Alessandro Viti professionista ProntoPro

Alessandro Viti

1 2 3 4 5
5 Recensioni

Informazioni

Docente di canto moderno - Vocal coach- Cantautore - Paroliere - Interprete DISCOGRAFIA 2016 "Chiedi scusa al tempo" (Singolo) edito da Valle Giovanni 2014 "Talea" edito da Valle ... Leggi tutto Giovanni 2012 "Madia" 2008 "La voce della gente" La Banca del Rispetto per gruppo Teorema DIDATTICA Dal 2010 Coordinatore e docente del Seminario di propriocezione ed identità vocale CONOSCERE E SAPER ASCOLTARE LA PROPRIA VOCE Dal 2012 Coordinatore e docente del seminario di scrittura del testo SEMPLICI PAROLE 2011/2017 Docente di Canto Moderno presso Musicando scuola di musica di Daniela Mizzoni (FR) 2015/2016 Docente di Canto Moderno presso Non solo Danza di Anagni (FR) 2012/2015 Docente di canto moderno e teoria della musica presso Accademia diatonica italiana di Anagni (FR) 2013/2015 Docente di Canto Moderno presso Talenti Emergenti (FR) 2012 Docente di scrittura del testo e interpretazione nel seminario Cantando in Sicilia presso Terrasini città del mare . Nello Staff Fulvio Tomaino, Piero e Massimo Calabrese 2008/2010 Coordinatore del laboratorio di musica d’insieme presso A.P.M music center di Anagni FORMAZIONE 2017 Studio della catena dei diaframmi in approccio Shiatsu presso “Centro il fiume” di Roma con Tiziano Lamantea 2014/2015 Corso di alta formazione di Vocal Rock e didattica vocale presso “Centro l’ottava” di Roma sotto la guida di Simone.Moscato 2011 Primo e secondo livello metodo Voicecraft con Elisa Turlà 2011 Fara Music summer school sezione Vocinsieme, corpo docenti: Andrea Rodini, Raffaella Misiti, Gabriella Aiello, Claudio Fabro, Livia Corelli, Susanna Stivali 2010/2011 Canto Jazz presso “Voice academy” di Latina con il M° G. Silvia 2010 Metodo Stanislavskij nella compagnia teatrale “Diluvtheatre” sotto la guida del regista Gjerji Lala 2009/2010 Tecnica vocale Liv. Base, primo e avanzato con Cinzia Spata 2009/2010 Canto pop/blues e soul presso Saint louis college of music di Roma con Marco D’Angelo e Vanessa Lausdei 2008/2009 Consegue la laurea in “Storia scienze e tecniche della musica e dello spettacolo” presso l'università Torvergata di Roma con tesi sul talento musicale. Votazione 108/110 2008/2009 Tecnica e repertorio con la vocal coach Lorena Giorgetti 2008 Lirica con il soprano Laura Celletti 2007/2008 Tecnica vocale con Eleonora Caliciotti 2007/2008 Attestato A.I.F.M (accademia internazionale formazione musicale) di terzo livello, in canto moderno 2006/2008 Stage di prevenzione e impostazione vocale linguaggio e comunicazione nel canto con il Dott. Francesco Tatangelo 2006 Tecnica vocale con Tiziana Aurelia Cosso 2001/2006 Tastiera, pianoforte e teoria della musica presso A.P.M. music School di Anagni PREMI 2016- Special selection M.E.I. playlist N.53 con il singolo "Chiedi scusa al tempo" 2014- Vincitore del contest romano "Autori da scoprire" con il singolo "Da che parte sei" 2013-Targa all'impegno artistico e culturale in qualità di cantautore, assegnata dalla città di Ferentino, in occasione della manifestazione Ferentino è. 2012- Riconoscimento nel festival "Un bosko per kyoto" presso il campidoglio in Roma, per il "contributo artistico prestato in favore della salvaguardia dell'ambiente" 2011-Finalista nel "Primo premio Veroli" con il singolo "Immagini". Presidente di giuria Mogol 2009- Secondo classificato al concorso Voci per Assisi. Nel 2007- Vince "Il premio internazionale città di Capistrello" con votazione 100/100 e premio della critica con il brano inedito "Suona per me". 2007- Primo al 6° concorso internazionale di canto moderno città di Atri. 2006- Vince Il 5° concorso di canto moderno città di Atri DICONO DI ME -MUSIC ON TNT- "Stilisticamente, a mio avviso, almeno tre elementi saltano subito all'orecchio: le melodie, che pur suonando spesso radiofoniche non risultano mai scontate - la predisposizione ad una versatilità stilistica che, pur senza esagerazioni, piacevolmente spiazza, e - infine - l’accuratezza dei testi, che spingono l’ascoltatore ad un approfondimento, senza limitarsi a “restare in superficie” -INDIE PER CUI- Il cantautore Alessandro Viti ci regala una prova sincera e onesta, ricca di sfumature che toccano il cantautorato d’altri tempi per portarci con la mente a ricreare nel nostro interno sensazioni lontane legate dal filo del ricordo e dallo scorrere della vita, tra la terra, l’acqua e il fango, il seme che nasce si sviluppa e muore in un circolo che non ha fine, ma che si trasforma in modo elegante e coinvolgente. -CHITARRA ACUSTICA N°9- Parole intelligenti condite da ottime note in un rock/folk sano, di quello che non ha età -TOUR MUSIC FEST 2012- Bello il timbro vocale e valide capacità creative sia in termini di testo che di composizione melodica PRODUZIONE ARTISTICA.IT "Chiedi scusa al al tempo" è una bella canzone che lascia un senso di malinconia sognante e Il video è davvero originale -ROMA SUONA- Ci piace il modo scanzonato e un pò disperato, con cui Alessandro si confronta con il lavoro – non lavoro -Di ROMA- Un cd molto curato, interessante e intenso. Considerando che è totalmente indipendente -QUI SETTE MAGAZINE- Ha stoffa da vendere, emoziona con i suoi testi e la sua voce.. Contattami per lezioni private di canto moderno (pop/rock/soul) o per un incontro di consulenza artistica: valuteremo insieme le tue potenzialità e tracceremo un percorso formativo ed artistico attinente alle tue possibilità e aspirazioni

Verificato
Verificato
10 Anni di attività

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
5 Recensioni
Luisa S.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Un ottimo professionista. Consigliato vivamente.
Giada C.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Simpatia, professionalità e tanta attenzione verso il mio obiettivo che il più delle volte abbiamo identificato insieme. Ogni lezione non è solo una "lezione di canto" ma un vero e ... Leggi tutto proprio conoscersi.È un ottimo insegnante e, sapendo muoversi bene in termini di marketing, offre ottimi consigli per ottenere feedback anche in ambito pubblicitario. Consigliato
Maura P.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Prendo lezioni da soli tre mesi con Alessandro ma posso dire che dopo anni di vari cambi insegnante, ho scoperto in così poco tempo cose a me totalmente ignote, trovando una facilità ... Leggi tutto di emissione del suono del tutto naturale. Ho intuito di sbagliare di mettere il doppio delle forze fisiche quando invece basta eseguire molto ma molto meno di quanto appreso negli anni. Sto iniziando a sentire sfumature nel timbro che io stessa non sapevo di poter avere. Una persona meravigliosa, professionale capace di trovare il meglio anche quando si pensa non possa esserci. Continuerò il percorso perché senza dubbio mi sta portando a una maggiore consapevolezza di me in senso artistico.
Agnese O.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Studio canto con Alessandro Viti da due anni.È un docente eccellente e mi ha insegnato davvero tanto. Lui la musica ce l'ha nel cuore e riesce a trasmettere la sua passione a chi gli ... Leggi tutto sta di fronte e questo è importante per un allievo.Le sue lezioni hanno una marcia in più e soprattutto la sua PAZIENZA nei nostri confronti non ha eguali!!!
Francesca R.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Studio con Alessandro Viti da circa un anno. Professionalità, versatilità e passione per il suo lavoro sono le caratteristiche che lo contraddistinguono. Studiare con lui durante questo ... Leggi tutto arco di tempo mi ha permesso di scoprire sfumature della mia voce che prima non sapevo di avere. Mi ha insegnato come utilizzare la tecnica nel canto e soprattutto ho imparato cosa significa analizzare un testo e di conseguenza come interpretare al meglio un brano. È davvero ciò che si dice un "ottimo insegnate".

Foto

Posizione

Pin
Via Madonna di Tufano Porciano, Tufano, FR, Italia

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Ho approfondito negli anni il concetto di identità vocale con la relativa importanza di non snaturare l'allievo ma aiutarlo attraverso la tecnica vocale, l'analisi timbrica, l'ascolto musicale, la propriocezione e soprattutto attraverso la definizione di un obiettivo a permettergli di riconoscersi e scoprirsi in una nuova voce che segua possibilmente il principio della massima resa con il minimo sforzo.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Il poter lavorare con la sensibilità e l'urgenza comunicativa delle persone

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    ORA CHE SONO "GRANDE" CHE SENSO HA APPROCCIARMI ALLO STUDIO DEL CANTO ? Un approccio allo studio del canto e alla voce è un iniziare ad abitare se stessi e contemporaneamente esserne abitati: ascoltando, percependo tanto energie provenire dalla sfera fisica, muscolare, sanguigna, tanto da quella psichica, emotiva, uditiva, sonora. Approcciarsi al canto, in qualsiasi età avvenga, è apprendere innanzitutto un linguaggio musicale (se pur in maniera meno libera e più condizionata rispetto ad un'età infantile) con tutte le sue mille sfumature e architetture ma è ancor di più portare alla luce: sensazioni, bisogni, esigenze di espressione senza le quali tutto diverrebbe un mero esercizio atletico. Il richiamo del canto insito dentro ognuno di noi in millenni di evoluzione laringea ed umana non deve essere sopito dal "non sarò mai un cantante" pertanto fissando un obiettivo spesso stereotipato autolimitante ma deve essere accolto dal "cosa posso scoprire della mia voce che ancora non conosco?" partendo dunque da un'idea di presente (in una fase iniziale) e non di una visione futura. Si parte per studiare canto e ci si ritrova a mettere a posto giorno dopo giorno piccoli tasselli che possano essere di natura posturale, respiratoria, portando alla luce in alcuni casi tensioni emotive o per chi vuole crederci anche energetiche o semplicemente iniziando ad imporre una propria identità vocale e da essa prendere ed apprendere nuove sfumature caratteriali che non pensavamo possibili. Non dimentichiamo poi la bellezza di ascoltare e conoscere brani e stili che prima non conoscevamo o non comprendevamo a pieno, così come la gratificazione nel sentire germogliare grazie alla tecnica la propria voce, imparando pian piano a non criticarla ma comprenderla. Mi si potrà dire analizzando la risposta "Tu vedi allora il canto come fosse una terapia, il canto è una cosa seria, la musicoterapia è sempre nobile ma è altra cosa"; rispondo dicendo che il cantante è colui che ha raccolto o dovrebbe aver raccolto anni di sacrifici, studio, percezione, messa in discussione, gavetta, mettendoli a servizio di un lavoro e del proprio talento, aiutandolo a svilupparsi; l'approcciarsi al canto invece è conoscere il proprio terreno, la propria tempra, il proprio clima e stagione e da li capire con il giusto tempo cosa ne potrebbe nascere, quali frutti migliori può accogliere la sua terra con la giusta cura, senza pretendere che nascano ananas dove nascerebbero soltanto fragole. Buona lezione a tutti e buona scoperta a qualsiasi età essa avvenga ! -Alessandro Viti-