Trova il tuo esperto.

Trova Avvocati a Trapani

Guarda i migliori 10 vicino a te


Come funziona ProntoPro

Confronta

Decine di Professionisti verificati sono pronti ad aiutarti

Scegli

Controlla prezzo, foto e recensioni.

Contatta

Scrivi ai Professionisti direttamente in chat.

Gratis e senza impegno.


Trova avvocati a Trapani

Studio Tecnico di Ingegneria

Studio Tecnico di Ingegneria

4 recensioni

Lo Studio Tecnico di Ingegneria lavora con esperienza nel settore della certificazione energetica a Trapani per la realizzazione di costruzioni e per progettazioni

A

Avvocato

Avvocato professionista dinamico che presso il suo personale studio legale a Trapani effettua pratiche di qualsiasi genere con passione per il suo lavoro

A

Avvocato

Avvocato da diversi anni è esperto nel campo di diritto civile avvocato a Trapani. Effettuano consulenze presso uno studio legale diritto amministrativo.

AA

Avvocato Antonella Venza

Lo studio dell'Avvocato Antonella Venza è competente in casi riguardanti lo sfratto e la separazione con addebito a Trapani. Si avvale inoltre della collaborazione di un esperto avvocato giuslavorista.

AA

Avv. Antoci Ornella

Avv. Antoci Ornella, collaboratrice presso un importante studio legale a Trapani, assiste i clienti in cause civili o penali, inoltre offre servizi per il recupero crediti.

Geometra

Geometra

Professionale studio interior design a Trapani. La ditta Geometra dispone di personale esperto e manodopera qualificata per interior designer a Trapani.

AG

Avv. Giovanni Liotti

Lo Studio Legale dell’avvocato Giovanni Liotti è ubicato a Trapani, nella Via Livio Bassi n.6. Lo Studio è composto da avvocati indipendenti che collaborano tra di loro sinergicamente al fine di avere un approccio multidisciplinare alle questioni trattate, personalizzando il servizio offerto al Clie…

AM

Avvocato Michele Bellezza

Avv. Michele Bellezza, collaboratore presso un importante studio legale a Trapani, assiste clienti in cause penali con massima competenza, serietà e disponibilità.


Le risposte del Professionista alle tue domande

Le risposte del Professionista alle tue domande - Antonio Terranova - Avvocato in Palermo

Antonio Terranova - Avvocato in Palermo

Dietro una causa o un procedimento ci sono uomini e donne che soffrono per un diritto negato o per un abuso subito ed è lì che l’avvocato interviene, a tutela del più debole, con l’unica arma consentita, ovvero la preparazione e la ricerca continua della strada giuridica più consona onde tutelare le ragioni e i diritti negati dei propri assistiti. Queste le parole dell'avvocato penalista Antonio Terranova, che considera la sua una professione diversa dalle altre, per cui è necessaria una vera e propria vocazione, facendosi carico delle difficoltà dei propri assistiti con scrupolo, passione e abnegazione massima. Lo studio dell'avvocato Terranova propone inoltre assistenza in materia di diritto civile, grazie al contributo dell'avvocato Caterina Graviano.

Potrebbe riassumere le fasi di un processo penale?

Iniziamo col dire che esiste una differenza tra procedimento penale e processo vero e proprio, soprattutto per una questione di esatta definizione di fasi diverse sancite dal nostro legislatore nel codice di procedura penale. Cerchiamo di spiegarla nella maniera più coincisa possibile. Per amor di brevità possiamo dire che si usa parlare di “procedimento penale” per indicare in modo generale il tema del processo di cui si sta trattando e, inoltre, per indicare la fase iniziale delle indagini preliminari. Il “processo penale” vero e proprio, invece, sorge nel momento in cui il Pubblico Ministero esercita l’azione penale, quindi nel momento in cui l’indagato diventa imputato, dal quale ne consegue anche l’effettiva iscrizione nel registro dei carichi pendenti, che è diverso dal “registro 335”. Le principali fasi processuali possono essere così sintetizzate: -indagini preliminari; -udienza preliminare (eventuale, perché prevista per taluni reati); -procedimenti speciali (anch’essi eventuali); -dibattimento; -sentenza; -fase esecutiva (eventuale). Dalle fasi del processo penale si distinguono i gradi del processo penale: il processo penale, infatti, come anche le cause civili, prevedono due gradi di merito, e cioè il processo di primo grado e quello di appello, più un grado di legittimità, cioè il ricorso per cassazione, oltre alle altre possibili impugnazioni straordinarie (es. revisione).

È possibile ricorrere ad un procedimento penale per incidente stradale?

Certamente sì. Nel caso di lesioni personali procurate a seguito di sinistro cagionato dalla violazione di una più norme del Codice della Strada, il reato, previsto ex art. 590 bic c.p., è punibile d’ufficio in tutti i casi in cui i giorni di prognosi siano pari o superiori a 41 (quarantuno). IIn altri termini, e più correttamente, sono procedibili d’ufficio (dunque a prescindere dalla querela dell’offeso) le lesioni stradali gravi e gravissime, con la sola eccezione pertanto delle sole lesioni lievi (fino a 40 giorni, appunto). Tuttavia, è bene evidenziare che è attesa a breve una riforma che ne modificherà la procedibilità prevedendo la querela, ma solo per la fattispecie base contemplata dal primo comma dell'articolo 590-bis. A stabilirlo è il disegno di legge delega di riforma del processo penale approvato dal Consiglio dei Ministri il 13 febbraio 2020). La procedibilità è invece già oggi a querela della persona offesa per le lesioni stradali lievi, dato che, come detto, queste sono ricondotte nella fattispecie generale delle lesioni personali colpose di cui all'articolo 590 c.p. Nel processo penale che verrà intrapreso contro l’autore della condotta illecita, a prescindere dalla tipologia delle lesioni, la persona offesa potrà costituirsi parte civile per ottenere il risarcimento del danno patito.

Qual è la differenza tra avvocato penalista e civilista?

L’avvocato penalista è colui che si prende cura di tutelare gli interessi del proprio assistito in materia di diritto penale, ovvero quel ramo della legge che stabilisce quali siano i reati che ledono gli individui e la collettività e le conseguenti pene pecuniarie o limitative della libertà personale per chi li commette.L’avvocato civilista invece è quel professionista che, utilizzando gli strumenti previsti dalla legge in materia di diritto civile, difende gli interessi della parte assistita. Tali interessi, possono essere difesi davanti ad un giudice, ad un mediatore, ad un arbitro o semplicemente in una controversia stragiudiziale.

Quali sono i tempi di un processo penale? E da cosa dipendono?

La durata di un processo penale dipende da molteplici fattori che non è facile riassumere in poche righe. Dobbiamo dire che, secondo i dati diffusi dal ministero della giustizia, la durata media, calcolata su tutti i tribunali dello Stato, di un processo penale nei tre gradi di giudizio sarebbe pari a quattro anni e quattro mesi circa. Questo a partire dalle indagini preliminari fino alla sentenza di Cassazione, per giungere, in taluni casi fino a 7 anni. Si tratta di tempi lunghissimi per chi vive da innocente un processo e per tali ragioni tutti gli avvocati penalisti d’Italia combattono per salvaguardare il diritto dell’imputato ad un processo che sia giusto ed anche celere. Fissare un limite temporale alla potestà punitiva dello Stato è una esigenza di civiltà, specialmente in un sistema giudiziario quale il nostro. Garantire un termine certo entro cui la giustizia deve fornire una risposta definitiva è doveroso tanto nei confronti dell’innocente, quanto nei confronti del colpevole atteso che ogni imputato ha diritto di programmare la propria esistenza e di fare progetti per il futuro anche tenendo in conto la possibilità di espiare una pena. In diversi dibattiti televisivi, troppo spesso, assistiamo ad ingiuste e infondate accuse rivolte agli avvocati che, a dire di taluni - che in realtà fanno solo demagogia ai fini elettorali - sfrutterebbero i “cavilli giudiziari” per giungere alla prescrizione del reato, così da indurre alcune forze parlamentari a sostenerne l’abrogazione. Non possiamo tollerare di risolvere il problema dei ritardi processuali con l’eliminazione di un diritto fondamentale per ogni cittadino, atteso che sia per l’imputato che per la persona offesa, un processo senza prescrizione rischierebbe di vincolarli allo status processuale a tempo indeterminato, rimanendo in attesa ed in balia della Giustizia penale senza alcun termine. Proprio per tali ragioni l’Unione delle Camere Penali Italiane combatte contro questa ipotesi scellerata di riforma, auspicando che il riordino della giustizia penale avvenga tutelando i diritti e non certamente negandoli.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy Accetto