Antonio Raia professionista ProntoPro

Studio Privato Psicologo Raia

Informazioni

Ho iniziato la mia formazione in materie psicologiche e psicoterapeutiche laureandomi in Psicologia Clinica e di Comunità presso la Seconda Università degli Studi di Napoli. Dopo un ... Leggi tutto tirocinio formativo presso diversi istituti di igiene mentale ho conseguito l’abilitazione presso l’Ordine degli Psicologi della Regione Campania. Successivamente ho frequentato la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica dove ho avuto la possibilità di approfondire le materie psicologiche e psicoanalitiche oltre che ricevere una formazione clinica ad ampio raggio. La mia attività clinica comincia presso i dipartimenti di salute mentale dove ho avuto modo di apprendere metodiche di trattamento, diagnosi e cura relative alle diverse forme psicopatologiche. Ho inoltre collaborato, in qualità di consulente esterno e vincitore di diverse borse di studio, presso il reparto di Medicina Interna della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Seconda Università degli Studi di Napoli. La mia attività Clinica si completa presso i miei studi privati di Benevento, Montesarchio (Bn) e Somma Vesuviana (Na). Collaboro, inoltre, con diversi istituti di formazione accreditati dove svolgo attività didattica in materie psicologiche e sono Consulente Psicologo d’Ufficfio presso il tribunale di Nola (Na). La dedizione, l’amore e il continuo desiderio di sapere in ambito psicologico e clinico mi ha permesso di partecipare a numerosi congressi e conferenze dandomi la possibilità di confrontarmi con colleghi di diversi paesi del mondo e di diversi orientamenti teorici e clinici. Fare una Psicoterapia significa concedersi un occasione, concedersi la possibilità di aprirsi a qualcosa che ha il sapore dell’inedito, del nuovo, ma che inevitabilmente ci riguarda. Spesso la scelta di un trattamento psicoterapico è dettata dall’irruenza di un sintomo che sconvolge l’ordine delle cose precostituite fino a quel momento. Il sintomo psichico, infatti, occupa la posizione di chi ad un certo punto ribalta il tavolo e la conseguenza più lampante che ne deriva è che niente risulta più essere al suo posto. La non accettazione, la voglia di tornare indietro costituiscono le prime forme di espressione di un lamento che cerca di opporsi alla sofferenza prodotta da tale sconvolgimento. Gli affetti, la relazione con gli altri e con se stessi, i progetti e le aspettative circa il proprio futuro sembrano svaniti nel nulla, la percezione di non riconoscersi più si costituisce come l’unica certezza che si ha nel mare dei dubbi e delle preoccupazioni in cui si piomba. La frase, infatti, protagonista nelle prime sedute è appunto: “nulla è più come prima, avrei preferito rompermi una gamba” o cose simili. È comprensibile tutto questo, come intendere o spiegarsi un fenomeno che si presenta in modo bizzarro, paradossale, senza senso, che sentiamo non appartenerci in nessun modo ma che allo stesso modo ci limita così tanto. Che senso ha, a che cosa serve tutto questo, da cosa ne deriva talo stato ecc. sono gli interrogativi che tentano nella loro formulazione di rendere ragione di quella canaglia di nome sintomo. Ecco, possiamo dire che una Psicoterapia dà forma e senso al sintomo, divenendo egli stesso una possibilità. Possibilità di conoscere sé stessi, guardandosi sotto una chiave diversa, ma sempre profondamente intrinseca all’autenticità del soggetto. Sintomo che diventa sapere, consapevolezza, e, quindi risorsa. Attraverso questi passaggi, la conoscenza di sé prenderà il posto di quelle caratteristiche negative del sintomo, abbandonandole definitivamente.

11 Anni di attività

Recensioni

Nessuna recensione

Posizione

Pin
Corso Italia, 2, Somma Vesuviana, 80049 NA, Italia