Psicologo

Psicologo

1 2 3 4 5
7 Recensioni
Via Giulio Romano, Milano, MI, Italia
Anni di attività
2
Anni di attività
Dipendenti
1
Dipendenti

Troviamo il professionista che stai cercando.

Recensioni

FF
Fabio F.
verificata
1 2 3 4 5
2 mesi fa
Persona davvero gradevole, è riuscita a farmi sentire "comodo" sin dall'inizio, cosa nella quale non speravo molto prima dell'incontro. Contento della scelta fatta.
DC
Damla C.
verificata
1 2 3 4 5
10 mesi fa
Grazie!
CG
Chiara G.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Sono una collega di Davide e lavoro con lui da circa un anno e lo considero uno psicologo intelligente e autenticamente interessato al benessere dei suoi pazienti. Affronta il suo lavoro con decisione e responsabilità ma è anche premuroso e accogliente come stile relazionale.
PB
Paolo B.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Davide è stato il mio psicologo nel 2016 quando ho fatto un periodo in day hospital e assieme alla psichiatra sono stati fenomenali nel rimettermi in piedi da un periodo di malessere davvero forte... Da allora sto davvero molto meglio.
IN
Ilaria N.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Ho conosciuto Davide in ospedale ed è una persona molto accogliente e premurosa, oltre ad essere molto preparato.
NL
Nicoletta L.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Ho iniziato il percorso con il Dott. Biscardi e mi sono trovata molto bene. E' stato da subito molto disponibile e molto professionale. Il percorso fatto con lui mi è davvero servito e mi sento di consigliarlo.
DT
Dario T.
1 2 3 4 5
1 anno fa
Davide Biscardi è un professionista serio e preparato che mi ha aiutato a superare delle difficoltà personali.

Descrizione

Consulente Psicologo presso Asst. Santi Paolo e Carlo. Inizialmente ho lavorato presso il reparto psichiatrico trattando tutte le principali psicopatologie in fase acuta, occupandomi di somministrazione ed interpretazione di test psicologici, attività diagnostica, raccolta anamnestica e consulenza psicologica.Attualmente lavoro presso il servizio Day Hospital della stessa struttura occupandomi di problemi psicologici in fase sub-acuta. Collaboro anche con il servizio di psicologia clinica, svolgendo terapie brevi presso l'ex Centro Famagosta. Il mio approccio lavorativo è interattivo: nella diade cliente - terapeuta lo scambio non è asimmetrico ma viene favorito un dialogo paritetico. La teoria di riferimento è quella dell'analisi transazionale: affonda le sue radici nella psicoanalisi classica ma maggiormente orientata verso la relazione e condotta con un approccio umanistico. Inoltre il ruolo dell'interpretazione è meno dominante. Trattamento di tutti le problematiche più comuni: ansia, depressione, stress, problemi relazionali, difficoltà di concentrazione e dipendenze da sostanze o relazionali.

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Il mio approccio lavorativo è interattivo: nella diade cliente - terapeuta lo scambio non è asimmetrico ma viene favorito un dialogo paritetico. La teoria di riferimento è quella dell'analisi transazionale: affonda le sue radici nella psicoanalisi classica ma maggiormente orientata verso la relazione e condotta con un approccio umanistico. Inoltre il ruolo dell'interpretazione è meno dominante.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Mi piace conoscere le persone nelle loro molteplici sfaccettature. Spesso è difficile immaginarsi quali idee, aspettative, bisogni, paure abitino il profondo delle persone e come possano essere il motore di un cambiamento positivo e portatore di benessere.

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    In genere i miei pazienti mi chiedono cosa dovrebbero fare di fronte alle loro problematiche e spesso si stupiscono come la risposta sia già contenuta nella loro domanda, senza però riuscire a vederla o considerarla con il giusto peso.

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    Lavoro con clienti provenienti da diversi condizioni socio economiche e tratto problematiche molto diverse per gravità.

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Mi piacerebbe condividere esperienze di successi terapeutici ma eticamente e e deontologicamente non è possibile.