Giuseppe Palamara professionista ProntoPro

Studio Tecnico Palamara

Informazioni

Mi occupo di ingegneria edile dal 1989, allorquando mi laureai in ingegneria civile "direzione e produzione opere edili", da allora mi sono occupato di costruzioni (prevalentemente ... Leggi tutto villette) ed urbanistica (piani particolareggiati, opere di urbanizzazione). Oggi sono tornato al servizio del privato e sono tornato a fare ciò che più amo. Progettiamo la tua casa, ci occupiamo di tutto dalla A alla Z, dall'approvazione del progetto alla abitabilità, passando per calcoli statici, sicurezza, catastazione. Facciamo anche servizi alle imprese per l'ottenimento finanziamenti con leggi nazionali o programmi regionali.

28 Anni di attività

Recensioni

Nessuna recensione

Foto

Posizione

Pin
Messina

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Dai miei concorrenti mi differenza l'ETA (la lettera greca η), ovvero il rendimento. Come in una macchina termica esso indica il rapporto la produttività ed il tempo impiegato per questa produzione. Il mio è del 98%. In una parola a parità di qualità impiego meno tempo degli altri.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Creare e dirigere. In una parola è questo il bello del mio lavoro, chi come me ha una straordinaria creatività e brillantezza, amo definirmi un ingegnere/architetto, ho i pragmatismo dell'ingegnere unita alla creatività propria dell'architetto, ama poi realizzare i propri progetti ben dirigendo le maestranze.

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    Mi chiedono di contenere i costi ed io rispondo che tutti si può fare, ma so io dove fare i tagli senza far perdere valore alla mia progettazione.

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    oggidì purtroppo in Italia la burocrazia fa di tutto per tarpare le ali a chi vuole investire, ma il mio motto è: inutile piangersi addosso, occorre rimboccarsi le maniche e... AGIRE.

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Qualche anno fa mi capito di presentare un progetto a Milano presso una grande catena alberghiera, la quarta del mondo. il mio progetto piacque moltissimo, ma fu scartato perché fuori da quelli che erano gli standard qualitativi richiesti e mi fu chiesto di accettare il loro capitolato se volevo la commessa. Rifiutai.