova a Spresiano all'interno dell'Erboristeria Alchimia Magistrale SCOPRILO!

Verificato
Verificato
5 Anni di attività

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
3 Recensioni
Nancy G.
1 2 3 4 5
9 mesi fa
Professionale e soddisfacente
Sabrina F.
1 2 3 4 5
9 mesi fa
Terenzio T.
1 2 3 4 5
9 mesi fa
Ottimo prodotto associato all'elevata professionalità dell'esercente. Lo consiglio

Posizione

Pin
Via Giovanni Battista Tiepolo 31027 Spresiano

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    La dieta dell’occhio Un iridologo per dimagrire Perdere peso in maniera naturale I consigli su cosa mangiare. Andare a farsi analizzare le macchie oculari e ritrovarsi dopo 3 mesi più magri di 5 chili vi sembra impossibile? Forse lo è solo se non ci si è mai interessati al lavoro di un iridologo e a tutto quello che può controllare attraverso un “occhio-lettura”. Uno dei vantaggi più importanti quando ci sottoponiamo ad una visita dell’irideè legata agli straordinari consigli che possiamo ricevere sull’alimentazione. Proprio come avviene nel rapporto naturopatia dieta, così anche l’iridologia può rivelarsi uno strumento eccellente per avere una dieta personalizzata. Iridologo, dieta e consigli alimentari Quando si parla di dieta dell’occhio quindi, non bisogna pensare ad un sistema un po’ sadico con cui si permette al paziente di “mangiare solo con gli occhi” dei cibi, mostrandogli delle foto ed impedendogli di ingerirli fisicamente… Alludiamo invece alla possibilità di utilizzare l’iridologia per perdere peso, in virtù del fatto che una corretta mappatura oculare può anticipare la presenza di un’intossicazione in arrivo o segnalare un livello di intolleranza certo determinati cibi o componenti nutritivi. Iridologia per dimagrire Il lavoro di un iridologo diventa molto più simile a quello di un nutrizionista che a quello di un oculista, come molte persone ancora pensano. Dimenticatevi l’idea di avere a che fare con tabelle e lettere dell’alfabelo. Mettete da parte Snellen se volete diventare più snelle! Attraverso questa specie di lente di ingrandimento, capace di ingigantire l’immagine di pupille, iride e sclera di oltre 50 volte, si potrà visionare lo stato di salute generale di un individuo. Questo significa che il controllo dell’iride, realizzato osservandone forma, densità e trama potrà aiutare ad interpretare dei “sintomi invisibili” sull’alimentazione scorretta che seguiamo, spesso senza esserne consapevoli. L’iridoscopio è uno strumento che va breccia nei nostri occchi, ma che può leggere l’intera anima di un persona. Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, posso essere pure un libro aperto sul nostro sistema immunitario. Gli elementi che ci permettano di vedere il Mondo cambiano colore a seconda del cibo che mangiamo. Non parliamo di fenomeni rapidi, ma si tratta ugualmente di trasformazioni nell’iride evidenti che possono descrivere putrefazioni in corso nell’organismo o in via di sviluppo. I cambiamenti nella forma del collaretto irideo, a seconda del posizionamento sulla mappa iridologia ideata da Jensen, possono spiegare la presenza di un herpes o rappresentare la prova di intossicazioni da carboidrati, ad esempio. Seguire i consigli di dieta di un iridologo può dare risultati certamente più efficaci, in termini di perdita di peso, rispetto quelli associati ad un regime alimentare solo vegetariano o “a zona”. La pagliuzza nell’occhio altrui Comprendere l’iridologo cosa fa significa riuscire a capire quanto possa essere d’aiuto per dimagrire. Sono tantissime le persone che non danno la giusta importanza a cosa mangiare e a quali cibi facciano male. Un controllo iridologico può dire molto più di quanto riusciamo ad ammettere a noi stessi. E’ come se alcuni segreti alimentari restassero celati al nostro cervello e diventassero una questione privata tra cute e salute degli organi interni. Accade così che ci ammaliamo senza sapere la causa. Notiamo degli sfoghi cutanei, senza metterli quasi mai in relazione con la qualità delle pietanze da noi assunte. Puntare quella lucetta nell’iride e fotografare l’occhio equivale a fare una radiografia alimentare assai completa. Quello che un cambiamento delle iridi, potrà essere causato da qualcosa che reputiamo “sano”, ma che magari, nel nostro organismo, si rivela assolutamente dannoso. Nel campo nutrizionale non esistono assiomi assoluti. Cibi che fanno bene in alcuni individui, sono negativi per la dieta di altri. La disciplina dell’iridologia è ricca di esempi e testimonianze di pazienti che hanno perso “pancetta” e ritrovato un’energia inaspettata, solo dopo aver allontanato dalla tavola della cucina dei cibi a loro ostili. Quelli che sono i consigli sulla dieta da seguire, espressi da parte di un’iridologa competente, si rivelano specifici per il soggetto su cui si è effettuato il test dell’iride e non possono essere generalizzati ad altri pazienti. Succede così che due fratelli possono sottoporsi alla stessa mappatura completa dell’iride e ricevere consigli alimentari decisamente differenti. L’individuo A dovrà ad esempio rinunciare ai latticini, ma potrà mangiare la pasta, il secondo fratello invece potrà assumere regolarmente formaggi e derivati del latte, ma non potrà permettersi di nutrirsi con piatti a base di carboidrati e farine di grano. Si potrà scoprire come una disbiosi dell’intestino, scaturita dalla continuità con cui introduciamo “cibi tossici” nel nostro organismo, potrà indebolire le difese immunitarie e colpire la flora intestinale a tal punto da esporci a rischi di malattie metaboliche o persino autoimmuni. Non meravigliamoci mai di come l’irideologia possa consigliare la migliore dieta per sentirsi in forma. Fidarsi della dieta di un iridologo Anche se vengono spesso dipinti come tipi bizzarri e un po’ fuori dalle righe, naturopati e iridologi meritano lo stesso rispetto professionale che spetta a dietologi e dottori. Si tratta di gente con lauree spesso in farmacia e medicina, che si sono avvicinate al mondo della scienza olistica per completare la propria formazione ed avere uno sguardo più completo sul Mondo. Un professionista che sa leggere negli occhi di una persona, di sicuro sa leggere anche nel suo cuore. Vi sorprenderete di conoscere quante informazioni, spesso anche molto personali o intime, può dedurre un iridologo..guardandovi negli occhi. Proprio come il poeti sono soliti comporre frasi sugli occhi verdi o sugli occhi azzurri, anche gli iridologi possono “leggere” quello che sta scritto sull’iride destra, a cui corrisponde la salute del fegato o sulla zona iridea sinistra, che può dare tantissime informazioni sullo stato cardiaco. Sottoporsi a un test dell’iride significa ricevere suggerimenti per dimagrire velocemente, semplicemente eliminando dal nostro regime proteico i cibi che più ci fanno male. La sensazione provata da un uomo o donna nel seguire iridologia e diete è legata al un alleggerimento globale del corpo umano, tanto a livello fisico, quanto sul piano mentale. I pazienti che hanno seguito l’alimentazione corretta emersa dai riscontri iridologici testimoniano una percezione di liberazione, che consente di svegliarsi più vitali e affrontare la giornata con forza e vigore. Mangiare quello che fa meglio al nostro organismo garantisce di vivere il dopo cena nella migliore condizione per il nostro intestino che, alleggerito di un lavoro extra, precedentemente legato alla sintesi di cibi tossici, godrà di una salute maggiore. Una dieta gratis, come quella che puoi ottenere tramite una seduta d’iredeologia ti aiuterà certamente a dormire in maniera più appagante e a fare sogni intestinali più tranquilli. Tutto quello che servirà è quindi “ascoltare” l’iride dell’occhio e guardare quanti benefici possono generare da un’astinenza da cibi cattivi. Non occorre mangiare delle barrette dimagranti per ritrovare il peso forma, ma semplicemente rinunciare a condannare l’apparato digestivo ai “lavori forzati a vita”, connessi con il mangiare pasti che continuano ad intorricare le nostre cellule. Gli effetti positivi di una dieta iridologica possono essere persino superiori a quelli delle diete tanto amate da chi pratica palestra o bodybuilding. Non si tratta solo di coincidenze, di conseguenze legate all’effetto placebo o di una persona che “ha azzeccato parecchie cose”, con poteri quasi magici. Fidarsi di un’iridologa significa riuscire riflettere meglio sull’intero apparato digestivo e sulle ripercussioni che hanno i cibi anche sulla sfera emotiva, come ci insegna il dottor Loreto Bizzarri. Un rimedio naturale La salute che deriva da un check up iridologico permette di guarire anche da acciacchi come tosse o altre disbiosi legate alla presenza di batteri nocivi nell’intestino, a volte favorita, oltre che da cibi nocivi, anche da antinfiammatori e altre medicine usate in maniera continuativa, tensioni emotive o situazioni stressanti, inquinamento dell’ambiente che ci circonda e conseguenza introduzione di eccessive quantità di CO2 negli alveoli polmonari. Seguire periodicamente dei controlli alle iridi può mantenere più desto una persona, affinchè capisca sulla sua stessa pelle come sta intossicando l’organismo. La lettura analitica delle mappe iridologiche può creare consapevolezza nel soggetto e quindi renderlo più attento a cosa ingerire durante pranzo e cena. Come si accennava prima, la tipica situazione che precede un’esplosione dell’intolleranza alimentare  è legata ad un abuso di qualche componente durante i pasti. Può capitare quindi che i nostri ritmi lavorativi ci impongano spesso dei pranzi fugaci, spesso caratterizzati da poca varietà e qualità nutrizionale. Anche se noi sembriamo non farci caso, il nostro organismo se accorge benissimo ed in un arco di tempo variabile ci comunica questo suo dissenso attraverso eruzioni sulla cute, herpes, febbre o malattie vere e proprie. Non c’è un unico cibo che può far male, ma una tendenza generare a perseverare nell’errore. L’osservazione delle caratteristiche dell’iride può dimostrare ad esempio la scarsa idratazione di un corpo e l’incapacità dei reni di allontanare dal corpo le tossine alimentari, attraverso l’urina. Bere molta acqua è fondamentale per mantenere un’iride sana, conseguenza di uno stato di salute invidiabile. Quando si raccomanda nelle diete di mangiare molta frutta e verdure è implicitamente consigliato di bere tanta acqua, di cui questi cibi sono ricchi. Consigli per colazione, pranzo, cena Fitotocosmesi Problemi della pelle Alimentazione Intolleranze alimentari Fitoterapia Oligoterapia

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    Il metodo 3emme è un percorso che aiuta a migliorare il nostro stile di vita. Con il metodo 3emme riusciremo a realizzare un vero e proprio scarico di tutte le tossine accumulate dal nostro organismo. Il metodo 3emme riesce a determinare una profonda dbisintossicazione, sbloccando l'organismo e ripristinando tutti i meccanismi energetici. Il metodo 3emme porterà una diminuzione del peso corporeo nelle persone sovrappeso, ed il raggiungimento di un equilibrio psico fisico anche nelle persone normopeso.