Matteo Negri

Matteo Negri

Via Alessandro Astesani Milano, MI, Italia
Anni di attività
0
Anni di attività
Dipendenti
0
Dipendenti

Troviamo il professionista che stai cercando.

Recensioni

Galleria foto

Descrizione

Batterista dal 2006, inizio gli studi presso la Scuola Civica di Sondrio, seguito dal M° Roberto Lisignoli fino alla fine del percorso dei 5 anni. Mi sposto poi a Milano per approfondire gli studi con il M° Sergio Pescara al corso professionale SIB (Scuola Italiana di Batteria), arrivando a raggiungere un ottimo livello di versatilità, sapendo così spaziare tra tutti i generi musicali: dal rock al funk, dallo swing al reggae, dal soul ai ritmi africani e allo stile jungle. Successivamente, sono seguito dal M° Alex Battini de Barreiro alla Orion Percussion di Milano, per l'approfondimento dei generi latini e per il raggiungimento del diploma Yamaha "Grade 6" (grado più alto riconosciuto). All'attivo vari progetti: - Hybrido (funk/soul/acid jazz) - Il Ristretto (elettronica) - Bossa Nova - Root's and the family band (reggae) - Duo Basso-Batteria con sequenze elettroniche - Latin Prestige Band (orchestra da ballo) Sono un batterista versatile, con un'attenzione particolare per il Groove. Mi piace trasmettere tutte le mie sensazioni a chi ho davanti, tramite un percorso, fin dall'inizio, molto efficace e veloce, capace di far svilluppare all'allievo un proprio modo di suonare lo strumento e renderne l'interpretazione del tutto originale!

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Do molta importanza al rapporto umano tra insegnante e allievo. Se c'é della confidenza reciproca, si parla di più e tutto viene più naturale!

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Trasmettere la mia passione a piccoli e grandi; cercare di trasmettere, tutto quello che è stato trasmesso a me, in maniera ancora più completa!

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    La batteria é uno strumento MUSICALE, molto più di quanto si pensi !

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    L'esperienza con l'orchestra da ballo è sicuramente la più particolare. Sono stato molto fortunato nel poter lavorare con loro. Sono situazioni che stanno ormai scomparendo e che erano presenti negli anni passati (fino agli anni '90). E' un ambiente che richiede una certa versatilità nei vari generi musicali; si suona di tutto: dal valzer/mazurka/polka, ai ballabili, ai cantautoriali, ai revival e alla musica dance più moderna!