Matteo Portoghese professionista ProntoPro

Matthew

1 2 3 4 5
2 Recensioni

Informazioni

Sono Laureato in Filologie e Letterature Moderne con votazione 110 e Lode, triennale in Lettere. Docente classe di concorso A12 e A22, impartisco lezioni private di Latino, Inglese ... Leggi tutto e materie umanistiche a studenti delle scuole medie e superiori. Fornisco poi lezioni di italiano a studenti stranieri. Ho lavorato in Australia nell'ambito di un grande evento internazionale, nel campo della comunicazione e del giornalismo. Per i bambini della scuola primaria, Aiuto Compiti e lezioni volte al recupero di lacune grammaticali. Serietà e metodo le parole d'ordine. Non esiste lo studente incapace, esiste solo, eventualmente, quello poco motivato.

Verificato
Verificato

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
2 Recensioni
Gianmarco A.
1 2 3 4 5
Verificata
3 mesi fa
 per 
Ripetizioni per scuole superiori - latino
Martin M.
1 2 3 4 5
Verificata
1 anno fa
 per 
Lezioni di italiano per stranieri
Matteo è una ragazzo molto serio e preparato. Ha fatto lezioni di italiano ad un ragazzo Svedese in modo impeccabile. È sempre stato in grado di rispondere alle sue domande (anche quelle ... Leggi tutto più strane). Assolutamente consigliato!

Posizione

Pin
Via Umbria, 7, Decimomannu, CA, Italia

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Serietà e metodo sono le parole chiave. Solo un attento colloquio con lo studente può portare l'insegnante a elaborare l'approccio giusto. Sul latino, è importante rendere l'alunno consapevole delle strutture grammaticali che già padroneggia in italiano, magari senza rendersene conto. Da lì è un attimo capire la natura del latino e dei suoi costrutti. In inglese, è fondamentale partire dalla lingua "vera" (canzoni, social network, etc) e spiegare anche da lì le regole grammaticali. Alle medie, tutti questi discorsi sulla fiducia e consapevolezza dei proprio mezzi si amplificano all'ennesima potenza. Gettare le basi adesso può significare avere una lacuna in meno alle superiori.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    È molto semplice: mi piace quando i ragazzi migliorano i loro standard e ottengono i risultati cercati. Ancora meglio quando accade che, grazie al mio metodo, si appassionano alla materia. L'altra grande gioia è l'alunno che ti dice "è proprio facile", davanti a un problema che tempo fa avrebbe considerato insormontabile.

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    In latino: Differenza verbi transitivi e verbi intransitivi, se ne parla sempre troppo poco! E ciò che è transitivo in una lingua, non è detto lo sia in un'altra. Il dizionario: bisogna saperlo usare, bisogna sapere cosa cercare. Inglese: Simple Past vs Present Perfect. In italiano e nell'elaborazione del tema, è decisivo lavorare sulla tipologia testuale e quindi i testi informativo-espositivi, argomentativi, regolativi. Lo schema di Berruto è utile non solo ai prof!

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Ho svolto un tirocinio presso la biblioteca di una grande università che è un'eccellenza a livello di ricerca in ambito umanistico. Il lavoro a stretto contatto con gli studenti mi ha permesso di immedesimarmi meglio nei loro panni ma anche di capire quando certe problematiche nella ricerca erano figlie di lacune dalle quali mai avevano recuperato durante la scuola secondaria di primo e secondo grado. Nel corso di una collaborazione con un ente di promozione turistico-cultuale australiano, ho svolto attività di traduzione specialistica e proofreading, il che mi ha permesso di immergermi nell'inglese scritto formale. Inoltre, a Cairns, Townsville e Canberra (Australia) ho lavorato sul campo, mettendo ogni giorno alla prova il mio inglese con parlanti madrelingua. Tuttora collaboro con un sito di giornalismo sportivo al quale contribuisco con articoli da me scritti direttamente in inglese. Ho seguito e seguo studenti di ogni ordine e grado. Dall'aiuto compiti con alunni della scuola primaria al lavoro con studenti di medie e superiori, non ho mai smesso di studiare e aggiornarmi sul piano metodologico. Nel volontariato lavoro spesso coi bambini e coi ragazzi e ne conosco quindi le potenzialità.