Massimiliano Altobelli professionista ProntoPro

Massimiliano Altobelli Investigatore Privato a Roma

1 2 3 4 5
6 Recensioni

Informazioni

- INVESTIGATORE PRIVATO - “Massimiliano Altobelli” autorizzato dalla Prefettura dal 1995, proveniente dall’Arma Carabinieri, associato “Federpol” da 22 anni, con oltre 20 anni ... Leggi tutto di esperienza nel settore specifico delle Investigazioni Private, svolge personalmente indagini per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sia in ambito civile che penale, fornendo al committente prove giudizialmente valide sia testimoniali che fotografiche e relazionali. Localizzazione Satellitare L’ Agenzia Investigativa “Massimiliano Altobelli Investigazioni” dispone delle più moderne tecnologie nel settore della localizzazione satellitare che consentono di svolgere investigazioni, su incarico di un avente diritto, usufruendo dei vantaggi che esse comportano. La localizzazione satellitare a mezzo di apparecchiature G.P.S., consente di poter “pedinare” un mezzo (autoveicolo/motoveicolo/ecc.) senza essere visibili e quindi intervenendo solo quando è necessario. Tale sistema operativo innovativo permette di raggiungere ottimi risultati, eliminando completamente la possibilità che la persona oggetto di investigazioni si renda conto di essere “controllata”. Questo sistema di investigazione, estremamente innovativo e tecnologico, è svolto dall’Agenzia Investigativa “Massimiliano Altobelli Investigazioni” rispettando le nuove disposizioni di Legge. Disponibile a fornire consulti e preventivi gratuiti con reperibilità 24/24 - 7/7. "..spesso avere la certezza e le prove di un proprio sospetto, fa la differenza fra ‘subire’ e ‘risolvere’.." Servizio 24/24: tel. 336.340.007 Sito Internet: www.maximedetective.com Massimiliano Altobelli, autorizzato dalla Prefettura dal 1995 e proveniente dall'Arma dei Carabinieri, svolge personalmente indagini sua in ambito civile che penale. Curriculum Professionale: Mi chiamo Massimiliano Altobelli ho 49 anni e svolgo la professione di Investigatore Privato da oltre venti anni. Dopo essermi congedato dall’Arma dei Carabinieri nel 1989, ed essere a tutt’oggi iscritto all’A.N.C. (Associazione Nazionale Carabinieri), ho iniziato la carriera investigativa in qualità di collaboratore, regolarmente segnalato alla Questura di Roma e iscritto alla Federpol, con più note Agenzie Investigative della capitale, dove ho acquisito l’esperienza necessaria per svolgere in proprio la professione. Successivamente: - Nel 1995 ho ottenuto dalla Prefettura di L’Aquila la Licenza per svolgere investigazioni per conto di privati (artt.134 e seg. del T.U.L.P.S.) ed ho aperto la sede dell’Agenzia Investigativa, che ho chiamato “Massimiliano Altobelli Investigazioni” a Carsoli (AQ) in Via Mazzini n.4. - Nel 2002, sono stato autorizzato dalla Prefettura di L’Aquila a svolgere investigazioni in ambito penale (artt.38 e 222 D.L.vo 271/89). - Nel 2004 ho ottenuto dalla Prefettura di Roma la licenza per svolgere investigazioni in ambito penale (artt.38 e 222 D.L.vo 271/89) ed ho aperto l’ufficio a Roma. - Nel 2008 ho attenuto l’estensione territoriale della Licenza Investigativa dalla Prefettura di L’Aquila e ho trasferito l’ufficio di Roma nell’attuale sede di Via della Farnesina n.15 (Ponte Milvio). - Nel 2011, in ottemperanza al D.M. 269 del 2010, ho ottenuto la Licenza per svolgere investigazioni per conto di privati (artt. 134 e seg. del T.U.L.P.S.) dalla Prefettura di Roma. Nel corso di questi ultimi venti anni ho svolto personalmente migliaia di investigazioni e indagini con ottimi risultati che mi hanno permesso di ottenere un’esperienza professionale indiscussa, un’ottima reputazione con i clienti e una notorietà nel settore. Tutt’ora seguo le indagini affidatemi personalmente, avvalendomi della collaborazione di qualificati ed esperti professionisti, sempre in contatto direttamente con il cliente, fornendo a quest’ultimo le prove relazionali e fotografiche di cui necessità. Nel corso della mia carriera professionale ho avuto modo di assistere all’evoluzione della tecnologia applicata alla mia professione. Si è passati dalle fotografie effettuate su rullino alla moderna fotografia in digitale, dai filmati effettuati su cassetta agli attuali supporti digitali, dai “pedinamenti” effettuati “a vista” alla moderna localizzazione satellitare. La mia passione per la tecnologia più avanzata e l’applicazione nell’ambito della mia professione, mi ha permesso di essere un “precursore” nell’uso delle apparecchiature di localizzazione satellitare (G.P.S.) sfruttando i benefici, in termini di risultati, che le stesse possono offrire. Attualmente dispongo delle più avanzate tecnologie investigative G.P.S. che mi permettono di effettuare l’attività di osservazione statica e dinamica (c.d. pedinamento) e quindi di “pedinare” un mezzo (autoveicolo/motoveicolo/ecc.) rimanendo a distanza, senza essere visibili, quindi intervenendo solo quando è necessario. Tale attività viene svolta, per un avente diritto, rispettando le disposizioni di Legge. ..spesso avere la certezza e le prove di un proprio sospetto, fa la differenza fra “subire” e “risolvere”.. Massimiliano Altobelli www.maximedetective.com -- www.maximedetective.net Tel. 336.340.007

25 Anni di attività
4 Dipendenti

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
6 Recensioni
Ylenia A.
1 2 3 4 5
1 anno fa
La professionalità fatta persona! Veri professionisti a cui affidarsi. Cordialità, serietà e professionalità, sono le parole chiavi di tale agenzia investigativa. Sicuramente consigliata! ... Leggi tutto Complimenti
Massimiliano Altobelli Investigatore Privato a Roma
Risposta del professionista
Grazie molte. Saluti. Massimiliano
Ylenia A.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Ottimo servizio veri professionisti lo consiglio
Gianni C.
1 2 3 4 5
Verificata
1 anno fa
 per 
Investigazione privata
Ho avuto personalmente modo di collaborare con diverse Agenzie Investigative di Roma. Ritengo Massimiliano Altobelli un serio professionista, all’avanguardia in fatto tecnologico con ... Leggi tutto strumenti e apparecchiature Investigative sempre al passo con i tempi che in merito alle tecniche e alle modalità di indagine. Insomma a mio parere il Migliore Investigatore Privato di Roma.
Massimiliano Altobelli Investigatore Privato a Roma
Risposta del professionista
Grazie molte della tua recensione e delle tue parole. A presto. Massimiliano
Leonardo R.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Persona affidabilissima è capace e vi assicuro che basta guardavi attorno per capire che la passione e la professionalità di Altobelli Non la troverete . Sempre un piacere rivolgermi ... Leggi tutto a lui .
Massimiliano Altobelli Investigatore Privato a Roma
Risposta del professionista
Grazie molto della bellissime parole. Ciao. Massimiliano
Monia A.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Ottima professionalità e risultati soddisfacenti veramente un ottimo servizio lo consiglio assolutamente
Massimiliano Altobelli Investigatore Privato a Roma
Risposta del professionista
Grazie della sua recensione. Spero mi faccia pubblicità. Saluti. Massimiliano
Marco A.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Siete veramente professionali... complimenti
Massimiliano Altobelli Investigatore Privato a Roma
Risposta del professionista
Grazie a Lei di avermi dato fiducia. Faccia pubblicità. La soddisfazione dei Clienti è il mio obbiettivo principale e la mia più grande soddisfazione. Massimiliano Altobelli

Foto

Posizione

Pin
Via della Farnesina, 15, Roma, RM, Italia

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Perché dovreste scegliere di conferire un incarico a me? Francamente sarebbe fin troppo semplice screditare molti “colleghi” che nei loro siti internet si vantano di essere “..leader del settore..”, “..gli unici che..”, “..esperienze pluriennali..”, “..direttori di grandi strutture..”, ma sarebbe come “sparare sulla Croce Rossa”, infatti, nella maggioranza dei casi, si tratta di persone che, in piena crisi lavorativa, fanno dei tentativi “disperati” per cercare di accaparrarsi nuovi clienti.. Sarebbe semplicissimo e divertente perdere tempo a commentare quanto ho letto nei vari siti presenti in rete.. Ad esempio quando personaggi con pubblicità antisonanti asseriscono di “essere all’avanguardia con le tecnologie” e poi sapere, per mia esperienza diretta, che non sanno neanche far funzionare il loro smartphone.. che mettono le loro foto sulle pubblicità pensando di essere “i nuovi James Bond”, invece sembrano più attori di “telenovelas di quart’ordine”.. Ma dato che l’argomento è serio, preferisco passare oltre e non ironizzare.. Perché cercano di accaparrarsi sempre nuovi clienti i “colleghi” sopra citati? Semplicemente perché, nella maggioranza dei casi, nessun loro cliente si sognerà mai di tornare da loro per ulteriori necessità, tantomeno di presentargli un suo conoscente. E questo la dice lunga. Nel mio caso è diverso. Il mio lavoro è basato su Clienti, acquisiti in oltre venti anni di attività, che tornano da me o che, nella maggior parte dei casi, suggeriscono di rivolgersi a me a loro conoscenti, che hanno la necessità di svolgere investigazioni, memori della propria esperienza positiva. Non a tutti accade la stessa cosa, benché a tutti piacerebbe che accedesse, per tanto sono molto invidiato dagli “pseudo colleghi”. Va inoltre evidenziato il fatto, non trascurabile, che io ho modo di conoscere le persone che si rivolgono a me in un momento molto “negativo” della loro vita, quando con il mio aiuto, cercano di ottenere quei risultati che potrebbero fare la differenza fra “subire” e “risolvere”. Il rapporto umano che si crea tra un Cliente che si rivolge ad un Professionista per essere aiutato a risolvere un suo problema, va al di là del semplice rapporto lavorativo; infatti un consiglio, un parere o semplicemente un punto di vista diverso, fornito in un momento particolare, può risultare molto utile nell’affrontare una situazione difficile. Comunque penso sia il caso, per rimanere in tema, di andare a spiegare, punto per punto, quali potrebbero essere i motivi per rivolgersi a me, piuttosto che ad altri: · Perché svolgo la professione di Investigatore Privato da ventitre anni, venti dei quali in proprio e personalmente, non occupandomi però di Investigazioni a 360 gradi, come molti, bensì prevalentemente di indagini nella sfera privata. In particolare mi dedico a casi di accertamento di infedeltà tra coniugi e quant’altro inerente alla separazione (aumento/diminuzione assegno di mantenimento, controllo minori, ecc.). · Perché mentre gli altri “colleghi” preferiscono pubblicizzare la propria versatilità, citando solo en passant che si occupano di “infedeltà coniugali” (come se fosse un’attività secondaria o di cui vergognarsi), al contrario io me ne vanto pubblicizzo con orgoglio e soddisfazione questa mia eccellenza. Migliaia di casi svolti, con ottimi risultati, in questo settore specifico, non possono che rendermi orgoglioso del mio operato.. · Perché chi si rivolge a me si rivolge “ad un artigiano” nel suo settore. Mi spiego meglio. Io lavoro personalmente con l’ausilio di un mio fidato collaboratore, regolarmente assunto e segnalato presso la Prefettura e la Questura di Roma. Questo modus operandi fa un enorme differenza fra me e “la concorrenza”. Il cliente che si rivolge a me per una consulenza, parla direttamente con me e, se deciderà di conferirmi incarico riponendo in me la Sua fiducia, sarò io personalmente a svolgere le indagini. Questo significa che se il Cliente decide di chiamarmi per essere aggiornato o rassicurato sugli sviluppi delle indagini in corso, potrà farlo direttamente al mio cellulare e sarò ben lieto di informarlo su quanto sta avvenendo. Nelle procedure abituali della concorrenza invece dove il Cliente si trova a doversi rapportare non più con il titolare con il quale ha parlato all’inizio, bensì con segretarie, collaboratori, ecc. Il mio metodo lavorativo infatti è quello di accettare un incarico per volta, il che mi lascia la possibilità di dedicarmi allo svolgimento dello stesso con il massimo impegno che la situazione richiede, prima di passare ad altro incarico. Per ultimo, ma non per ordine di importanza, dato che ho svolto le indagini personalmente, sarò io stesso, qualora si renda necessario, ad essere citato dal Legale del Cliente in qualità di teste a confermare in udienza i risultati delle mie indagini. Anche questo mi distingue dalla “concorrenza”; infatti in oltre venti anni ho partecipato in qualità di teste a centinaia di udienze e di certo ho maturato un’esperienza non indifferente. In qualche caso mi è addirittura capitato di avere a che fare con Legali che durante l’udienza cercavano di mettermi in difficoltà, facendo giustamente il loro lavoro, ma dei quali dopo ho ricevuto i complimenti e la richiesta di un biglietto da visita per altri loro assistiti. Grande soddisfazione. · Perché chi si rivolge a me, si rivolge ad un Professionista e viene ricevuto in un ufficio con ingresso indipendente, ubicato, pur se in zona centrale, in posizione riservata che garantisce la massima privacy al Cliente.Non si tratta di una grande struttura, con sale riunioni, sale d’aspetto, segretarie, angolo bar, ecc. bensì di un ufficio “a misura d’uomo” dove ci sono solo io che ricevo il Cliente, solo su appuntamento. In realtà, le spese di queste grandi strutture con dipendenti, con pubblicità di impatto, ecc. vanno ad incidere pesantemente sul costo dell’investigazione e quindi “sulle tasche del Cliente”. · Perché chi si rivolge a me a fine lavoro non verrà mai invitato a vedere filmati e fotografie su maxi schermi in sala riunione come avviene da altri “colleghi”, bensì verrà in ufficio dove troverà solo me, ad illustrargli la relazione prodotta, pronta per essere consegnata al suo Legale, corredata dalle fotografie effettuate. Il tutto nel massimo rispetto della privacy e con il tatto necessario per trattare situazioni così delicate. · Perché chi si rivolge a me per avere una consulenza gratuita e senza impegno, realmente si trova ad avere una consulenza senza impegno. Infatti anche di fronte al Cliente che voglia conferirmi un incarico immediatamente, è mia abitudine invitarlo a tornare il giorno seguente, dopo aver avuto la possibilità di riflettere con calma. Questa, a mio avviso è professionalità!! Non devo nè convincere nè forzare nessuno, anzi ritengo si più che giusto che un Cliente si rivolga anche ad altri “colleghi” per avere più preventivi, in maniera che possa poi decidere per il meglio. Grazie. Massimiliano Altobelli

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Le cose che non sai sulla professione di Investigatore Privato.. Dopo aver letto un articolo scritto da un mio collega Australiano, John Ioannou, titolare dell’Agenzia Investigativa “Precise Investigation”, ho pensato anche io di scrivere qualcosa in merito a come si svolge la vita quotidiana di un Investigatore Privato in Italia ed in particolare a Roma, al fine di poter anche chiarire alcuni aspetti, che spesso sfuggono alla maggior parte delle persone che non conoscono questa professione. Spesso, anche a causa di un’immagine data da centinaia di film e telefilm (come il mitico “Magnum P.I.”), la figura dell’Investigatore Privato, fa pensare, ad una persona che conduce una vita “non ordinaria”. Si è portati ad immaginare avventure quotidiane piene di azione, auto veloci e magari anche sparatorie..Si viaggia con la fantasia arrivando anche ad una falsa traccia di un James Bond, un Magnum P.I. ed un Simon & Simon. Per tutte quelle persone che vengono condizionate dai “media” e da immagini completamente opposte a quelle di un vero e reale Investigatore Privato, nasce l’esigenza in me di chiarire, con l’ assoluta certezza di deluderle, quanto la realtà sia distante da quella immaginaria e tenterò di farlo descrivendo e riassumendo la mia attività in “cinque punti” , assolutamente fondamentali, mirati unicamente a fare chiarezza in merito a quanto detto finora. La mia vita privata è un tutt’uno con la mia professione, quindi certamente non è noiosa nè ripetitiva, ma con questo non posso dire certo che possa assomigliare a quella descritta in un film di avventura. Come ogni professione anche la mia ha i suoi “pro” ed i suoi “contro”, e proverò, partendo proprio da qui, a descrivere, le prime “5 cose” che si dovrebbero sapere sulla vita di un Investigatore Privato. 1. Sono sempre reperibile al telefono.... sempre! Dimentichiamoci l’orario effettivo “normale” di lavoro: dalle ore 9,00 alle 17,00, 5 giorni a settimana. Noi Investigatori Privati siamo sempre reperibili al telefono, 24 ore su 24, 7 giorni su 7…proprio come i “medici”. E’ indispensabile per la natura del lavoro. Il Cliente deve sentirsi tranquillo di potermi contattare ogni volta che ne sente la necessità, al fine di essere aggiornato sui progressi del lavoro, sui suoi sospetti e su quanto gli è più necessario per poter gestire la propria emotività. Questo aspetto è fondamentale per contribuire alla sua serenità perché, il non sapere cosa stia accadendo, aumenterebbe in lui uno stato di ansia, che la maggior parte dei Clienti, ha….inevitabilmente. Essere sempre reperibili vuole anche dire essere disponibili per un eventuale nuovo Cliente, che trova il coraggio di chiamarmi perché sente “l’urgenza” di venire a capo di un suo problema, e questo a prescindere da ogni ora ed ogni attimo di qualsiasi giorno, che sia l’alba di una domenica mattina, o la tarda sera di lunedì o di un giorno festivo. Purtroppo non si può scegliere mai il momento giusto e il Cliente, nel sentirsi anche solo supportato telefonicamente, riesce a mantenere una giusta razionalità, necessaria per risolvere il suo problema. C’è da considerare anche, che nella mia carriera ultra ventennale, ho avuto spesso la possibilità di sentire al telefono e dare consigli a migliaia di Clienti in difficoltà, senza poi dover necessariamente svolgere un’attività investigativa per loro, e mi sento di aggiungere che questa reperibilità e disponibilità, nei confronti di qualsiasi cliente, mi ha sempre ripagato con soddisfazioni e con la stima ed il rispetto da parte di tutti, anche di chi mi ha chiamato su consiglio di altre persone per le quali ho lavorato. 2. Può essere decisamente non confortevole. Nei film e telefilm, un appostamento di 48 ore, viene trasmesso in pochi minuti.. MAGARI…. fosse così …anche nella vita reale. No! La realtà è realtà e non c'è niente che si può fare per accelerarne il tempo o per far spostare una persona a comando, ciò significa che un appostamento di 48 ore, trascorse instancabilmente ad osservare, ad esempio un portone da dove deve uscire il mio “target” o “sospetto”, sono esattamente ed effettivamente quelle, 48 ore! Chi come me svolge la professione in prima persona da tanti anni non potrà che confermare quello che dico: dopo ore di appostamento, nel momento in cui ci si distrae, si va a prendere un caffè, ci si sposta.. beh…. È proprio in quell’esatto istante che avviene quello che stavamo aspettando da ore!! E’ un “classico” che ha portato a coniare la frase: ..un Investigatore Privato pagherà una propria distrazione o un proprio errore, con ore e ore di attesa. Quando una persona mi dice che ha sempre sognato il mio lavoro e vorrebbe assolutamente intraprenderlo perché “si sente portata” ..mi basta chiederLe di accompagnarmi in un appostamento.. dopo mezz’ora o al massimo un’ora, avrà cambiato opinione.. Nella quotidianità, una persona è portata a pensare che attendere circa un’ora, sotto casa di un suo amico, della sua ragazza/o, in una sala d’aspetto, etc., sia una cosa inconcepibile! Per me aspettare concentrato per 3-4 ore, davanti ad un portone o ad un’ auto parcheggiata....rientra nella normalità !! Insomma: A chi piace, durante il suo lavoro, prendersi ogni tanto un momento di riposo o fare la “pausa caffè”..è meglio che cerchi un altro lavoro e non sogni di diventare mai un Investigatore Privato. 3. Quotidianamente dobbiamo trattare Clienti estremamente emotivi. In genere, le persone che si rivolgono ad un Investigatore Privato sono alla ricerca di risposte a problemi non proprio facili da risolvere. La maggior parte delle volte, riguardano questioni legate alla fedeltà, ai sentimenti, al denaro, all’inganno... o una combinazione di tutte. Forse è un coniuge a mentire, una persona amata diventata inaffidabile e bugiarda; un socio o un dipendente che diventa un “traditore; un figlio adolescente che si “stà perdendo” nella droga o in frequentazioni pericolose.. Qualunque sia la situazione o la storia, come si può immaginare, ogni Cliente ha un argomento molto delicato da esporre e per comprenderlo ed essergli utile ci vuole una persona che, oltre ad essere un Investigatore Privato, è anche una persona dotata di una sensibilità particolare che gli permette di affrontare la situazione con rispetto e professionalità ma anche con estrema condivisione del problema. Per trattare con Clienti che stanno vivendo un particolare periodo di fragilità emotiva, è necessario avere una tranquillità interiore sicuramente superiore al normale. E’ impensabile poter parlare con un Cliente, e trasmettergli la tranquillità necessaria anche per affrontare un’eventuale attività investigativa, se non si è sufficientemente tranquilli “interiormente”. Ciò significa che non si può sospendere un lavoro perché è tardi, lasciare tutto sul tavolo o chiudere la serranda di un negozio e tornarsene a casa; il mio lavoro entra a far parte della mia vita privata. Sfido chiunque ad andarsene a cena fuori o a trascorrere il già poco tempo a disposizione in famiglia, ed avere un caso in corso in cui è necessario il massimo impegno, in cui qualcosa può anche andare storto, ed avere il proprio Cliente al telefono in uno stato di ansia. La tensione e lo stress non possono cessare a comando…proprio da qui si può cominciare a dare un senso e un corpo alle priorità che deve avere la vita sia professionale che privata di un Investigatore Privato. 4. C’è tanto lavoro Burocratico.. “di ufficio”. Si cade anche nell’equivoco di pensare che un Investigatore Privato abbia l’opportunità di svolgere il suo lavoro solo ed esclusivamente all’aria aperta e mai dietro ad una scrivania.. Non è così! Quest’attività comporta anche, oltre svolgere delle indagini “su strada”, un’ ampia e dettagliata attività da svolgere in ufficio, ad esempio: scrivere le relazioni, con molta delicatezza ed attenzione perché con ogni probabilità finiranno tra le mani di Avvocati e Giudici in Tribunale, acquisire e stampare fotografie atte a documentare ciò che viene descritto in ogni relazione consegnata, programmare ogni azione prima di cominciare un’ indagine, verificarne la fattibilità, organizzarsi il lavoro al meglio per non dover incorrere in inutili perdite di tempo, fondamentale per noi e per il cliente. Ma oltre a quanto sopra descritto, che rientra nel lavoro ordinario “vero e proprio”, c’è tutt’altra ed altrettanta grande attività da svolgere in ufficio: registrare i conferimenti di incarico negli appositi registri, archiviare documenti con particolare attenzione alle disposizioni in merito alla Privacy, gestire l’attività dal punto di vista fiscale, gestire i documenti in merito alle disposizioni di Legge (prosecuzione attività, corsi di aggiornamento, etc.). Inoltre è necessario occuparsi della pubblicità, delle public relations, gestione dei siti web, profili FB, etc. L’aspetto “burocratico” è sicuramente uno degli aspetti meno attraenti del lavoro di Investigatore Privato, ma è assolutamente importante e delicato, questo è sicuro. Anche il più piccolo e meno delicato lavoro di indagine, può impegnare ore di lavoro successivo in ufficio, fatto di pagine di relazione, report, cercare file e documenti su internet, ecc. Anche questo è parte integrante della professione. 5. Molto spesso portiamo cattive notizie. Questo vuol dire che difficilmente le indagini finiscono con “.. e vissero tutti felici e contenti..” Provate ad immaginare di dover riferire ad una persona che il proprio coniuge la tradisce, magari con un loro conoscente! Immaginate di dover dire a qualcuno che il loro migliore amico e socio in affari lo sta “ tradendo”. E ancora…provate ad immaginare di dover dire ad una persona che un parente che stanno cercando è deceduto!!!! I clienti si rivolgono a noi alla ricerca di risposte. Non c’è mai alcuna garanzia che si trovino delle risposte, quelle che si aspettano i Clienti o che sperano di sentirsi dire, bensì avranno uno “spaccato della realtà”, che spesso non è quello che volevano vedere, con il quale saranno capaci di confrontarsi.. e questo può essere uno degli aspetti più difficili per un Investigatore Privato. È molto delicato saper mantenere il necessario equilibrio nel trasmettere delle notizie, cercando di non sminuirle, ma neanche d enfatizzarle. E’ necessario cercare di essere indifferenti, di mantenere il giusto distacco e non perché siamo allenati al “non sentire” ma perché la lucidità nelle situazioni di panico e di ansia è la condizione necessaria per svolgere questo lavoro. Allo stesso modo, trovare la maniera di far capire al Cliente la situazione rispondendo alla domanda più comune che viene posta: “ Perché mi merito questo” ? Spero di aver riassunto in queste righe una professione che, per me, malgrado l’impegno, le rinunce resta ed è senza ombra di dubbio.. l’attivita’ più bella del mondo! Quante sono le persone che quando si devono alzare, negli orari più improbabili, per andare al lavoro sono contente? Io sono fortunato, perché sono tra quelle. Dico sempre: ..sono grato al mio lavoro, mi ha dato tanto, però in cambio gli ho dedicato oltre venti anni di vita… Massimiliano Altobelli

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    Le domande più comuni dei nostri clienti sono: ...tradiscono più gli uomini o più le donne...? Essendo i tradimenti nel 90 per cento dei casi tra uomo e donna possiamo rispondere che la percentuale è la stessa. ...quanto può costare un'indagine investigativa...? non è possibile fare dei preventivi standardizzati in quanto bisogna valutare caso per caso ed il prezzo può variare dalla difficoltà, dall'impegno e da molti altri fattori

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    Verificate sempre che il Vostro Investigatore Privato sia autorizzato dalla Prefettura a svolgere le indagini affidate altrimenti le prove fornite non avranno alcun valore giuridico e potrete anche voi incorrere in un reato penale.

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Nell'arco di 25 anni abbiamo fatto migliaia di casi e ne abbiamo viste "di cotte e di crude" ma per motivi di privacy e riservatezza non possiamo ovviamente raccontare... Tutte le attività investigative sono comunque un bagaglio di esperienza che ci hanno permesso di migliorarci e di accrescere la nostra professionalità.