Andrea Ageno professionista ProntoPro

Andrea Ageno - Il Tuo Personal Trainer Informatico!

1 2 3 4 5
1 Recensione

Informazioni

Sono un trentenne tecnico informatico di Torino con decennale esperienza nella formazione informatica per aziende e privati in aula e a domicilio. Offro servizi di formazione a livelli ... Leggi tutto base e avanzata (anche per preparazione esami ECDL) e assistenza tecnica con fornitura di computer sostitutivo per il tempo necessario alla riparazione in caso di "problemi difficili". Ciao !! Vedi il computer come un soprammobile (un po' costoso a dire il vero!) oppure come un nemico? Non riesci a districarTi tra tutte le sigle doc, pidieffe, geipeg, gigabait o come diamine si scrive? Niente paura!! Io Ti posso aiutare!! In men che non si dica con pochissime lezioni Ti mostrerò quanto il pc oggi sia utile, facile da usare e sia sempre più un amico di cui fidarsi per semplificarci la vita!! Provare per credere!!

10 Anni di attività

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
1 Recensione
Silvio R.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Corso di introduzione all'uso del pc base, grazie alla sua pazienza ho imparato a usare il pc. Andrea è molto preparato e gentile, non si fa problemi a ripetere le cose non capite. ... Leggi tutto Consigliatissimo

Foto

Posizione

Pin
Via Saverio Mercadante, 33, Torino, TO, Italia

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Voglio aiutare le persone, con onestà, disponibilità, semplicità e chiarezza, valori che ritengo fondamentali e alla base da sempre del mio essere e del mio operato, a padroneggiare e utilizzare al meglio le tecnologie moderne, attuali e future, per rendere più semplice e soddisfacente il lavoro, lo svago o le diverse esigenze della vita quotidiana.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    La mia attività è molto varia e diversificata. Si rivolge a tutti i possessori e utilizzatori di apparecchiature informatiche fisse o portatili, Apple oppure Windows. Disponibilità e velocità contraddistinguono i miei interventi, con un occhio particolare alla cura dei lavori realizzati: “tratto” il computer che di volta in volta mi viene affidato per la riparazione del caso come se fosse il mio, come il più prezioso dei tesori, questo perchè per il cliente può contenere materiale, documenti, o cose ancora più preziose, come i ricordi di momenti felici passati.

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    Mi chiedono o per meglio dire tutti pensano di essere "i più imbranati" tra tutti i miei clienti ma non è vero. L'essere "imbranato/a" con il computer dalla mia esperienza, non è per mancanza di capacità della persona ma è data dalla paura di fare danni, di guastare o rovinare il computer e il mio compito è proprio quello di abbattere questa barriera di timore e svegliare quella curiosità tipica dei ragazzini nei confronti delle nuove tecnologie con persone che ragazzini non sono più ma che si vogliono mantenere allenati e aggiornati con i nuovi strumenti informatici.

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    Restare costantemente aggiornati in campo informatico è fondamentale per riuscire a padroneggiare al meglio le nuove tecnologie nonchè i dispositivi che possediamo. Esistono ormai programmi per ogni cosa, in qualsiasi ambito, ed è importante essere curiosi, aver voglia di documentarsi e di provare sempre nuovi programmi, per espandere i propri interessi oppure anche solo per cultura personale (non si sa mai che una cosa vista un giorno “per caso” prima o poi non torni utile come bagaglio di esperienza).

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Le esperienze che ricordo con maggiore piacere sono quelle svolte da insegnante all'Università della Terza Età sede di Torino, dove mediamente incontravo una decina / dozzina di persone timorose ma tutte incuriosite dalle nuove tecnologie e da quento se ne sente parlare in giro. Già dalla seconda lezione il timore è scomparso e alla fine del corso siamo addirittura riusciti a fare prove di prenotazione di vacanze online !! Quindi più che mai la parola d'ordine è "volere potere!"