Gaetano Ciancio professionista ProntoPro

Dr. Ciancio

1 2 3 4 5
1 Recensione

Informazioni

Sono uno Psicologo, Sessuologo, Psicodiagnosta. Ho scelto di dedicare la mia vita allo studio della psicologia perché questa disciplina ha sempre nutrito il mio processo desiderante. ... Leggi tutto Il Desiderare è un movimento che oggi sta perdendo la sua forza per dar spazio ad un edonismo senza forma. Il mio lavoro verte sulla elaborazione personale della propria vocazione che diviene il sistema elettivo promuovente il benessere. Il sintomo diviene così il risultato dell'allontanamento dal proprio desiderio, dalla propria vocazione. Un percorso psicologico per me deve assumere questa responsabilità: riconoscere e riallineare il proprio sistema desiderante. Consulenza psicologica al singolo, alla coppia e alla famiglia. Psicodiagnosi, Disturbi d'ansia e dell umore. Disturbi dell'apprendimento e del comportamento in età evolutiva. Consulenza sessuologia al singolo e alla coppia.

Verificato
Verificato
3 Anni di attività

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
1 Recensione
Dora T.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Sono stata seguita dal dottor Ciancio durante un difficile periodo della mia vita segnato da una importante forma di depressione. Posso dire che senza il suo aiuto non avrei potuto ... Leggi tutto superare tutto ciò. Professionale,sensibile, empatico...tutto ciò che uno psicologo dovrebbe avere. Lo consiglio
Dr. Ciancio
Risposta del professionista
Cara Dora, la ringrazio per le sue parole e per la forza che ha dimostrato durante il nostro percorso. Le auguro di continuare a nutrire le preziose risorse che detiene dentro di se.

Foto

Posizione

Pin
Via Don Giuseppe Puglisi, Adelfia, BA, Apulia, Italia

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    La differenzia lo fa il rapporto che si crea con il paziente, nient'altro.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Mi permette costantemente di meravigliarmi ed essere osservatore privilegiato del cambiamento

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    Ascolto sempre le domande implicite che si presentano sotto forma di sintomo. La domanda che spesso ascolto in questi termini è: Mi vedi? Mi riconosci? Esisto?