Valerie Betz professionista ProntoPro

Valerie B.

Informazioni

Sono una italo tedesca di 25 anni, nata e cresciuta in Germania e in Italia dall'età adolescente. Ho conseguito un diploma linguistico, studiando tedesco, inglese, francese e spagnolo. ... Leggi tutto Ho vissuto 6 mesi in Inghilterra e poi mi sono iscritta alla Scuola per Interpreti e Traduttori. Nel mentre ho studiato 6 mesi all'Università di Bruxelles, aderendo al programma Erasmus. Dopo la Laurea triennale ho studiato due semestri in Cina, dando esami di comprensione, conversazione e grammatica. Una volta tornata dalla Cina, mi sono iscritta alla Laurea magistrale in Corporate Communication, la versione inglese di Comunicazione pubblica e d'impresa, laurea che sto conseguendo al momento. Sono una giovane italo tedesca laureata alla Scuola per Interpreti e Traduttori di Forlì, una delle migliori d'Italia. Ho vissuto in Inghilterra, Belgio e Cina per approfondire le mie conoscenze di inglese, francese e cinese mandarino. Offro lezioni di tedesco e inglese, l'aiuto nei compiti e nella stesura di tesi o tesine. Inoltre mi propongo come traduttrice per tesi o testi in o dal tedesco e inglese.

3 Anni di attività

Recensioni

Nessuna recensione

Posizione

Pin
Bologna

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Sono madrelingua tedesca e quindi ho una conoscenza linguistica diversa da chi studia la lingua. Inoltre ho vissuto all'estero e ho avuto quindi la possibilità di apprendere non solo le mie lingue straniere, ma anche le corrispettive culture.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Il contatto con le persone, tutte diverse tra di loro, e il fatto di insegnare qualcosa a qualcuno.

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    Qual è il modo migliore e più efficace per apprendere una lingua? Imparare la grammatica e poi andare sul posto. un MUST!

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Quando ero in Cina ho lavorato come insegnante di inglese con un gruppo, che da lì a poco, sarebbe partito per gli States. Quei ragazzi avevano tante domande sulla cultura ed il modo di fare americano, che ho capito quanto siamo tutti diversi e quanto ogni cosa sia solo fatta di punti di vista. Non esiste giusto e sbagliato.