Térence Di Stefano professionista ProntoPro

Vuoi tradurre un documento in francese, in spagnolo o in inglese ? Ingegnere Parigino propongo traduzioni tecniche

1 2 3 4 5
2 Recensioni

Informazioni

Avendo trascorso tutta la mia vita in seno ad collettivo, sia professionalmente che personalemente, possiedo una capacità di addattamento che mi permette di trovare soluzioni rapidi ... Leggi tutto ed efficaci per rispondere al meglio alle richieste delle persone. Aiutavo quotidianamente la mia famiglia, i miei amici, i collaboratori e me stesso durante il mio tempo libero a Parigi. Vivendo attualmente nel Triveneto, vorrei conoscere ed aiutare persone nuove. Ho insegnato per un anno il francese e lo spagnolo a bambini e professionisti in convenzione con la scuola INLINGUA di Brescia. Da Maggio 2017, mi sono trasferito a Monte Carlo (Mònaco). Partendo dalle basi fino ai linguaggi più specifici, scopri quanto può essere facile e divertente imparare nozioni nuove in poco tempo mediante tecniche e metodi di apprendimento . Questi metodi sono stati utilizzati da persone di grande successo in diversi ambiti (interpreti, ricercatori, politici, ingegneri, sportivi...) allo scopo di raggiungere i loro obbietivi. Vuoi un esempio più concreto? A solo 24 anni, sono stato agente di sicurezza per eventi popolari a Parigi e calciatore di livello agonistico in serie C2. Sono oggi laureato in ingegneria e fotomodello in alta moda. Inoltre parlo quattro lingue : Italiano, Francese, Spagnolo e inglese. Vuoi raggiungere i tuoi obbiettivi? Allora vieni con fiducia e buona volontà e sarà un onore far parte del tuo successo.

1 Anni di attività

Recensioni

5.0
1 2 3 4 5
2 Recensioni
Hasan C.
1 2 3 4 5
2 anni fa
Formidable
Thomas R.
1 2 3 4 5
2 anni fa
The best

Posizione

Pin
Pagnacco

Intervista

  • Cosa ti differenzia dai tuoi diretti concorrenti?

    Essendo poliglotta, sono cresciuto in un ambiente multiculturale. Laureato in ingegneria, possiedo un vocabolario ampio, variato e persino tecnico. Durante il percorso universitario, ho seguito corsi di psicologia e neurologia e conferenze su metodi di apprendimento.

  • Cosa ti piace del tuo lavoro?

    Essendo in trasferta di lavoro a MONTE CARLO (MÒNACO), ultimamente propongo solamente traduzioni. Nonostante tutto, l'insegnamento è una fonte di divertimento che mi permette non solo di condividere una lingua o tradizioni culturali ma di trasmettere anche ciò che sono. Insegnando in individuale o in gruppi piccoli, posso conoscere meglio le persone, le loro passioni e i loro obiettivi. Di conseguenza, riesco ad addattare e personalizzare le lezione allo scopo che entrambi le parti si divertano.

  • Quali domande ti fanno di solito i clienti e come rispondi?

    - Non riesco a capire, dove sei cresciuto? - Sono cresciuto a Parigi e passavo le vacanze scolastiche estive in Friuli. - Ma come mai sai quattro lingue? - Sono bilingue francese e italiano e sono cresciuto con amici di madrelingua spagnola. Ho imparato l'inglese a scuola e in università e mediante viaggi internazionali.

  • Hai qualche informazione particolare che vuoi condividere sul tuo lavoro?

    Ho insegnato per un anno a Padova il francese e lo spagnolo a bambini e professionisti in convenzione con la scuola INLINGUA di Brescia. Da Maggio 2017, mi sono trasferito a MONTE CARLO (MÒNACO) per motivi lavorativi. Per questo motivo, riesco solamente a fare traduzioni.

  • Hai qualche esperienza che ti piacerebbe condividere?

    Il calcio è una mia grande passione. Da piccolo, come tutti i bambini, ho sognato di diventare professionista. Durante i settori giovanili, a causa di una serie di infortuni, passavo la maggior parte del tempo in tribuna e ho avuto poco tempo in campo per dimostrare di poter giocare a categorie più alte. Nonostante tutto, ho perseverato e creduto in me. E fu cosi che a 18 anni, sono riuscito ad essere titolare in una squadra del campionato nazionale U19. L'anno dopo, son andato a fare un provino in una Serie D. L'allenatore di questa squadra mi ha chiaramente fatto capire che avevo un potenziale ma che secondo lui non avrei giocato ne in prima squadra ne in primavera. Sapete cosa gli ho risposto? "Ah ok, staremo a vedere!" Dopo due mesi, ero titolare in primavera. Ho dovuto aspettare ben otto mesi prima di diventare titolare in prima squadra. Siamo stati promossi in Serie C2 l'anno successivo. E fu cosi che a 20 anni mi ritrovò titolare in Serie C2. Ciò che voglio condividere è che per raggiungere qualsiasi obiettivo bisogna a crederci e perseverare perché prima o poi le opportunità si presentano.