Patrizia Niddomi professionista ProntoPro

Dr.ssa Patrizia Niddomi

Informazioni

Sono una psicologa psicoterapeuta ad indirizzo psicodinamico. Dopo tanti anni di contatto con il disagio e la sofferenza, attraverso approfondimenti dei miei studi e variegate esperienze ... Leggi tutto ho scelto di dedicarmi alla libera professione per mettere al servizio degli altri ciò che ho esperito. Assistere alla guarigione e rinascita di un Essere Umano è la soddisfazione più grande. Colloqui individuali di Sostegno psicoemotivo e Psicoterapia e Percorsi personalizzati a seconda delle esigenze. Riceve a Firenze persone, coppie, genitori, famiglie. Per informazioni dettagliate vai su www.psicologapsicoterapeutafirenze.it

13 Anni di attività
1 Dipendenti

Recensioni

Nessuna recensione

Foto

Posizione

Pin
Viale Giovanni Lami, Firenze, FI, Italia

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    In presenza di sintomi, disagi o preoccupazioni offro Percorsi personalizzati di Sostegno e Psicoterapia psicodinamica finalizzati al raggiungimento di obiettivi in tempi, costi e modalità concordati dopo un colloquio gratuito e tre colloqui conoscitivi.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Guidare le persone nella strada che porta alla rinascita è un onore grande

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    Quanto tempo ci metterò per sentirmi meglio? Non si può prevedere con esattezza il tempo che impiegheremo ma lavoreremo su obiettivi a breve termine e, via via che li raggiungeremo, avremo l' opportunità di chiudere o di stabilire nuovi obiettivi. Mediamente per "sentirsi meglio", in assenza di sintomi persistenti, bastano poche sedute.

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    Noi Esseri Umani siamo in continuo cambiamento, basta guardare il nostro corpo. Anche il nostro mondo psico-emotivo si modifica con l'esposizione agli stimoli di vita. Molto spesso resistiamo a questi cambiamenti perchè ci fanno paura ma quando li percepiamo sono già in atto, pertanto la scelta non è tra cambiare e non cambiare ma tra lasciarci cambiare ovvero subire tali modificazioni o orientare il cambiamento nella direzione che più ci piace e ci fa stare meglio.